Fauna siluriana

Nell'era Paleozoica troviamo diversi periodi. Il terzo di loro è il Periodo siluriano. Si trova tra il Periodo ordoviciano e il Periodo devoniano. Una delle sue caratteristiche principali è l'intensa attività geologica che ha avuto la formazione di grandi montagne. Per quanto riguarda la Fauna siluriana Troviamo anche una grande evoluzione di molte specie a livello di biodiversità. Questo periodo di tempo fu regnato con una grande quantità di cambiamenti in tutta la fauna.

Pertanto, dedicheremo questo articolo per raccontarvi tutte le caratteristiche e l'evoluzione della fauna siluriana.

Periodo Siluriano

La durata di questo periodo è stata di circa 25 milioni di anni. È iniziato circa 444 milioni di anni fa e si è concluso circa 419 milioni di anni fa. Fu un grande periodo dal punto di vista geologico. Durante tutto questo tempo si è verificata la formazione di sistemi montuosi che oggi conosciamo come Monti Appalachi del Nord America.

Durante questo periodo una grande diversificazione della vita. Cominciarono ad apparire le prime piante vascolari e gli animali subirono una significativa evoluzione. I coralli e gli artropodi sono tra gli animali che si sono evoluti di più. C'è stato anche un processo di estinzione considerato di grado minore. Questi eventi hanno interessato principalmente gli organismi negli habitat marini. Per esempio, metà delle specie trilobite si estinse durante il periodo siluriano.

In termini di clima, il pianeta si è stabilizzato un po 'in termini di temperature. Il clima della Siluria era prevalentemente caldo. In questi tempi i ghiacciai che si erano formati durante il periodo precedente erano situati più verso il polo sud del pianeta. Ci sono prove fossili che indicano che ci fu un grande periodo di tempeste durante questo periodo. Dopo questi eventi climatici, la temperatura ambientale sembrava diminuire. Ha raggiunto un punto tale che ha iniziato a raffreddare un po 'l'ambiente ma senza raggiungere gli estremi di un'era glaciale. Alla fine di questo periodo il clima iniziò ad essere più umido e più caldo con un numero significativo di precipitazioni.

Flora e vegetazione

fauna siluriana

Come abbiamo accennato prima, tutto ciò che riguarda la vita, sia flora che fauna, ha subito grandi cambiamenti durante questo periodo. Un enorme evento di estensione si è verificato durante la fauna siluriana dove alcune specie hanno potuto diversificarsi e altri generi si sono evoluti. Ed è che un evento di estinzione aiuta a creare nuovi adattamenti alle specie sopravvissute.

Nella flora troviamo una grande quantità di alghe negli ecosistemi marini, principalmente alghe verdi. Queste alghe avevano la funzione di controllare l'equilibrio dell'ambiente poiché erano la base per la generazione di ossigeno e la base delle catene trofiche. Durante questo periodo di tempo, si è verificata una pietra miliare nello sviluppo delle piante. Ed è quello cominciarono ad apparire le prime piante vascolari. Queste piante sono quelle che hanno i vasi conduttori noti come xilema e floema.

All'inizio di questo periodo, il paesaggio era lontano dal regno che vediamo oggi. La maggior parte della diversità era nelle aree marine. Le prime piante che si sono sviluppate negli ecosistemi terrestri dovevano stare vicino a specchi d'acqua. In questo modo potrebbero avere una maggiore disponibilità di acqua e sostanze nutritive.

Fauna siluriana

Fossili di fauna siluriana

Alla fine del periodo Ordoviciano ci fu un processo di estinzione di massa che colpì un gran numero di animali esistenti. Come abbiamo accennato in precedenza, un processo di estinzione aiuta le specie sopravvissute a generare nuovi adattamenti per sopravvivere al nuovo ambiente. Tra le specie che sono state ottenute diversificando e adattandosi a questi nuovi ambienti troviamo gli artropodi. Gli artropodi erano gli animali che regnavano nella fauna siluriana.

È uno dei gruppi che ha vissuto un'evoluzione significativa. Sono stati trovati circa 425 fossili che rappresentano individui appartenenti a questo phylum. I trilobiti hanno diminuito la loro portata e abbondanza a causa del periodo di estinzione. Durante questo periodo Miriapodi e chelicerati iniziarono ad apparire per la prima volta. Questi animali iniziarono a diffondersi in tutti i territori terrestri.

D'altra parte, anche i molluschi hanno avuto un certo ritorno. Tra i molluschi che esistevano a quel tempo troviamo le specie di bivalvi e gasteropodi. Questi animali abitavano i fondali marini e si sono adattati a questo ambiente. Troviamo anche echinodermi come animali che sono riusciti ad adattarsi dopo il periodo di estinzione. All'interno degli echinodermi troviamo i crinoidi che hanno finito per ridurre le loro popolazioni. Questi crinoidi sono considerati i primi echinodermi e, quindi, i più antichi del pianeta.

Il gruppo di pesci potrebbe osservare una certa diversificazione. Durante il periodo Ordoviciano gli ostracodermi apparivano principalmente caratterizzati dall'assenza di mascella. Questi animali sono considerati i vertebrati più antichi di cui esistono testimonianze fossili. Tuttavia, durante il periodo siluriano iniziarono ad apparire altri tipi di pesce. Tra la fauna siluriana a volte troviamo una mascella nota come placodermi. Una delle sue caratteristiche distintive è quella hanno un guscio sulla parte anteriore del corpo per proteggersi dai predatori.

Altri tipi di pesci che sono sorti durante la fauna siluriana sono gli acanto. Sono conosciuti come squali spinosi e sono organismi simili agli ostracodermi, pesci cartilaginei. Ci sono alcuni dubbi tra gli scienziati sull'aspetto dei pesci cartilaginei. Alcuni dicono che siano apparsi durante la fauna siluriana, mentre altri sostengono che siano apparsi nel periodo successivo.

Fauna siluriana: barriere coralline

Le barriere coralline erano di grande importanza nella fauna siluriana. È noto che le prime barriere coralline apparvero nel periodo precedente. Però, fu durante questo periodo di tempo che iniziarono ad espandersi sempre più. Le specie associate a queste barriere coralline sono state in grado di aumentare la loro area di distribuzione e abbondanza. Questo perché questa barriera corallina ha dato loro tutto ciò di cui avevano bisogno per vivere.

Grazie agli adattamenti delle specie intorno alle barriere coralline, erano costituite da specie molto varie. Tra i più comuni da osservare abbiamo le spugne e altre specie di crinoidi che appartengono al gruppo degli echinodermi.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sulla fauna siluriana.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.