Cos'è un trogolo?

cos'è un trogolo?

In alcuni sistemi meteorologici frontali che viaggiano ad alta quota, sulla mappa si possono vedere linee che apparentemente non sono ben comprese dal grande pubblico. Questi tipi di linee sono talvolta usate in eccesso per spiegare i campi di precipitazione e le pressioni previste sulla superficie terrestre. Queste linee sono conosciute come trogoli. La maggior parte delle persone non lo sa cos'è un trogolo? e cosa rappresenta.

Pertanto, dedicheremo questo articolo per dirti tutto ciò che devi sapere su cos'è un trogolo, le sue caratteristiche e i suoi tipi.

Cos'è un trogolo?

cos'è un trogolo in meteorologia?

Ci sono diverse definizioni all'interno della letteratura scientifica di cosa sia un trogolo. Possiamo dire che è un'area allungata di basse pressioni relative sulla superficie o ad alti livelli. Non è generalmente associato a una circolazione chiusa, e viene quindi utilizzato per distinguerlo da un basso chiuso. L'opposto è la dorsale. Questa definizione ricorda più da vicino il concetto di depressione dinamica o barometrica. In questi casi è sufficiente cercare minimi di pressione atmosferica superficiale o altezza dove le isolinee delle depressioni non si chiudono per disegnare un avvallamento.

Insieme al trogolo convenzionale, emerge il concetto di acqua invertita. È quello in cui le isobare, che sono le linee di uguale pressione, presentano un orientamento diverso rispetto al formaggio normale rispetto alla depressione principale. Si può dire che la depressione invertita si estenda a nord dal fondo della depressione.

Il concetto di depressione è legato alla pressione atmosferica, alla temperatura o ai campi di vento, ma mai alle precipitazioni o alla meteorologia in quel momento.

Tipi di trogoli

piogge enormi

Vediamo quali sono le principali tipologie di trogoli esistenti:

  • Trogolo barometrico. Rispetto alle aree adiacenti allo stesso livello, un'area dell'atmosfera con una pressione dell'aria inferiore. È rappresentato da isobare o sistema di isobare quasi parallele e approssimativamente a forma di V nella tavola meteorologica, e la sua concavità è rivolta verso la bassa pressione.
  • Trogolo dinamico. La depressione si forma dietro una catena montuosa che passa verticalmente o quasi verticalmente attraverso il vento. Ad esempio, ciò accade quando il vento da ovest incontra una catena di terreno da nord a sud.
  • Innaffiato nei venti dell'est. Zona di bassa pressione nella zona degli alisei, generalmente perpendicolare alla corrente eolica e in movimento da est a ovest.
  • Innaffiato nei venti occidentali. Innaffiato con venti occidentali alle medie latitudini, generalmente in movimento verso est. L'estensione di questa depressione ai venti orientali delle basse latitudini è associata ai venti occidentali in altezza, al di sopra dei venti orientali degli strati inferiori.
  • Trogolo freddo. Una depressione dell'aria in cui la temperatura è inferiore a quella dell'area adiacente.
  • Trogolo polare. Innaffiata in una zona occidentale circumpolare sufficientemente ampia da raggiungere zone tropicali d'alta quota. La superficie è correlata a valli di bassa pressione nei venti tropicali orientali, ma i venti occidentali compaiono ad altitudini moderate. Si sposta generalmente da ovest a est ed è accompagnato da un'abbondante copertura nuvolosa a tutti i livelli. Grappoli densi e cumulonembi tendono ad apparire sopra e vicino alla linea della valle. Gli uragani di giugno e ottobre nei Caraibi occidentali si formano spesso nelle valli polari.

Possiamo continuare a visualizzare e analizzare il glossario senza trarre conclusioni definitive. In tutte le definizioni di riferimento non compaiono i termini spaziali o temporali che legano l'esistenza di valli a piccole strutture spaziali e temporali, sebbene ciò sia implicitamente considerato: le valli sono strutture subtemporali, che in linea di principio non indicano la superficie del tempo. Per capire cos'è una depressione, discuteremo una serie di basi preliminari.

Sistemi frontali

I fronti sono discontinuità spaziali e temporali chiaramente definite tra le masse d'aria che si verificano alle medie latitudini e sono legate a tempeste extratropicali. All'incirca, la sua dimensione spaziale longitudinale e il suo ciclo di vita lo fanno rientrare nella cosiddetta scala meteorologica. La sua rappresentazione grafica è ben nota e di facile identificazione.

Abbiamo un fronte ben definito, che è la discontinuità tra due masse d'aria con caratteristiche meteorologiche diverse in termini di temperatura, umidità, vento, ecc. Il fronte più comune a livello meteorologico inizia ad avere una struttura tridimensionale, quindi la discontinuità raggiunge un livello moderato, ad esempio fino a 700-500 hPa. I fronti classici (fronti freddi, fronti caldi e fronti occlusivi) non sono altro che un meccanismo mediante il quale l'atmosfera ridistribuisce i gradienti verticali e orizzontali di temperatura e umidità tra le latitudini calde tropicali e subtropicali e le fredde latitudini polari. Sono legati a tempeste o cicloni extratropicali e hanno una dimensione climatica. Il fronte è legato ai caratteristici cambiamenti climatici.

Se un sistema frontale non ha riflessi sulla superficie, si dice che il fronte è alto. In alcuni casi, queste strutture positive hanno il loro simbolismo frontale, anche se alcuni le disegnano come avvallamenti.

Trogoli e linee di instabilità atmosferica

A determinate condizioni, i trogoli sono disegnati come elementi legati alla struttura delle precipitazioni non frontali dei mesi più caldi, che sono fondamentalmente formati da focolai convettivi che si evolvono giorno e notte. Queste ipotetiche depressioni disegnate sulla mappa meteorologica hanno lo scopo di supportare il campo nuvoloso, in particolare il campo delle precipitazioni previste o analizzate, che viene spesso interpretato come una linea di cambiamento meteorologico o deterioramento dovuto alla convezione. Il punto è che a volte queste linee instabili sono supportate da cali termici e altamente dinamici e picchi di temperatura di basso livello, che possono creare un ambiente favorevole alla convezione. In questo senso, le depressioni sono spesso disegnate dietro la linea delle precipitazioni/nuvolosità, che è correlata ai cambiamenti climatici legati alla convezione e ai temporali.

Spero che con queste informazioni possiate imparare di più su cosa sia un trogolo e le sue caratteristiche.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.