Clorofluorocarburi

Sicuramente quando si sente parlare del buco nello strato di ozono che i gas responsabili contano. La principale sostanza chimica che ha causato la diminuzione della concentrazione di ozono atmosferico sono i clorofluorocarburi. Si tratta di sostanze chimiche gassose utilizzate sin dal loro inizio nel 1928. Sono anche conosciute con l'acronimo CFC. Sono stati studiati in dettaglio e hanno dimostrato che le loro proprietà mettevano in pericolo non solo la salute pubblica ma anche lo strato di ozono. Pertanto, il suo utilizzo è stato vietato.

In questo articolo vi spiegheremo cosa sono i clorofluorocarburi, quali sono le loro caratteristiche e perché distruggono lo strato di ozono.

Cosa sono i clorofluorocarburi

Clorofluorocarburi

Si tratta di sostanze chimiche costituite da atomi di carbonio, fluoro e cloro. Da qui il suo nome. Questi atomi appartengono al gruppo di gli alocarburi che costituiscono il gruppo dei gas non sono tossici né infiammabili. Sono stati creati per la prima volta nel 1928 come alternativa a varie sostanze chimiche utilizzate nei frigoriferi. Successivamente sono stati utilizzati come propellenti in insetticidi, vernici, balsami per capelli e altri prodotti per la cura della salute.

Tra gli anni '50 e '60 sono stati utilizzati nei condizionatori per abitazioni, automobili e uffici. Tutti questi usi hanno reso i clorofluorocarburi diffusi a livello globale. A quel tempo l'uso di queste sostanze chimiche aumentava di circa un milione di tonnellate che venivano prodotte ogni anno solo negli Stati Uniti. Successivamente ne aumentò ulteriormente l'utilizzo. Ha raggiunto una tale estensione che è stato utilizzato come aerosol, refrigerante, agente espandente per schiume, materiale da imballaggio e solventi.

Prodotti clorofluorocarburi più comuni

Clorofluorocarburi nei prodotti

Queste sostanze chimiche non hanno una fonte naturale da cui provengono. Sono sostanze chimiche create dall'uomo per molti usi. Sono stati utilizzati come refrigeranti, propellenti e solventi industriali per la produzione di schiume. Serviva anche come agente di pulizia nella fabbricazione di prodotti elettronici. Tale era il suo utilizzo, l'impatto sullo strato di ozono aumentò enormemente in breve tempo. Questi gas erano noti per distruggere l'ozono stratosferico a tal punto che le dannose radiazioni solari ultraviolette potevano raggiungere la superficie.

Tra i prodotti clorofluorocarburi più apprezzati abbiamo i seguenti:

  • Il refrigerante è nei condizionatori d'aria.
  • Frigoriferi.
  • Propellenti negli aerosol.
  • Inalatori per controllare l'asma. Successivamente questo è stato vietato per ridurre l'impatto sulla stratosfera.
  • Haloalkanes in aereo.
  • I solventi vogliono il grasso prima.

Effetti negativi dei clorofluorocarburi nell'atmosfera

Come accennato prima, queste sostanze chimiche erano note per danneggiare lo strato di ozono. Ciò significa che gran parte della radiazione ultravioletta del sole può passare attraverso la stratosfera e raggiungere la superficie terrestre. Si è visto che ha numerosi effetti negativi sulla nostra salute. Ed è che, poiché sono vari composti chimicamente inerti, si pensava che sarebbero stati innocui nell'atmosfera. Tuttavia, con il passare del tempo si è scoperto che ha reagito con la radiazione ultravioletta nell'atmosfera, specificamente nella stratosfera.

In questo strato dell'atmosfera c'è una grande concentrazione di ozono che ci aiuta a ridurre la radiazione ultravioletta che ci raggiunge dal sole. Questa grande concentrazione di ozono è nota come strato di ozono. Quando i clorofluorocarburi interagiscono con le radiazioni, subiscono una decomposizione fotolitica che ci trasforma in fonti di cloro inorganico. Quando il cloro viene rilasciato sotto forma di atomi, è in grado di catalizzare la conversione delle molecole di ozono in ossigeno. Ciò significa che accelera la reazione chimica naturale di conversione dell'ozono in ossigeno.

Ricordiamo che una molecola di ozono è composta da 3 atomi di ossigeno. L'ossigeno atmosferico è costituito da due atomi di ossigeno. In questo modo, il cloro funge da catalizzatore per aumentare la velocità e la quantità di reazioni chimiche che convertono l'ozono in ossigeno. Così fino a 100.000 molecole di ozono vengono distrutte per ogni atomo di cloro che viene rilasciato. Tutti questi motivi sono il motivo per cui i clorofluorocarburi sono legati alla distruzione dello strato di ozono.

Non è che queste sostanze chimiche distruggano direttamente l'ozono che si trova nella stratosfera, ma piuttosto che sono necessarie varie reazioni chimiche perché si verifichino. Tuttavia, la velocità con cui i clorofluorocarburi saranno emessi nell'atmosfera ha causato la scomparsa di una grande quantità di ozono stratosferico. La scomparsa dello strato di ozono ha conseguenze molto dannose e aumenta ulteriormente l'inquinamento chimico. Ed è che l'ozono è responsabile assorbire gran parte della radiazione ultravioletta del sole che si trova tra le lunghezze d'onda di 280 e 320 nm e che è dannoso sia per gli organismi animali e vegetali che per l'essere umano, ovviamente.

Buco nell'ozono

L'uso di queste sostanze chimiche in gran parte ha portato alla creazione di buchi nello strato di ozono. Non è che ci sia un buco in sé in cui non ci sia concentrazione di ozono. Sono semplicemente aree in cui la concentrazione di ozono è ben al di sotto del normale. Questa concentrazione è sufficientemente bassa da non consentire alle radiazioni ultraviolette di rimanere nell'area e di penetrare nella superficie terrestre.

Sebbene i clorofluorocarburi siano vietati, perché hanno una grande inerzia chimica e sono insolubili, ancora oggi si trova ancora gran parte delle sostanze chimiche emesse negli anni precedenti. Questo perché hanno una lunga aspettativa di vita nell'atmosfera. Dal 1987 il protocollo di Montreal ha riconosciuto questi composti chimici come nocivi e sono stati conclusi altri accordi internazionali che hanno causato o proibito l'uso di queste sostanze chimiche, poiché agiscono anche come gas serra.

Come puoi vedere, i clorofluorocarburi hanno grandi effetti negativi nell'atmosfera, così come negli animali, nelle piante e negli esseri umani. Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sui clorofluorocarburi.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.