Epoca Eocenica

 

Fauna eocenica

Una delle epoche che hanno formato il periodo Paleogene dell'era di mesozoico è Eocene. Questo è uno dei tempi con grandi cambiamenti dal punto di vista geologico e biologico. Durante questo periodo, si sono formate grandi catene montuose a seguito della collisione di grandi masse continentali. Queste masse continentali si muovevano grazie all'effetto di Deriva dei continenti.

Data l'importanza di questo periodo per lo sviluppo della vita, dedicheremo questo post per spiegare tutto ciò che c'è da sapere sull'Eocene.

caratteristiche principali

Sebbene sembri contraddittorio con quanto accennato all'inizio, è un periodo di separazione, poiché il supercontinente Pangea, che fino ad ora era stato l'unico ammasso di terra, si stava separando quasi completamente. Grandi specie di flora e fauna si sono evolute e diversificate, inclusi uccelli e alcuni mammiferi marini.

La durata totale di quest'epoca è circa 23 milioni di anni, distribuiti in 4 età. È un momento di cambiamento in cui il nostro pianeta ha subito un gran numero di modifiche dal punto di vista geologico, la più sorprendente è quella di cui abbiamo parlato del super continente Pangea, che si è diversificato per formare i continenti che conosciamo oggi. È stato anche un periodo pieno di grandiosità eventi climatici di grande rilevanza come l'evento Azolla.

Geologia dell'Eocene

Geologia eocenica

Durante questo periodo il nostro pianeta ha sperimentato un'elevata attività geologica che ha portato alla frammentazione di Pangea. La parte settentrionale conosciuta come Laurasia era ampiamente frammentata e ha portato alla separazione di ciò che è noto oggi come la Groenlandia, l'Europa e il Nord America. Ciascuno di questi frammenti del continente Pangea si muoveva a causa della deriva dei continenti fino a quando non è stato collocato nella posizione che ha oggi.

Un pezzo di Africa, noto come il subcontinente indiano, entrò in collisione con il continente asiatico. Questo è ciò che oggi è conosciuto come la penisola arabica. È importante che all'inizio dell'epoca pliocenica vi siano alcuni frammenti della Pangea ancora uniti. Tuttavia, grazie all'effetto della deriva dei continenti, entrambi i pezzi si separarono. Da un lato, l'Antartide si stava spostando a sud e occupava la posizione che ha attualmente. D'altra parte, l'Australia si è spostata un po 'a nord.

Per quanto riguarda i corpi idrici, ci sono stati anche cambiamenti nelle correnti oceaniche senza mari a causa del movimento di queste grandi masse terrestri. Da un lato, Il mare di Tetis ha finito per scomparire grazie al riavvicinamento che esisteva tra il continente africano e l'Eurasia. L'opposto è accaduto con l'Oceano Atlantico. In questo caso, questo oceano si stava allargando e guadagnando sempre più terreno grazie allo spostamento che il Nord America aveva in direzione ovest. L'Oceano Pacifico è rimasto l'oceano più profondo e più grande del pianeta come lo è oggi.

Per quanto riguarda l'orogenesi eocenica, troviamo che fu un periodo con elevata attività geologica in cui si formarono un gran numero di catene montuose che rimangono oggi. Nello scontro che abbiamo accennato tra quella che è attualmente l'India con il continente asiatico, è quello che ha formato la catena montuosa che ha le vette più alte del mondo conosciuta come la Cordillera del Himalaya. Anche il Nord America ebbe un'importante attività orogenica in cui diede origine alla formazione delle montagne Appalachi.

Clima eocenico

Clima eocenico

Le condizioni climatiche durante il Pliocene erano abbastanza stabili. All'inizio di questo periodo, una temperatura ambiente leggermente superiore di circa 7-8 gradi in media. Questo aumento è stato sperimentato solo all'inizio. A quel tempo era conosciuto come il massimo termico del Paleocene. Alla fine dell'Eocene accadde un altro evento che modificò notevolmente le condizioni ambientali esistenti. Quell'evento si chiama Azolla.

L'aumento delle temperature all'inizio del Pliocene è avvenuto circa 55 milioni di anni fa. Durante questo processo, non c'era quasi ghiaccio sul pianeta. Nei luoghi in cui esistono oggi luoghi ghiacciati, c'erano ecosistemi forestali temperati. Inoltre, si ritiene che l'aumento delle temperature globali siano state emissioni di anidride carbonica nell'atmosfera a causa dell'elevata attività vulcanica.

Tutte queste condizioni ambientali si stavano stabilizzando con il passare del tempo e il clima regnava con temperature più alte e scarse precipitazioni. Tuttavia, con il passare del tempo queste condizioni sembravano stabilizzarsi e le precipitazioni sono tornate ad abbondare. A causa di questi il ​​clima del pianeta divenne umido e caldo e rimase per gran parte dell'Eocene.

Nel mezzo dell'Eocene si è verificato questo evento climatico che abbiamo chiamato Azolla. Si tratta di una diminuzione delle temperature come conseguenza della diminuzione delle concentrazioni atmosferiche di anidride carbonica. Queste condizioni portarono alla proliferazione incontrollata di una specie di felce chiamata Azolla folliculoides, da cui il nome di questo evento.

Flora e fauna

Le condizioni ambientali del pianeta hanno permesso un buon sviluppo di specie diverse, sia animali che vegetali. Durante tutto l'Eocene c'era una grande abbondanza e diversità di esseri viventi grazie al clima umido e caldo.

Per quanto riguarda la flora, si sono verificati cambiamenti piuttosto evidenti grazie alle condizioni climatiche. C'era un'abbondanza di giungle e foreste e poche prove di pali a causa delle temperature più elevate. Gli unici ecosistemi in cui c'erano almeno un certo numero di piante erano quegli ecosistemi del deserto.

Per quanto riguarda la fauna, i gruppi di animali erano molto diversificati, soprattutto uccelli e mammiferi. Gli uccelli hanno avuto molto successo grazie alle condizioni ambientali favorevoli e alcune di queste specie erano feroci predatori e due gruppi di esseri viventi. C'erano gruppi di uccelli che erano caratterizzati da una grande taglia che è stata confermata grazie all'esistenza di testimonianze fossili.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sull'epoca dell'Eocene.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Jose suddetto

    Grazie mille per questo post ... molto chiaro ... mi è piaciuto molto