Fauna Permiano

Fauna Permiano

Nell'era Paleozoica ci sono 6 periodi in cui il tempo geologico è diviso. Durante Periodo Permiano, situato tra il carbonifero e il Triassico la vita si è svolta con grandi cambiamenti. Il Fauna Permiano ha avuto come protagonista il primo abbozzo di mammiferi nonché la diversificazione e l'espansione di altri esseri viventi già esistenti. Il periodo Permiano è durato circa 48 milioni di anni ed è stato considerato un periodo di transizione per il pianeta sia a livello geologico che climatico.

In questo articolo vi parleremo delle caratteristiche e dell'evoluzione della fauna Permiano.

Periodo Permiano

Ci sono molti specialisti che indagano ripetutamente su questo periodo poiché è possibile ottenere una grande quantità di informazioni preziose. Soprattutto alla fine del Permiano è di interesse scientifico poiché è stato presentato  l'evento di estinzione di massa più catastrofico e devastante dell'intero pianeta. Questo processo di estinzione di massa era più importante dell'estinzione dei dinosauri nel cretaceo.

Il periodo di estinzione divenne noto come "il grande morente" e in esso Più del 90% di tutte le specie di esseri viventi è scomparso. Sono sopravvissute solo poche specie che hanno lasciato il posto ad altri animali più famosi nella storia della terra come i dinosauri. La durata totale del Permiano è stimata in 48 milioni di anni, a partire da 299 milioni di anni fa e terminerà 251 milioni di anni fa.

In questo periodo il tempo è stato abbastanza variabile. Sia all'inizio che alla fine di questo periodo si sono verificate glaciazioni e il clima nella sua fase intermedia era abbastanza caldo e umido.

Il grande morire nella fauna del Permiano

Durante questo periodo alcune specie di animali vennero a sperimentare una grande diversificazione. In questo caso, troviamo una grande evoluzione nei rettili considerati mammiferi. Ed è che in alcuni reperti fossili si potevano trovare gli antenati degli attuali mammiferi. Vale a dire, gli attuali mammiferi provengono dal rettile.

Per quanto riguarda il Great Dying ha costituito uno dei più importanti eventi di estinzione di massa dell'intero pianeta. Si è verificato durante questo periodo già alla sua fine quasi all'inizio del periodo Triassico. È il processo di estinzione più devastante che l'intero pianeta abbia mai attraversato. Ed è che il 90% delle specie di esseri viventi che popolavano il pianeta si è estinto. Le cause di questa estinzione di massa non sono del tutto note, ma ci sono alcune teorie che cercano di postulare quanto accaduto.

Tra le teorie più colpite c'è quella di a intensa attività vulcanica che ha causato l'espulsione di grandi quantità di anidride carbonica nell'atmosfera. Come sappiamo, questo anidride carbonica è un gas a effetto serra con la capacità di trattenere il calore. La grande quantità di anidride carbonica rilasciata nell'atmosfera ha causato un aumento della temperatura media ambientale. Questo è il modo in cui ha causato instabilità atmosferica a livello globale e molti esseri viventi non potevano adattarsi alle condizioni ambientali.

Un'altra proposta è la causa del rilascio di idrocarburi dal fondo dell'oceano e dell'impatto di un meteorite. Qualunque sia la causa, si tratta di un evento molto catastrofico che ha fortemente influenzato tutte le condizioni ambientali che esistevano sul pianeta in quel momento.

Fauna Permiano

grande mortalità nella fauna permiana

Durante questo periodo sono state tenute alcune specie di animali originarie di periodi precedenti. Tuttavia, un importante gruppo di nuovi animali come erano i rettili mammiferi. Questi animali sono considerati antenati degli attuali mammiferi. Una vita molto varia è stata trovata nei mari.

invertebrati

Tra gli invertebrati che si distinguono dalla fauna del Permiano si citano alcuni gruppi marini come echinodermi e molluschi. Grazie a vari studi scientifici, è stato possibile trovare testimonianze fossili di bivalvi e gasteropodi, oltre ad alcuni brachiopodi. All'interno di questo gruppo e degli ecosistemi marini, spiccano i membri del bordo porifero dove si trovano le spugne. Questi animali erano quelli che hanno originato la maggior parte delle barriere coralline.

Nonostante il fatto che la maggior parte di questi animali si sia estinta, è stata trovata una documentazione fossile in cui sono state distinte più di 4mila specie. La sua caratteristica distintiva era che questi animali erano protetti da una copertura di materiale calcareo. D'altra parte, gli artropodi, soprattutto gli insetti, hanno avuto un buon sviluppo come nei periodi precedenti. In questo momento va notato che la dimensione degli insetti era un po 'più significativa di quella odierna. In questo gruppo di animali apparvero diversi nuovi ordini, come i Ditteri e i Coleotteri.

Vertebrati

Passando allo studio dei vertebrati, vediamo che anche loro hanno subito una grande espansione e diversificazione, sia negli ecosistemi terrestri che in quelli acquatici. I pesci erano gli animali più rappresentativi di questo periodo. Qui troviamo condritti, squali e pesci ossei. Uno degli squali che si estinse durante il periodo Cretaceo viveva già in questo periodo. Gli squali a quel tempo erano molto simili agli squali di oggi, anche se non di grandi dimensioni. Potevano raggiungere solo 2 metri di lunghezza.

Vediamo anche l'Orthacanthus. È un tipo di pesce ormai estinto. Appartiene al gruppo degli squali e il suo aspetto era abbastanza diverso. Il corpo somigliava a quello di un'anguilla e aveva vari tipi di denti. Abbiamo anche anfibi. Questi animali hanno subito uno sviluppo. Erano un gruppo abbastanza diversificato e potevano variare da pochi centimetri a 10 metri.

Infine, lo vediamo i rettili erano gli animali che presentavano la maggiore diversificazione. Tra questi rettili troviamo i terapsidi che erano un gruppo di mammiferi considerati gli antenati dei mammiferi odierni. Tra le loro caratteristiche distintive, abbiamo scoperto che presentavano diversi tipi di denti e ognuno era adattato a diverse funzioni. Inoltre, avevano 4 arti o gambe e la loro dieta era variata. C'erano specie sia carnivore che erbivore.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sulla fauna del Permiano


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.