Effetto Tyndall

Effetto Tyndall

Sia in fisica che in chimica, viene studiato un fenomeno che aiuta a spiegare perché alcune particelle sono visibili in determinati momenti. Questo fenomeno è noto come Effetto Tyndall. Si tratta di un fenomeno fisico che fu studiato dallo scienziato irlandese John Tyndall nel 1869. Da allora questi studi hanno avuto numerose applicazioni nel campo della fisica e della chimica. Ed è che studia particelle che non sono visibili ad occhio nudo. Tuttavia, poiché possono riflettere o rifrangere la luce, diventano invisibili in determinate situazioni.

In questo articolo ti diremo tutto ciò che devi sapere sull'effetto Tyndall e sulla sua importanza per la fisica in chimica.

Qual è l'effetto Tyndall

È un tipo di fenomeno fisico che spiega come alcune particelle diluite o all'interno di un gas possono diventare visibili a causa del fatto che sono in grado di riflettere o rifrangere la luce. Se lo guardiamo a prima vista, possiamo vedere che queste particelle non sono visibili. Tuttavia, il fatto che può disperdere o assorbire la luce diversamente a seconda dell'ambiente in cui si trova, permette di distinguerli. Possono essere visti se sono sospesi in una soluzione mentre sono attraversati trasversalmente al piano visivo dell'osservatore da un intenso fascio di luce.

Se la luce non passa attraverso questo contesto non possono essere visti. Ad esempio, per capirlo più facilmente stiamo parlando di particelle come granelli di polvere. Quando il sole entra dalla finestra con un certo grado di inclinazione possiamo vedere i granelli di polvere che fluttuano nell'aria. Queste particelle non sono visibili altrimenti. Possono essere visti solo quando la luce solare entra in una stanza con un certo grado di inclinazione e una certa intensità.

Questo è ciò che è noto come effetto Tyndall. A seconda del punto di vista dell'osservatore, puoi vedere particelle che normalmente non possono. Un altro esempio che evidenzia l'effetto Tyndall è quando usiamo i fari delle auto in caso di nebbia. L'illuminazione che i pochi esercitano sull'umidità ci permette di vedere le particelle d'acqua in sospensione. Altrimenti, vedremmo solo cos'è la nebbia stessa.

Importanza e contributi

Effetto Tyndall in chimica

Sia in fisica che in chimica, l'effetto Tyndall ha numerosi contributi a certi studi e grande importanza. Ed è che grazie a questo effetto possiamo spiegare perché il cielo è blu. Sappiamo che la luce che proviene dal sole è bianca. Tuttavia, quando l'atmosfera terrestre entra in collisione con le molecole dei diversi gas che la compongono. Ricordiamo che l'atmosfera terrestre è composta principalmente da molecole di azoto, ossigeno e argon in misura minore. In concentrazioni molto più basse ci sono i gas serra tra i quali abbiamo anidride carbonica, metano e vapore acqueo, tra gli altri.

Quando la luce bianca del sole colpisce tutte queste particelle sospese, subisce diverse deviazioni. La deviazione subita dal fascio luminoso del sole con le molecole di ossigeno presenti nell'azoto fa sì che esso abbia colori differenti. Questi colori dipendono dalla lunghezza d'onda e dal grado di deviazione. I colori che si discostano di più sono il viola e il blu poiché hanno una lunghezza d'onda più corta. Questo rende il cielo di questo colore.

John Tyndall è stato anche lo scopritore dell'effetto serra grazie alla simulazione dell'atmosfera terrestre in un laboratorio. L'obiettivo iniziale di questo esperimento era calcolare con precisione quanta energia solare proveniva dalla Terra e quanta era quella irradiata nello spazio dalla superficie terrestre. Come sappiamo, non tutta la radiazione solare che cade sul nostro pianeta rimane. Una parte viene deviata dalle nuvole prima di raggiungere la superficie. Un'altra parte è assorbita dai gas serra. Infine, la superficie terrestre devia parte della radiazione solare incidente a seconda dell'albedo di ciascun tipo di suolo. Dopo l'esperimento che Tyndall generò nel 1859, fu in grado di scoprire l'effetto serra.

Variabili che influenzano l'effetto Tyndall

Come accennato prima, l'effetto Tyndall non è altro che la diffusione della luce che si verifica quando un raggio di luce passa attraverso un colloide. Questo colloide sono singole particelle sospese che sono responsabili della dispersione e della riflessione a lungo, rendendole visibili. Le variabili che influenzano l'effetto Tyndall sono la frequenza della luce e la densità delle particelle. La quantità di dispersione che può essere vista in questo tipo di effetto dipende interamente dai valori della frequenza della luce e dalla densità delle particelle.

Come con la diffusione di Rayleigh, la luce blu tende a diffondersi più fortemente della luce rossa perché hanno una lunghezza d'onda più corta. Un altro modo di vederlo è che c'è una lunghezza d'onda più lunga che viene trasmessa, mentre una più corta viene riflessa dallo scattering. L'altra variabile che influisce è la dimensione delle particelle. Questo è ciò che distingue un colloide da una vera soluzione. Affinché una miscela sia di tipo colloidale, le particelle che sono in sospensione devono avere una dimensione approssimativa compresa tra 1-1000 nanometri di diametro.

Vediamo alcuni dei principali esempi in cui possiamo utilizzare l'effetto Tyndall:

  • Quando Accendiamo la luce della lanterna su un bicchiere di latte possiamo vedere l'effetto Tyndall. È meglio usare latte scremato o diluire il latte con un po 'd'acqua in modo da poter vedere l'effetto delle particelle colloidali nel fascio di luce.
  • Un altro esempio è quello della diffusione della luce blu e può essere visto nel colore blu del fumo delle motociclette o dei motori a due tempi.
  • Il raggio visibile dei fari nella nebbia può rendere visibili le particelle d'acqua galleggianti.
  • Questo effetto viene utilizzato in ambienti commerciali e di laboratorio per determinare la dimensione delle particelle di aerosol.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sull'effetto Tyndall.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.