Classificazione climatica di Köppen

koppen divisione di classificazione climatica

Il clima del pianeta può essere classificato in diversi modi in base a determinate variabili e parametri. È necessario essere in grado di classificare il clima per stabilire un ordine nell'area di distribuzione di numerose specie di animali e piante, progetti architettonici, istituzione di città, previsione meteorologica, ecc. Uno di questi è il Classificazione climatica di Köppen. È un sistema che si basa sul fatto che la vegetazione naturale ha una chiara relazione con il clima, quindi i limiti tra un clima e l'altro sono stati stabiliti tenendo conto della distribuzione della vegetazione nel luogo specifico.

In questo articolo vi diremo su cosa si basa la classificazione climatica di Köppen e quali sono le sue caratteristiche principali.

caratteristiche principali

climi della spagna

La classificazione climatica di Köppen si basa sulla creazione di un clima basato sull'area di distribuzione di determinate specie. Parametri per essere in grado a determinare il clima di un'area sono solitamente le temperature e le precipitazioni medie annuali e mensili. Normalmente si tiene conto anche della stagionalità delle precipitazioni. In questo caso, è qualcosa di diverso.

Divide il clima del mondo in cinque categorie principali: tropicale, arido, temperato, continentale e polare, identificate da lettere maiuscole iniziali. Ogni gruppo è un sottogruppo e ogni sottogruppo è un tipo di clima.

La classificazione climatica di Köppen è stata inizialmente creata da il climatologo tedesco Wladimir Köppen nel 1884, e successivamente rivisto da lui stesso e da Rudolf Geiger, descrive ogni tipo di clima con una serie di lettere, solitamente tre, che indicano l'andamento delle temperature e delle precipitazioni. È una delle classificazioni climatiche più utilizzate per la sua generalità e semplicità.

Classificazione climatica di Köppen: tipi di clima

classificazione climatica koppen

Vediamo quali sono i dettagli della procedura per determinare ogni gruppo climatico, tipologia e sottogruppo. Il catalogo principale del clima è suddiviso in altri e presenta la vegetazione associata e le regioni in cui si trova.

Gruppo A: climi tropicali

In questo tipo di clima, nessun mese dell'anno ha temperature medie inferiori ai 18 gradi. Le precipitazioni annuali sono superiori al tasso di evaporazione. Riguarda il clima che esiste nelle foreste tropicali. All'interno del gruppo A dei climi abbiamo alcune divisioni. Questi sono i seguenti:

  • Equatoriale: In questo clima non piove al mese sotto i 60mm. È un clima caldo e odioso durante tutto l'anno in cui non ci sono stagioni. Si svolge in Ecuador fino a 10 gradi di latitudine ed è il clima della giungla nervosa.
  • Monsone: solo un mese è inferiore a 60 mm e se la rigenerazione del mese più secco è superiore alla formula [100- (Precipitazioni annuali / 25)]. È un clima caldo tutto l'anno con una breve stagione secca seguita da un umido con forti piogge. Di solito si verifica nell'Africa occidentale e nel sud-est asiatico. È il clima delle foreste monsoniche.
  • Lenzuolo: ha un mese inferiore a 60 mm e se la precipitazione del mese più secco è inferiore alla formula [100- (Precipitazioni annuali / 25)]. È un clima caldo tutto l'anno e ha una stagione secca. Sembra che ci allontaniamo dall'Ecuador. È il clima che si trova a Cuba, in vaste aree del Brasile e in gran parte dell'India. È tipico della savana.

Gruppo B: climi secchi

La precipitazione annuale è inferiore alla potenziale evapotraspirazione annuale. Sono il clima delle praterie e dei deserti.

Per determinare se il clima è secco, otteniamo una soglia di precipitazione in mm. Per calcolare la soglia, moltiplichiamo la temperatura media annuale per 20, quindi aggiungiamo se il 70% o più delle precipitazioni cade nel semestre in cui il sole è 280. Il massimo (da aprile a settembre nell'emisfero settentrionale, da ottobre a marzo nell'emisfero australe), o 140 volte (se la precipitazione in quel periodo è compresa tra il 30% e il 70% della precipitazione totale), o 0 volte (se il periodo è tra il 30% e il 70%) La precipitazione è inferiore al 30% delle precipitazioni totali.

Se la precipitazione media annua totale è al di sopra di questa soglia, non è il clima B. Vediamo quali sono i climi secchi:

  • Steppa calda: gli inverni sono miti e le estati calde molto calde. Le piogge sono scarse e la sua vegetazione naturale attende. Di solito si verifica nei tropici e subtropicali ai margini dei deserti subtropicali.
  • Steppa fredda: in questo clima e gli inverni sono freddi o molto freddi. Possiamo anche trovare estati temperate o calde con scarse precipitazioni e Esteban come vegetazione naturale. Di solito si trovano a latitudini temperate e lontano dal mare.
  • Deserto caldo: Gli inverni sono miti anche se le temperature nelle zone interne possono avvicinarsi agli zero gradi durante la notte. Le estati sono calde o molto calde. In alcune zone con questo clima, le temperature estive sono estremamente elevate e sono state registrate le più alte del pianeta. Le piogge sono molto scarse. Di solito si verifica nelle frange subtropicali di entrambi gli emisferi.
  • Deserto freddo: in questo clima e gli inverni sono abbastanza freddi e le estati sono miti o calde. Le piogge sono piuttosto scarse e la vegetazione stessa è quella del deserto, a volte addirittura inesistente. Ci sono latitudini temperate.

Classificazione climatica di Köppen: gruppo C

tipi di clima nel mondo

All'interno del gruppo C abbiamo climi temperati. La temperatura media del mese più freddo è compresa tra -3ºC (in alcune classificazioni 0ºC) e 18ºC, e quella del mese più caldo supera i 10ºC. Le foreste temperate si trovano in questi climi.

  • Costa marittima accidentale: ha inverni freddi o miti ed estati fresche. Anche le piogge sono distribuite durante tutto l'anno. C'è una vegetazione naturale che sono foreste di latifoglie.
  • Marittimo subartico: Si distingue per avere inverni freddi e senza una vera estate. Piove tutto l'anno e ci sono alcune località con forti venti che difficilmente consentono lo sviluppo della vegetazione.
  • MediterraneoHanno inverni miti ed estati calde e secche. La maggior parte delle piogge cade in inverno o nelle stagioni intermedie. La foresta mediterranea è la vegetazione naturale.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sulla classificazione climatica di Köppen e sulle sue caratteristiche.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.