Come le piante sopravvivono nel deserto

come le piante sopravvivono negli adattamenti del deserto

I deserti sono aree del mondo le cui caratteristiche climatiche sono estreme. Ci sono condizioni abbastanza ostili perché la vita si sviluppi in buone condizioni. Pertanto, molte piante e animali devono generare nuovi adattamenti per sopravvivere in questi ambienti. Oggi ne parleremo come le piante sopravvivono nel deserto. Ci sono adattamenti incredibili che hanno permesso alle piante di sopravvivere in questi vasti deserti.

In questo articolo ti spiegheremo come le piante sopravvivono nel deserto e quali adattamenti hanno bisogno per farlo.

Clima desertico

come le piante sopravvivono nel deserto

Nel clima desertico, regna il processo di evapotraspirazione. È la perdita di umidità che si localizza su una superficie a causa dell'evaporazione diretta causata dalla radiazione solare e dall'aumento delle temperature. A questo si è aggiunta la poca traspirazione che esiste dall'acqua delle piante. Il fenomeno dell'evapotraspirazione fa sì che la quantità di pioggia rimanga a valore molto basso durante tutto l'anno. Valori che rimangono a 250 mm all'anno. È un dato abbastanza scarso, che caratterizza la mancanza di vegetazione e umidità nell'ambiente. Uno dei luoghi più conosciuti del pianeta come esempio di uno scenario climatico desertico è il deserto del Sahara.

Il clima desertico è generalmente caratterizzato dall'essere situato vicino ai tropici. La latitudine in cui si trova la maggior parte dei deserti è di circa 15 e 35 gradi. In questo tipo di tempo le evaporazioni sono maggiori delle precipitazioni. Il tasso di evaporazione ha un valore superiore a quello di precipitazione. Questo è ciò che rende i terreni non consentono la gestazione della vita vegetale.

Nelle zone del Medio Oriente hanno una media di 20 centimetri di pioggia all'anno. Tuttavia, la quantità di evaporazione supera i 200 centimetri. Ciò significa che il tasso di evaporazione è fino a 10 volte superiore al tasso di precipitazione. Per questo motivo l'umidità è molto bassa.

Come le piante sopravvivono nel deserto

lenzuola adattate al calore

Una volta che sapremo quali sono le caratteristiche del clima desertico, vedremo quale serie di adattamenti le piante hanno dovuto generare per sopravvivere in questi climi. Vediamo cosa sono:

Maggiore conservazione dell'acqua

Le piante che imparano a sopravvivere nel deserto sono in grado di conservare meglio l'acqua. Sappiamo che le piante perdono acqua attraverso il processo di evapotraspirazione. Questo processo è il movimento dell'acqua attraverso la pianta nell'atmosfera. Le piante che hanno una superficie maggiore sono quelle che sudano più velocemente e perdono una maggiore quantità di acqua. Hanno bisogno di quanta più acqua possibile per sopravvivere. Molte delle piante aride hanno foglie o spine in miniatura che riducono la loro superficie per ridurre al minimo la perdita d'acqua attraverso il processo di evapotraspirazione.

Le spine non solo riducono la perdita d'acqua, ma aiutano anche a dissuadere gli animali dal mangiare la pianta. Ci sono molti animali che solo Mangiano piante nel deserto per fornire la loro acqua. Un gruppo di piante che ha questa strategia di conservazione dell'acqua è la Sclerolaena.

Protezione dal calore

Un'altra strategia per imparare come sopravvivono le piante nel deserto è la protezione dal calore. Sappiamo che i deserti hanno temperature molto alte durante il giorno e molto basse di notte. Le piante con foglie verdi possono assorbire il calore. Ciò significa che in un deserto non sono tutti interessanti. In un deserto, assorbire il calore è l'ultima cosa che una pianta vuole. Pertanto, un altro degli adattamenti di queste piante è di avere le foglie con un colore grigio, blu o una miscela di grigio, blu e verde. Questo mix di colori aiuta a ridurre l'assorbimento di calore. Ad esempio, un cespuglio o un grigio bluastro può ridurre l'assorbimento di calore delle sue foglie grazie al suo colore grigio-bluastro.

Come le piante sopravvivono nel deserto: riproduzione

piante del deserto

La riproduzione è un altro aspetto da tenere in considerazione quando c'è troppo calore in un luogo. Le persone spesso fuggono dal caldo rimanendo in casa. Questo viene fatto anche da un certo numero di specie vegetali annuali. E ci sono diverse piante annuali che si completano i loro brevi cicli di vita durante la stagione delle piogge. Il suo ciclo è crescere, produrre semi e morire. I semi rimangono dormienti e sono in grado di sopravvivere in ambienti asciutti.

Quando le condizioni ambientali esterne sono favorevoli, i semi finiscono e le piante possono sfruttare quelle favorevoli condizioni di umidità. Normalmente durante questo periodo in cui hanno più umidità è quando nel deserto puoi vedere più piante.

Tolleranza alla siccità

Un altro degli adattamenti che le piante generano nel deserto è la tolleranza alla siccità. Durante i mesi estivi o periodi di siccità prolungati, le piante resistenti alla siccità tendono ad apparire morte. Sono piante che riducono al minimo la loro attività. La cosa più normale è che sembrano piante semplici come mancanza di foglie e senza fogliame che sono morte. Tuttavia, sono in uno stato dormiente mentre aspettano la pioggia.

Infine, un altro degli adattamenti per sapere come le piante sopravvivono nel deserto è il tasso di fotosintesi. La fotosintesi non è altro che la conversione di anidride carbonica, acqua ed energia dal sole in zucchero e ossigeno. Le piante assorbono l'anidride carbonica attraverso gli stomi. Nella stagione calda gli stomi si gonfiano e l'acqua ci evapora. Questo aiuta a ridurre la perdita d'acqua. Al contrario, nei climi freddi gli stomi sono sempre aperti. Il percorso C4 è ciò che aiuta le piante del deserto ad assorbire l'anidride carbonica senza perdere acqua. È una struttura diversa all'interno delle tue cellule che ti consente di fissare l'anidride carbonica in concentrazioni molto basse di acqua e alte temperature.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più su come le piante sopravvivono nel deserto.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.