Cos'è la cartografia

evoluzione della mappa

La geografia ha molti rami importanti che studiano diversi aspetti del nostro pianeta. Uno di questi rami è la cartografia. La cartografia è ciò che ci aiuta a generare le mappe a cui siamo abituati a rivolgerci per visualizzare le aree. Tuttavia, molte persone non lo sanno cos'è la cartografia né di cosa si occupa questa disciplina.

Pertanto, dedicheremo questo articolo per dirti tutto ciò che devi sapere su cos'è la cartografia e le sue caratteristiche.

Cos'è la cartografia

cos'è la mappatura sociale

La cartografia è quella branca della geografia che si occupa della rappresentazione grafica delle aree geografiche, generalmente in due dimensioni e in termini convenzionali. In altre parole, la cartografia è l'arte e la scienza di creare, analizzare, studiare e comprendere mappe di ogni tipo. Per estensione, è anche l'insieme esistente di mappe e documenti simili.

La cartografia è una scienza antica e moderna. Cerca di soddisfare il desiderio umano di rappresentare visivamente la superficie terrestre, cosa relativamente difficile perché è il geoide.

Per fare ciò, la scienza ha fatto ricorso a un sistema di proiezione che doveva fungere da equivalente tra una sfera e un piano. Così, ha costruito l'equivalente visivo dei contorni geografici della Terra, delle sue ondulazioni, dei suoi angoli, tutti soggetti a determinate proporzioni e criteri a priori per selezionare quali cose sono importanti e quali no.

L'importanza della mappatura

La cartografia è essenziale oggi. È una necessità per tutte le attività di globalizzazione, come il commercio internazionale e i viaggi di massa intercontinentali, perché richiedono una conoscenza minima di dove sono le cose nel mondo.

Poiché le dimensioni della Terra sono così grandi che è impossibile considerarla nel suo insieme, la cartografia è la scienza che ci permette di ottenere l'approssimazione più vicina possibile.

branche della cartografia

cos'è la cartografia

La cartografia comprende due rami: la cartografia generale e la cartografia tematica.

  • Cartografia generale. Queste sono rappresentazioni di mondi di natura ampia, cioè per tutti i pubblici e per scopi informativi. Le mappe del mondo, le mappe dei paesi, sono tutte opere di questo particolare dipartimento.
  • Cartografia tematica. D'altra parte, questo ramo concentra la sua rappresentazione geografica su alcuni aspetti, argomenti o regolamenti specifici, come elementi economici, agricoli, militari, ecc. Ad esempio, la mappa mondiale dello sviluppo del sorgo rientra in questo ramo della cartografia.

Come abbiamo detto all'inizio, la cartografia ha una grande funzione: descrivere il nostro pianeta in dettaglio con diversi gradi di precisione, scala e in modi diversi. Implica anche lo studio, il confronto e la critica di queste mappe e rappresentazioni al fine di discutere i loro punti di forza, di debolezza, obiezioni e possibili miglioramenti.

Dopotutto, non c'è nulla di naturale in una mappa: è un oggetto di delucidazione tecnologica e culturale, un'astrazione dello sviluppo umano che deriva in parte dal modo in cui immaginiamo il nostro pianeta.

elementi cartografici

In senso lato, la cartografia fonda il suo lavoro di rappresentazione su un insieme di elementi e concetti che le consentono di organizzare con precisione i diversi contenuti di una mappa secondo una certa prospettiva e scala. Questi elementi cartografici sono:

  • scala: Dato che il mondo è molto grande, per rappresentarlo visivamente, dobbiamo ridimensionare le cose in modo convenzionale per mantenere le proporzioni. A seconda della scala utilizzata, le distanze normalmente misurate in chilometri saranno misurate in centimetri o millimetri, stabilendo uno standard equivalente.
  • Paralleli: La Terra è mappata in due serie di linee, la prima delle quali è costituita da linee parallele. Se la terra è divisa in due emisferi a partire dall'equatore, allora il parallelo è la retta parallela a quell'immaginario asse orizzontale, che divide la terra in zone climatiche, partendo da altre due rette chiamate tropici (Cancro e Capricorno).
  • Meridiani: Il secondo insieme di linee che dividono per convenzione il globo, i meridiani perpendicolari ai paralleli, è l'"asse" o meridiano centrale passante per il Royal Greenwich Observatory (noto come "meridiano zero" o "meridiano di Greenwich"), Londra, teoricamente coincide con l'asse di rotazione della Terra. Da allora il mondo si è diviso in due metà, divise ogni 30° da un meridiano, dividendo la sfera terrestre in una serie di segmenti.
  • Coordinate: Unendo latitudini e meridiani si ottiene una griglia e un sistema di coordinate che consente di assegnare latitudine (determinata dalle latitudini) e longitudine (determinata dai meridiani) a qualsiasi punto del terreno. L'applicazione di questa teoria è come funziona il GPS.
  • simboli cartografici: Queste mappe hanno una propria lingua e possono identificare le caratteristiche di interesse secondo convenzioni specifiche. Così, ad esempio, alcuni simboli sono assegnati a città, altri a capitali, altri a porti e aeroporti, ecc.

Cartografia digitale

Dall'avvento della rivoluzione digitale alla fine del XX secolo, poche scienze sono sfuggite alla necessità di utilizzare l'informatica. In questo caso, la cartografia digitale è l'uso di satelliti e rappresentazioni digitali durante la creazione di mappe.

Così l'antica tecnica del disegno e della stampa su carta è oggi oggetto di collezionismo e vintage. Anche il cellulare più semplice di oggi ha accesso a Internet e quindi alle mappe digitali. C'è una grande quantità di informazioni recuperabili che possono essere inserite e possono anche funzionare in modo interattivo.

cartografia sociale

mappa del mondo

La mappatura sociale è un metodo collettivo di mappatura partecipativa. Cerca di rompere i pregiudizi normativi e culturali che accompagnano la cartografia tradizionale basata su criteri soggettivi sul centro del mondo, importanza regionale e altri criteri politici simili.

Pertanto, la mappatura sociale è nata dall'idea che non ci potrebbe essere attività di mappatura senza comunità e che la mappatura dovrebbe essere eseguita il più orizzontalmente possibile.

Storia della cartografia

La cartografia è nata dal desiderio umano di esplorare e correre dei rischi, cosa che accadde molto presto nella storia: le prime mappe della storia risalgono al 6000 a.C. c., compresi gli affreschi dell'antica città anatolica di Çatal Hüyük. La necessità della mappatura era probabilmente dovuta alla creazione di rotte commerciali e piani militari di conquista, poiché all'epoca nessun paese aveva un territorio.

La prima mappa del mondo, cioè la prima mappa dell'intero mondo nota alla società occidentale dal II secolo d.C., è opera del romano Claudio Tolomeo, forse per soddisfare il desiderio del fiero Impero Romano di delimitare il suo vasto frontiere.

D'altra parte, durante il Medioevo, La cartografia araba era la più sviluppata al mondo e anche la Cina iniziò dal V secolo d.C Si stima che dal Medioevo siano sopravvissute circa 1.100 mappe del mondo.

La vera esplosione della cartografia occidentale avvenne con l'espansione dei primi imperi europei tra il XV e il XVII secolo. All'inizio, i cartografi europei copiarono vecchie mappe e le usarono come base per le proprie, fino a quando l'invenzione della bussola, del telescopio e del rilevamento topografico non fece loro desiderare una maggiore precisione.

Così, il più antico globo terrestre, la più antica rappresentazione visiva tridimensionale sopravvissuta del mondo moderno, datato 1492, è opera di Martín Behaim. Gli Stati Uniti (sotto quel nome) furono incorporati negli Stati Uniti nel 1507 e la prima mappa con un equatore graduato apparve nel 1527.

Lungo il percorso, il tipo di file cartografico è cambiato molto in natura. Le carte del primo piano sono state realizzate artigianalmente per la navigazione utilizzando le stelle come riferimento.

Ma sono stati rapidamente superati dall'avvento delle nuove tecnologie grafiche come la stampa e la litografia. Più recentemente, l'avvento dell'elettronica e dell'informatica ha cambiato per sempre il modo in cui vengono create le mappe. I sistemi di posizionamento satellitare e globale ora forniscono immagini della Terra più accurate che mai.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più su cos'è la cartografia e le sue caratteristiche.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.