Cosa ha ottenuto il telescopio James Webb

Giacomo Webb

Sono trascorsi quasi due anni dall'epocale lancio del James Webb Space Telescope, uno straordinario strumento che ha la straordinaria capacità di catturare immagini del cosmo con una chiarezza senza precedenti. Questa tecnologia innovativa ha un valore inestimabile per scienziati e astronomi, poiché fornisce dati preziosi. Distinguendosi dai tradizionali telescopi terrestri, il telescopio Webb trascende i limiti imposti dall'attrazione gravitazionale, dal campo magnetico e dall'atmosfera della Terra. Inoltre, a differenza del suo predecessore, il telescopio Hubble, Webb non orbita attorno al nostro pianeta. Mantiene invece una posizione stabile a 1,5 milioni di chilometri di distanza, tra la Terra e il Sole.

In questo articolo lo racconteremo ciò che il telescopio spaziale James Webb è riuscito a catturare e alcune delle sue imprese.

Ciò che il telescopio spaziale James Webb è riuscito a catturare

galassie

A Baltimora, le immagini riprese dal telescopio spaziale James Webb vengono elaborate per eliminare qualsiasi fattore che potrebbe ostacolare gli obiettivi scientifici. Per rendere queste immagini attraenti e facilmente comprensibili al grande pubblico, viene applicata una piccola quantità di miglioramento del colore, circa il 5%.

Come esempio, La galassia fantasma, conosciuta anche come M74, è fotografata in bianco e nero utilizzando quattro diversi filtri sullo strumento MIRI del Webb Telescope. All'arrivo al centro operativo di Baltimora, queste immagini vengono sottoposte a un'elaborazione meticolosa per rimuovere eventuali imperfezioni o artefatti causati dallo strumento, ottenendo immagini incontaminate che gli scienziati possono utilizzare direttamente nelle loro ricerche.

Da qualche tempo gli scienziati sono a conoscenza dell'esistenza di buchi neri più piccoli nelle prime fasi dell'universo; Tuttavia, è stato solo grazie alle osservazioni di Webb che sono stati finalmente in grado di rilevarli definitivamente.

Catturando gli spettri di oggetti celesti come pianeti, stelle e galassie, il telescopio consente una comprensione completa della loro composizione. Lo spettrografo Webb svolge un ruolo cruciale in questo processo separando la luce infrarossa in vari componenti., rivelando così uno spettro che rivela l'esistenza di vari elementi chimici e molecole.

Utilizzando l'analisi spettrale, gli astronomi hanno identificato con successo la presenza di anidride solforosa, sodio, potassio, vapore acqueo, anidride carbonica e monossido di carbonio sull'esopianeta WASP-39 b. Questa tecnica ci permette anche di osservare gli oggetti celesti oscurati da polveri e gas, ampliando così notevolmente la nostra visione del cosmo.

Profondità del buco nero

telescopio James Webb

La pubblicazione da parte della NASA dell'immagine della galassia CEERS 1019 e del suo buco nero supermassiccio, catturata dal telescopio James Webb il 6 luglio 2023, ha attirato una notevole attenzione da parte della comunità scientifica e astronomica. Questa straordinaria immagine rivela il buco nero supermassiccio attivo più remoto mai identificato, situato all'interno di una galassia nata poco più di 570 milioni di anni dopo il Big Bang. Ciò che distingue questo buco nero è la sua massa relativamente modesta, pari a circa nove milioni di masse solari, che è considerevolmente più piccola rispetto alla maggior parte dei buchi neri supermassicci dell’universo primordiale, che in genere ammontano a oltre un miliardo di volte la massa del nostro Sole.

La presenza di un buco nero in CEERS 1019, nonostante le sue dimensioni relativamente più piccole, ha dato il via a indagini sulla sua formazione durante le prime fasi dell’universo. Gli scienziati erano consapevoli della probabilità che esistessero buchi neri più piccoli nel cosmo primordiale, ma è stato solo con le osservazioni di Webb che sono stati in grado di confermare definitivamente la loro esistenza.

Dopo un anno intero trascorso ad attraversare la vasta distesa dello spazio, lo sforzo di collaborazione tra NASA, ESA e CSA noto come James Webb Space Telescope continua a stupirci con le sue immagini straordinarie. Recentemente sono state rivelate due fotografie sorprendenti che mostrano l’immensa bellezza di NGC 604, una magnifica galassia piena di circa 200 corpi celesti. Queste immagini accattivanti offrono uno sguardo sugli intricati dettagli di questo fenomeno stellare, lasciandoci a bocca aperta.

Immagine di NIRCam

scoperta webb

NGC 604, una galassia grande circa la metà della nostra Via Lattea, viene catturata in due nuove immagini scattate da NIRCam (Near Infrared Camera) e MIRI (Middle Infrared Instrument). Queste immagini rivelano una rappresentazione intricata e completa del processo di formazione stellare, che mostra bolle in espansione piene di gas e filamenti in espansione. Il livello di dettaglio supera le osservazioni precedenti e presenta un vivido arazzo della nascita celeste.

L'immagine catturata dalla telecamera nel vicino infrarosso fornisce la conferma dell'esistenza di due giovani stelle situate sopra la nebulosa centrale. Inoltre, all'interno della nebulosa si osservano vivaci strutture rosse a forma di bolla, che la NASA attribuisce all'influenza dei venti generati dalle stelle più intense e luminose di NGC 604. L'immagine rivela anche sorprendenti striature arancioni, che indicano la presenza di carbonio composti a base di idrocarburi policiclici aromatici (IPA). Queste sostanze sono componenti importanti del mezzo interstellare e svolgono un ruolo cruciale nella formazione dei corpi celesti, sebbene la loro origine rimanga enigmatica. Inoltre, l'immagine mostra la notevole capacità delle due giovani e radiose stelle di scavare aperture nella polvere sopra la nebulosa centrale.

Immagine MIRI

L'immagine MIRI mostra una notevole riduzione del numero di stelle, in particolare supergiganti, che hanno una luminosità e dimensioni che superano quelle del nostro Sole rispettivamente di un milione e di cento volte. Questa diminuzione può essere attribuita al fatto che queste stelle calde emettono significativamente meno luce alle lunghezze d’onda catturate dal MIRI. Anzi, Grumi più grandi di gas e polvere più freddi irradiano un bagliore luminoso.

La NASA ha identificato distinte formazioni blu che assomigliano a viticci, indicando la probabile esistenza di idrocarburi policiclici aromatici. Come accennato in precedenza, questi idrocarburi sono cruciali nella formazione dei corpi celesti come pianeti e stelle. NGC 604, la cui età è stimata in circa 3,5 milioni di anni, presenta una nube luminosa di gas che si estende per un diametro impressionante di 1.300 anni luce.

Spero che con queste informazioni tu possa imparare di più su ciò che il telescopio spaziale James Webb è riuscito a catturare e sulla sua importanza.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.