Fauna neogene

Fauna neogene

In Era cenozoica c'erano diversi periodi. Lui Periodo neogene era la seconda di questa era e iniziò circa 23 milioni di anni fa e terminò circa 2.6 milioni di anni fa. Durante questo periodo di tempo, il nostro pianeta ha subito una serie di cambiamenti e trasformazioni sia a livello geologico che a livello di biodiversità. Il Fauna neogene È stato caratterizzato da uno degli eventi più importanti nella storia della terra, come l'apparizione dei primi ominidi.

In questo articolo vi racconteremo tutte le caratteristiche e l'evoluzione della fauna del Neogene.

Periodo Neogene

Questo periodo Neogene è durato circa 20 milioni di anni e ha avuto grandi cambiamenti a livello geologico e a livello di biodiversità. È noto per essere il periodo in cui apparvero i primi ominidi noti come Australopithecus. Questa specie di ominidi rappresentano i più antichi antenati dell'uomo.

Durante il periodo Neogene ci fu un grande cambiamento a livello planetario in termini di attività geologica. I continenti hanno continuato il loro spostamento più lento dalle posizioni che abbiamo oggi. Questo movimento dei continenti ha provocato la modifica delle correnti marine e sono sorte alcune barriere fisiche, come l'istmo di Panama. Questi movimenti geologici sono stati eventi importanti che hanno influenzato la diminuzione delle temperature nell'Oceano Atlantico.

Tutti questi cambiamenti a livello geologico e termico hanno influenzato l'aspetto e lo sviluppo di una certa biodiversità. Durante questo periodo è stata osservata una grande biodiversità animale. I gruppi di animali che hanno subito la più grande trasformazione erano mammiferi terrestri e marini, uccelli e rettili.

Sviluppo della vita nel Neogene

Durante questo periodo ci fu un'espansione delle forme di vita esistenti. A causa del clima, le temperature terrestri avevano grande influenza sullo sviluppo e il nuovo insediamento degli esseri viventi. Sia la flora che la fauna hanno subito vari mutamenti, essendo la fauna quella che ha conosciuto la maggiore diversificazione. La flora è rimasta un po 'più stagnante.

La flora del Neogene si distingue per essere più stagnante a causa del clima. Poiché il clima in questo periodo era un po 'più freddo, ha limitato lo sviluppo di grandi giungle e foreste. Inoltre, questo calo delle temperature ha causato anche la scomparsa di vaste aree di esse. A causa di queste condizioni ambientali, alcuni tipi di piante dovevano prosperare in grado di adattarsi a un ambiente a temperatura più bassa.

Le piante che possono prosperare in condizioni più avverse sono quelle che appartengono alla famiglia delle erbacee. Alcuni specialisti si riferiscono al periodo Neogene come all'età delle erbe. Non tutto era negativo per le piante. Alcune specie di angiosperme sono state anche stabilite e sviluppate con successo.

Fauna neogene

Vedremo come il clima e lo sviluppo geologico hanno influenzato la fauna del Neogene. Durante questo periodo, vari gruppi di animali si diversificarono, tra i quali riconosciamo come più evoluti come mammiferi, rettili e uccelli. Gli ecosistemi marini hanno avuto un ampio sviluppo, in particolare il gruppo dei cetacei.

Analizzeremo uno per uno i gruppi di animali che si sono sviluppati maggiormente durante la fauna del Neogene.

Pollame

All'interno del gruppo di uccelli i più sviluppati erano quelli che appartenevano al gruppo dei passeriformi. Alcuni degli uccelli del periodo Neogene sono anche conosciuti come uccelli del terrore. Questo folto gruppo di animali si stabilì nel continente americano. Oggi gli uccelli del gruppo dei passeriformi sono il gruppo più vario e ampio. È stato mantenuto con un alto livello di sopravvivenza nel tempo.

Tra le loro caratteristiche principali abbiamo quella di essere animali che si caratterizzano per avere delle zampe su cui appollaiarsi sul ramo dell'albero. Inoltre, ha la capacità di cantare. Queste abilità servono a stabilire complessi rituali di accoppiamento. Il gruppo dei passeriformi è anche conosciuto come il gruppo degli uccelli canori. Durante il periodo Neogene il gruppo di uccelli iniziò ad acquisire sempre più forza ea massificarsi. Poiché i continenti hanno continuato a muoversi verso la situazione attuale, questi animali si sono diversificati.

Principalmente in Sud America è stata trovata la maggior quantità di reperti fossili. Questi documenti testimoniano l'esistenza di grandi uccelli. Molti di questi uccelli erano grandi ma non capaci di volare. Tuttavia, sono diventati grandi predatori di questo tempo. Questo gruppo di uccelli era anche conosciuto con il nome di uccelli del terrore.

Fauna neogene: mammiferi

fauna di sviluppo neogene

I mammiferi erano un gruppo di animali che ha subito grandi cambiamenti. Uno dei gruppi che si sono evoluti di più sono stati animali appartenenti alla famiglia Bovidae e Cervidae. In questi due gruppi di animali troviamo capre, pecore, antilopi, cervi e cervi. Tutti questi animali hanno ampliato notevolmente la loro area di distribuzione.

Allo stesso modo, ci sono altri grandi mammiferi come elefanti, mammut e rinoceronti che hanno conosciuto un grande sviluppo. Alcune di queste specie come i mammut non sono state in grado di sopravvivere fino ad oggi a causa di alcuni cambiamenti avvenuti in seguito.

Va anche considerato che nella fauna del Neogene alcuni primati, in particolare le scimmie, si sono distinti. Ogni gruppo di primati aveva un rispettivo habitat e ha subito alcune trasformazioni nel suo processo evolutivo. La maggior parte dei primati sono stati trovati nel continente africano e americano.

Nella fauna del Neogene troviamo anche lo sviluppo di altri mammiferi principali come felini e canini. In questo periodo si diversificarono anche alcuni diversi tipi di orsi e iene. All'interno del gruppo dei mammiferi, si è verificato uno degli eventi estremamente importanti nel processo evolutivo dell'essere umano. Ed è quello il primo ominide è emerso e si è sviluppato.

Il primo ominide sviluppato fu battezzato con il nome di Australopithecus. Era caratterizzato principalmente da una piccola dimensione e da un movimento bipede.

rettili

Infine, i rettili si sono sviluppati anche nella fauna del Neogene. Tra loro troviamo le rane, i rospi e i serpenti che hanno potuto espandere i loro domini. Ciò era dovuto alla grande quantità di cibo disponibile. Il loro cibo è principalmente a base di insetti, che erano molto abbondanti.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sulla fauna del Neogene.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.