Homo ergaster

volto di homo ergaster

Tra gli antenati dell'essere umano abbiamo il Homo ergaster. Si tratta di un ominide apparso nel continente africano circa 2 milioni di anni fa. Da quando sono stati scoperti i resti di questi esseri umani, c'è stata una grande controversia tra gli esperti. Alcuni ritengono che questa specie insieme al Homo erectus sono la stessa specie, mentre altri esperti affermano che sono specie diverse.

In questo articolo vi racconteremo tutte le caratteristiche, l'origine e le curiosità del Homo ergaster.

caratteristiche principali

homo ergaster

La teoria prevalente oggi è che questa specie di essere umano fosse il diretto antenato del Homo erectus. È considerato come il primo ominide che potrebbe lasciare il continente africano. L'anatomia di questa specie rappresenta un salto evolutivo rispetto ad altre specie precedenti. In questo modo si evidenzia un'altezza che potrebbe raggiungere circa 1.8 metri. Come per altre specie, questa si distingue soprattutto per avere una grande capacità cranica. Aveva questa capacità ben oltre quella dei suoi antenati. Per questo motivo, molti autori ritengono che un maggiore consumo di carne spieghi l'aumento di questa capacità cranica.

Tradotto, Homo ergaster significa uomo che lavora. Questa specie portò con sé un grande miglioramento nell'elaborazione degli strumenti e i suoi utensili iniziarono ad essere più complessi. Avendo una migliore qualità di questi utensili, è stato possibile favorire la tecnica venatoria e il resto delle altre attività sociali.

Gli studi che sono stati effettuati su questo ominide fanno si che gli esperti possano considerarlo anche come il successore del Homo habilis. D'altra parte, alcuni autori non sono pienamente d'accordo con questo e non c'è un consenso assoluto. Ci sono molti paleoantropologi che pensano che potrebbe essere stata una singola specie. I primi resti di diversi teschi forse femminili sono datati a circa 1.75 milioni di anni.

Una delle scoperte più importanti è quella dell'anno 1984. Uno scheletro di un ragazzo di 11 anni è stato portato alla luce e ha permesso lo studio della sua anatomia. Tra le caratteristiche che risaltavano di più c'era la sua altezza. Era alto circa 1.6 metri alla data della sua morte, quindi avrebbe potuto raggiungere 1.8 metri. La capacità del cranio era di circa 880 centimetri cubi e il suo corpo aveva una struttura di tutte le ossa molto simile a quella dell'attuale essere umano.

Datazione e ambito geografico del Homo ergaster

Homo erectus

Questa abitudine ominide durante l'epoca del Pleistocene medio circa 1.9 milioni di anni fa. I depositi che sono stati trovati rivelano che il loro habitat naturale in cui si sviluppavano il giorno e la vita era in Etiopia, Tanzania, Kenya ed Eritrea. In tutta questa zona il clima prevalente era molto arido e la siccità si è protratta per circa 100.000 anni.

Alcuni esperti concordano sul fatto che il file Homo ergaster è stato il primo ominide che ha potuto lasciare il continente africano. Grazie a questa migrazione ha saputo adattarsi ad altre aree del pianeta in cui predominavano altre caratteristiche climatiche, vegetazione e fauna. Prima di lasciare il continente africano, si espanse nel resto di questo territorio, facendo il salto in Medio Oriente asiatico tra circa 1.8 e 1.4 milioni di anni fa. È noto che è venuto ad occupare aree del Caucaso. Alcuni resti sono stati trovati in Spagna e in Italia da circa 1.4 milioni di anni fa.

Ci sono molti esperti scientifici che affermano che ha rapidamente ceduto il passo al Homo erectus come predecessore. Alcuni scienziati affermano che sono la stessa specie che varia nella loro area geografica. Nel campo della genetica troviamo la diversità nei geni a seconda dell'ambiente. Se una specie si sviluppa in un ambiente diverso è molto probabile che sviluppi altre caratteristiche evolutive differenti. Tuttavia, questo non significa che la specie sia diversa, ma che si evolva a causa di un'altra serie di adattamenti.

Caratteristiche fisiche del Homo ergaster

eredità di homo ergaster

Vediamo quali sono le caratteristiche fisiche che ha questo essere umano. Il suo cranio aveva una visiera sopraorbitale. L'area delle sopracciglia era considerevolmente più piccola di quella degli antenati, sebbene un po 'più grande di quella dell'attuale essere umano. Il peso che oscillava era compreso tra 52 e 68 kg ed erano totalmente bipedi. Le sue gambe erano allungate e non ci sono prove di un marcato dimorfismo sessuale. Questo spiega che non c'erano differenze anatomiche tra uomini e donne. Tra di loro potevano svolgere quasi gli stessi compiti indipendentemente dal sesso.

L'aspetto del viso era segnato da un naso più sporgente e dalla mascella e dai denti più piccoli di quelli del Homo habilis. La crescita del cervello era alimentata da cambiamenti nella dieta e il suo petto si restringeva verso le spalle, mentre le ossa della coscia erano allungate.

Altri aspetti fisici che hanno prodotto un cambiamento importante nel modo di regolare la temperatura interna. Ed è che potrebbe sviluppare la sudorazione e gli ha fatto perdere i peli del corpo a medio e lungo termine. I peli della testa apparvero nei polmoni sviluppati ulteriormente. Va tenuto presente che questo essere umano era sempre più incaricato di svolgere attività più complesse, quindi aveva bisogno di più energia e ossigenazione per poterli svolgere.

La respirazione cessò di essere esclusivamente orale e iniziò anche a respirare attraverso il naso. È così che sono riusciti a sopravvivere nella savana aperta dove una maggiore mobilità era essenziale per sfuggire ai predatori e cacciare le loro prede.

Comportamento

Molti esperti affermano che tra i comportamenti di Homo ergaster non si usano più gli alberi per muoversi. Fu così che riuscì ad abbandonare completamente la condizione arborea di molti dei suoi antenati e visse solo a terra. Sono ominidi più stilizzati e la loro anatomia si è adattata all'ambiente in cui vivevano. Vivendo nella savana, non era molto efficiente spostarsi dagli alberi. Si sono mossi in un modo simile all'attuale essere umano.

Se andiamo all'aspetto sociale, hanno stabilito relazioni complesse nelle comunità. Il linguaggio orale è apparso anche se non tutti gli scienziati sono d'accordo con questo.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sul Homo ergaster e le loro caratteristiche.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.