Periodo devoniano

Sviluppo devoniano

L'era Paleozoica ha 5 suddivisioni suddivise in periodi in cui si sono verificati vari eventi di grande importanza biologica e geologica. Oggi ne parleremo Periodo devoniano. Questo periodo è durato circa 56 milioni di anni di cui il nostro pianeta ha subito un gran numero di cambiamenti, soprattutto a livello di biodiversità, ma anche a livello geologico.

In questo articolo ci concentreremo per raccontarvi le caratteristiche, il clima, la geologia, la flora e la fauna del periodo Devoniano.

caratteristiche principali

Fossili di corallo

Questo periodo è iniziato circa 416 milioni di anni fa e si è concluso circa 359 milioni di anni fa. Come sempre, dobbiamo commentare che sia l'inizio che la fine di un periodo non sono così esatti a causa della mancanza di informazioni così precise. Questo è il quarto periodo dell'era Paleozoica. Dopo il periodo devoniano arriva il periodo carbonifero.

Durante questo periodo di tempo ci fu un ampio sviluppo di vari gruppi di animali, specialmente quelli che abitano gli ambienti marini. Ci furono anche importanti cambiamenti negli habitat terrestri quando apparvero grandi piante e apparvero i primi animali terrestri. Nonostante fosse un periodo in cui la vita si stava diversificando a grandi livelli, il devoniano ha anche una reputazione piuttosto dubbia come periodo di tempo in cui si estinsero un gran numero di specie animali. Si parla più o meno dell'estinzione dell'80% della vita sul nostro pianeta.

Durante questo periodo, si verificò un evento di estinzione di massa che fece scomparire definitivamente dalla faccia della terra molte delle specie che abitavano in quel momento. Allo stesso tempo che abbiamo il periodo devoniano, è diviso in diverse epoche. Vediamo quali sono questi tempi:

  • Devoniano inferiore. È formato a sua volta da 3 età chiamate Lochkovian, Pragian ed Emsian.
  • Devoniano medio: abbracciava due epoche chiamate Eifeliana e Giveta
  • Devoniano superiore: era costituito da due città chiamate Frasniense e Fameniense.

Alla fine di questo periodo si è verificato uno degli eventi di estinzione di massa globale che ha causato una grande perdita di specie, principalmente quelle che popolano i mari della parte tropicale. Le specie più colpite sono state coralli, pesci, crostacei, molluschi, tra gli altri. Fortunatamente, molte delle specie che vivevano negli ecosistemi terrestri non sono state colpite dal fenomeno dell'estinzione di massa. Pertanto, la conquista dell'habitat terrestre può continuare il suo corso senza troppi problemi.

Geologia devoniana

Geologia devoniana

Questo periodo è stato caratterizzato da una grande attività delle placche tettoniche. Ci sono stati diversi tocchi che hanno formato nuovi supercontinenti come la formazione di Laurasia. Anche il supercontinente conosciuto con il nome di Gondwana fu formato e mantenuto. È una vasta area di terra che occupava tutto lo spazio del polo sud del pianeta.. La parte settentrionale della Terra era occupata dalla Siberia e dal vasto e profondo Oceano Panthalassa. L'intero oceano copriva quasi l'intero emisfero settentrionale.

Dal punto di vista dell'orogenesi, è un periodo in cui sono iniziati vari processi di formazione delle catene montuose, tra i quali abbiamo il Monti Appalachi.

Clima del periodo devoniano

Le condizioni climatiche che esistevano sul nostro pianeta durante il periodo devoniano erano relativamente stabili. La predominanza delle temperature globali è stata calda e umida con piogge abbondanti. Tuttavia, i climi aridi e secchi esistevano all'interno di grandi masse continentali.

La temperatura media globale è di circa 30 gradi. Con il passare del tempo, si è verificata una leggera diminuzione progressiva, raggiungendo una media di 25 gradi. Più tardi, alla fine del periodo devoniano, le temperature sono diminuite a tal punto che si è verificata una delle glaciazioni che ha trasformato il nostro pianeta nel corso della storia.

Vida

Sviluppo dei pesci

Durante questo periodo ci furono cambiamenti significativi in ​​relazione agli esseri viventi. Uno di questi cambiamenti più importanti è stata la conquista definitiva degli ecosistemi terrestri. Analizziamo prima la flora.

Flora

Già nel periodo pre-devoniano cominciarono a svilupparsi piccole piante vascolari come le felci. Queste piccole felci stavano acquisendo maggiore sviluppo in diversi aspetti, il più rappresentativo era la loro dimensione. Altre forme vegetali apparvero anche sulla superficie dei continenti, come i licopodiophytes. Ci sono alcune specie vegetali che non sono riuscite ad adattarsi alle condizioni ambientali e hanno finito per estinguersi.

La proliferazione delle piante terrestri portò di conseguenza ad un aumento dell'aumento dell'ossigeno che esisteva da allora nell'atmosfera le piante hanno svolto il processo di fotosintesi grazie ai pigmenti della clorofilla. Grazie a ciò, è stato molto più facile per la vita terrestre diffondersi attraverso gli ecosistemi terrestri.

Fauna

Infine, la fauna si è notevolmente diversificata durante il periodo devoniano a partire dai pesci. È uno dei gruppi che ha registrato la maggiore crescita a livello di popolazione. Molti chiamano questo periodo l'età dei pesci. Specie come il Sarcopterigi, Actinopterigi, Ostracodermi e Selaci.

Cause dell'estinzione del periodo devoniano

Vita marina devoniana

Come abbiamo accennato prima, alla fine di questo periodo si è verificato un processo di estinzione di massa. Ha colpito principalmente le forme viventi dei mari. L'estinzione è durata circa 3 milioni di anni. Le cause di questa estinzione di massa sono state le seguenti:

  • meteore
  • Declino critico dei livelli di ossigeno nei mari
  • Riscaldamento globale
  • Crescita o massa delle piante
  • Intensa attività vulcanica

Tra i motivi che abbiamo addotto possono esserci dubbi sulla crescita delle piante. Durante questo periodo si svilupparono piante vascolari di grandi dimensioni, alte in media circa 30 metri sulla superficie dei continenti. Ciò ha avuto una conseguenza negativa creando uno squilibrio nelle condizioni ambientali, poiché queste piante inizieranno ad assorbire una grande quantità di acqua e sostanze nutritive dal suolo che avrebbero potuto essere utilizzate da altri esseri viventi. Ciò ha causato una perdita di biodiversità.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sul periodo devoniano.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.