Geoingegneria

geoingegneria

Sappiamo che uno dei maggiori problemi che gli esseri umani devono affrontare in questo secolo è il cambiamento climatico. L'aumento delle temperature medie globali sta causando cambiamenti climatici in tutto il mondo. Le conseguenze sullo stato possono essere catastrofiche e dovrebbero essere evitate a tutti i costi. Per questo, ha creato il geoingegneria. Molte persone non sanno cosa sia la geoingegneria o cosa stia cercando di fare.

Pertanto, in questo articolo ti diremo cos'è la geoingegneria, quali sono le sue caratteristiche, gli obiettivi e molto altro.

Cos'è la geoingegneria

scie chimiche

La geoingegneria si riferisce a un insieme di tecnologie progettate per l'intervento sul clima nel tentativo di "rimediare" al cambiamento climatico. Questa disciplina aspira ad essere tecnologia su scala planetaria.

La scienza attualmente deve affrontare due sfide: assorbire l'anidride carbonica dall'aria in modo che l'atmosfera intrappoli meno calore e riflettere più luce solare in modo che la Terra assorba meno calore.

Questa disciplina in via di sviluppo ha già portato alcuni ricercatori a indagare, attraverso simulazioni al computer o esperimenti di laboratorio su piccola scala, i contributi che lo sviluppo della geoingegneria porterà, così come i rischi che potrebbe comportare.

In questa professione si combinano i campi di conoscenza dell'ingegneria, della geografia e dell'informatica È una scienza che è sempre stata dibattuta sulla portata del suo intervento.

caratteristiche principali

cos'è la geoingegneria

Una delle scommesse più rischiose di fronte al cambiamento climatico è la geoingegneria, un concetto che racchiude diverse proposte tecniche per manipolare il clima globale per affrontare alcuni dei sintomi del caos climatico. Ha rischi ambientali, sociali e geopolitici, ma il più grande rischio immediato è che diventi una scusa per l'inerzia climatica: viene utilizzato come scusa per la continuazione e l'aumento delle emissioni di gas serra (GHG), e promette che in futuro ci saranno tecnologie per eliminarli o ridurre la temperatura.

È una promessa vuota, poiché la stragrande maggioranza di queste idee sono solo teoriche, e le poche che sono minimamente sviluppate nella pratica sono prototipi o non funzionano per vari motivi. In nessun caso saranno sviluppati su scala commerciale o su gigantesca scala globale per avere un impatto significativo sul riscaldamento.

Tuttavia, le proposte di geoingegneria sono molto attraenti per le industrie inquinanti che contribuiscono ad elevate emissioni di gas serra, come l'energia fossile, l'estrazione mineraria, i trasporti, l'automotive, l'industria agroalimentare, ecc., e per i paesi che ospitano le grandi corporazioni che dominano queste industrie. Sembrano essere un'ipotetica "correzione" tecnologica che consentirebbe di continuare le attività inquinanti senza affrontare i cambiamenti fondamentali richiesti nei modelli di produzione e consumo. Allo stesso tempo, apre nuove risorse e opportunità per il commercio, lo sviluppo e l'estrazione.

Fondamentalmente, sono un modo per creare un grande mercato vincolato globale: le cause del cambiamento climatico continuano, quindi la crisi climatica continua ad intensificarsi, quindi vendere tecnologie per controllare i sintomi, se funzionano, apre un mondo che, una volta avviato, non può essere tenuto, per lo più pagato dagli stati. La spinta per il fuorviante concetto di "zero netto" di compensare le emissioni piuttosto che ridurle è anche una piattaforma per la geoingegneria come "correzione" tecnologica.

Proposte di geoingegneria

cambiare il tempo

Le tecniche di geoingegneria generalmente rientrano in tre grandi categorie: quelle finalizzate alla rimozione dell'anidride carbonica; quelli che cercano di riflettere parte della radiazione solare nello spazio per ridurre le temperature e quelli del cambiamento climatico locale, per provocare o evitare pioggia, grandine, ecc.

Attualmente ci sono circa 25-30 proposte di geoingegneria in queste tre categorie., che si propongono di manipolare gli ecosistemi terrestri, marini e/o atmosferici. Tuttavia, nessuno di loro tenta di affrontare o modificare le cause del cambiamento climatico, ma piuttosto di gestirne alcuni sintomi.

Tra le tecnologie proposte ve ne sono alcune che suggeriscono di iniettare solfati o altre sostanze chimiche nella stratosfera per bloccare la luce solare, attenuando così la radiazione che raggiunge la Terra; imbiancare o illuminare le nuvole del mare in modo che riflettano più luce solare nello spazio; sviluppare impianti per catturare l'anidride carbonica dall'atmosfera e seppellirla in pozzi petroliferi o altre formazioni geologiche sulla terraferma e negli oceani; fertilizzare gli oceani con ferro o urea per stimolare la rapida crescita del plancton nella speranza che assorbano più anidride carbonica e la convertano per affondare sul fondo dell'oceano; cambiare la chimica degli oceani con rocce polverizzate per renderle più alcaline; e piantare ampi tratti di alberi o colture geneticamente modificate che si dice assorbano più carbonio o riflettano più luce solare.

Può davvero aiutare a combattere il cambiamento climatico?

Le proposte di gran lunga più comuni sono quelle che prevedono la rimozione e lo stoccaggio del carbonio. La cattura e lo stoccaggio del carbonio (CCS o CCS), un'antica tecnica dell'industria petrolifera utilizzata per accedere a profonde riserve di idrocarburi, paradossalmente estrae più petrolio, che porta a maggiori emissioni di gas serra.

Le proposte basate su questa tecnologia, come la bioenergia con cattura e stoccaggio del carbonio (BECAC o BECCS), prevedono la coltivazione di enormi piantagioni di alberi o colture e quindi il loro taglio/bruciatura per produrre "bioenergia", che viene poi combinata con la CCS per catturare le emissioni di carbonio dalla produzione. Allo stesso modo, la cattura diretta dell'aria (abbreviata DAC o DAC) utilizza, ad esempio, grandi unità di ventilazione per filtrare l'aria e separare la CO2 con solventi chimici, quindi i CCC seppelliscono il carbonio o lo riutilizzano per prodotti diversi, in modo che ci voglia più tempo Prima o successivamente la CO2 tornerà nell'atmosfera, quindi non dovrebbe essere chiamata "stoccaggio". L'industria dei combustibili fossili è molto interessata a tutte queste tecnologie e fa la maggior parte degli investimenti in queste iniziative.

Più recentemente, i sostenitori della geoingegneria hanno tentato di prendere le distanze dal termine "geoingegneria", proponendo la sola tecnologia o affermando che le tecnologie di rimozione dell'anidride carbonica sono così diverse dalle tecnologie di geoingegneria solare che devono essere considerate separatamente. Sebbene queste tecnologie siano davvero diverse l'una dall'altra, ciò che hanno tutte in comune è che tutte propongono una manipolazione tecnologica su larga scala del tempo.

nominarli singolarmente è un modo per evitare di considerare il suo maggiore impatto regionale o globale, evitando la necessaria analisi degli effetti sinergici che derivano dall'applicazione simultanea di più di queste tecnologie e, soprattutto, evitando la generalizzazione comunitaria e pubblica, rendendosi conto fin dall'inizio che si tratta di tecnologie ad alto rischio.

Spero che con queste informazioni tu possa saperne di più su cos'è la geoingegneria e le sue caratteristiche.


2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Sergio suddetto

    È molto interessante che si discuta di geoingegneria e si mostrino le immagini delle tracce lasciate dagli aerei. Quelle che a livello stradale alcuni chiamano "scie chimiche" o "scie chimiche" in spagnolo. Dal momento che vengono mostrati, ma non se ne parla in modo specifico, voglio fare una domanda intorno a loro. Esistono davvero? Voglio dire, vedendoli, c'è chi sostiene che siano il prodotto della miscela di gas ad alta temperatura e particelle che provocano la condensazione in queste nubi in determinate circostanze, mentre altri sostengono che si tratti di prodotti chimici appositamente lanciati dagli aeroplani per alterare il tempo. Come cita l'articolo, ci sono metodi per provocare la pioggia o evitare danni da grandine, ma... quelle scie che vediamo sono le stesse? Esiste una fonte ufficiale da cui verificarlo?

  2.   Cessare suddetto

    Come sempre brillate per ECCELLENZA con questi temi attuali, come il "cambiamento climatico", che ci sta già mostrando le sue disastrose conseguenze (uragani, nevicate, alluvioni, temperature estremamente basse e alte...) e le cause di questo danno al il Pianeta continuano a proporre proposte a lungo termine e l'umanità subisce le conseguenze del cosiddetto "progresso"... Saluti