Cos'è e come si forma la ciclogenesi esplosiva

Ciclogenesi esplosiva di Hugo in spagna

Durante diversi inverni abbiamo subito tempeste molto violente che hanno causato gravi danni nel nostro Paese. I meteorologi hanno annunciato questi tipi di tempeste come una ciclogenesi esplosiva. Tuttavia, sappiamo cos'è una ciclogenesi? Da cosa dipende se è "esplosivo"?

In questo articolo puoi imparare tutto sulla ciclogenesi. Devi solo continuare a leggere 🙂

Cos'è la ciclogenesi esplosiva?

Ciclogenesi esplosiva

Per comprendere questo concetto, dobbiamo prima sapere cosa sono i cicloni. Queste sono aree di bassa pressione dove il vento ruota in senso antiorario nell'emisfero settentrionale. Quasi tutte le raffiche o le depressioni subiscono in qualche modo la ciclogenesi durante la loro formazione e sviluppo. Nei loro stati iniziali, sono formati da una struttura ondulata con sistemi frontali sia freddi, caldi che occlusi. Il valore minimo della pressione atmosferica diminuisce durante la prima parte del suo ciclo di vita.

Fondamentalmente è la ciclogenesi esplosiva la formazione di un ciclone molto rapidamente e intensamente. Cioè, un calo della pressione superficiale in un breve lasso di tempo. Questo si trasforma in una tempesta molto violenta nel giro di poche ore. Il termine generale usato per queste depressioni che si approfondiscono molto rapidamente è una "bomba" meteorologica.

Nella ciclogenesi esplosiva la pressione atmosferica diminuisce di circa 24 mb in più o in meno. Di solito accade a latitudini comprese tra 55 e 60 gradi. Questo perché i processi di ciclogenesi sono influenzati dalla rotazione della Terra. Si verificano più frequentemente negli oceani Atlantico e Pacifico.

Come si forma?

immagini satellitari di una ciclogenesi esplosiva

La spiegazione per la formazione di una ciclogenesi di tali dimensioni non è di facile risposta. Dipende dalla latitudine. Affinché una pompa di questo calibro possa essere prodotta, una tempesta che interagisca positivamente con un'altra di livelli superiori deve coesistere in modo tempestivo e sincronizzato. Devono essere ad una distanza sufficiente in modo che tra i due ci sia un approfondimento o amplificazione per il sistema delle depressioni in breve tempo.

Molte persone spesso scambiano una ciclogenesi esplosiva per un uragano o un tifone. Non c'entrano niente. La ciclogenesi si verifica solo alle medie latitudini e non come i cicloni tropicali. Sebbene abbia il nome perfetto per un film, non è una tempesta perfetta come si suol dire.

In Spagna si sono verificati in diverse occasioni anche se è più raro alle nostre latitudini. Potrebbe essere chiamata una tempesta profonda per la tua rapida comprensione, dal momento che i suoi venti sono molto intensi e le raffiche quasi uragano. La tempesta in mare è più grave che in una tempesta comune, quindi di solito provoca conseguenze disastrose. Il termine esplosivo viene aggiunto in quanto implica che è molto profondo.

Panoramica e previsione

Onde causate da forti venti

Ci sono alcune differenze tra le tempeste che subiscono un processo di approfondimento e intensificazione di questo fenomeno. Questo perché questa intensificazione è graduale e non così veloce. Nella ciclogenesi esplosiva, le dinamiche dei processi che la formano sono altamente accelerate e virulente. Tanto che è qualcosa di straordinario per la meteorologia e i suoi effetti sulla superficie.

Meteorologicamente parlando, è necessario chiamarlo in un altro modo poiché sia ​​il suo processo di formazione che le sue conseguenze sono diversi. Sono classificati in questo modo per allertare e attirare l'attenzione su disturbi ciclonici estremamente negativi e con caratteristiche speciali.

Quindi una burrasca esplosiva è un sottoinsieme di burrasche molto profonde, ma non il contrario. Poiché questo fenomeno richiede solo poche ore per verificarsi, è molto difficile prevedere. Non ci sono precondizioni per conoscere in anticipo la formazione di questo fenomeno.

In generale, la ciclogenesi esplosiva si forma nelle aree marittime dove non è possibile ottenere molti dati. Non tutti i modelli possono riflettere bene le condizioni. Se si parte da un'analisi iniziale errata o difettosa, è impossibile prevedere questo fenomeno. Inoltre, devono essere utilizzati modelli numerici che hanno una risoluzione spaziale adeguata. Cioè, deve essere sufficientemente aperto per lavorare su larga scala e allo stesso tempo a livello regionale in modo che i fenomeni su piccola scala possano essere riprodotti.

Modelli operativi in ​​grado di riprodurre anticipatamente la ciclogenesi sono molto rari. Una volta che il processo esplosivo è progredito, quasi tutti i modelli lo riflettono.

Alcuni fenomeni simili

Danni causati dalla ciclogenesi esplosiva

Esistono fenomeni meteorologici simili alla ciclogenesi esplosiva. Uno di questi era il caso di Gordon nel 2006. Ci sono stati venti molto forti che hanno colpito la Galizia e il Delta. Tuttavia, non erano ciclogenesi come si pensa. Nell'atmosfera ci sono molte situazioni che generano forti venti e uragani in vari modi: da piccola scala (tornado) a grande scala (uragani e tempeste esplosive). Questo ampio spettro o gamma di situazioni può dare venti molto avversi.

In questo caso, questi venti erano un uragano di categoria 3 quando erano più lontani dalla penisola. Quando un uragano si avvicina alla superficie terrestre, si indebolisce progressivamente. È diventato solo un ciclone tropicale. Quando è entrato in Galizia è stato colto da un fronte freddo di una tempesta extratropicale. Questo lo ha fatto dirigere a nord-ovest della penisola senza subire un processo come quello di una formazione esplosiva di ciclogenesi in qualsiasi momento.

Un altro evento simile è stato quando è successo ciclone tropicale Delta nel 2005. I venti intensi portati da questo ciclone si sono indeboliti sebbene l'area si sia espansa. Cioè, sebbene avessero meno forza, hanno attraversato più aree. Successivamente è stato catturato da un disturbo extratropicale che lo ha lanciato sulle Isole Canarie. Gli effetti locali e orografici hanno reso i venti estremamente intensi su alcune isole. In nessun caso ha subito un processo esplosivo. Per questo motivo, venti quasi uragani o tempeste estremamente forti vengono spesso confusi con la ciclogenesi esplosiva.

Spero che con queste informazioni i processi e gli effetti che comporta una ciclogenesi siano diventati molto chiari e che aiutiamo a correggere coloro che la confondono. Qualsiasi domanda tu abbia a riguardo, non esitare a lasciarla nei commenti. Ti risponderò con piacere 🙂


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.