Cartografia storica

importanza della cartografia storica

Quando parliamo di varie fonti storiche ed eventi che hanno avuto luogo, a volte dimentichiamo l'importanza delle mappe. Il responsabile della cartografia storica studiare l'importanza dello sviluppo delle mappe nel corso della storia. Le mappe sono state utilizzate come complemento all'analisi e alla conoscenza dei processi storici. Quindi nulla dell'importanza della cartografia storica per studiare e investigare la storia.

In questo articolo ti mostreremo quali sono le caratteristiche della cartografia storica e la sua importanza.

Manifestazioni di cartografia storica

cartografia storica

Ci sono numerose interpretazioni della realtà geografica del mondo conosciuto nel corso della storia. Dell'agente dell'antichità e del medioevo esistono numerose mappe che costituiscono un modello universale di espressione e concezione del mondo attraverso una mappa. C'è una tripla realtà che si esprime su una mappa: ideologia, grafica e geografia. In questo caso, il geografico ha un aspetto sia fisico che umano. Ciò significa che quasi tutte le società hanno utilizzato le mappe come strumenti adeguati per rappresentare il mondo conosciuto e anche il mondo immaginato. In questo modo è possibile creare una visione ordinata istituzionalizzata dell'ambiente umano.

Nel corso della storia, le mappe sono state viste che alcune avevano le proprie caratteristiche, altre avevano caratteristiche reali e altre erano a volte aliene e semplici presupposti di ciò che immaginavano. Dalla più remota antichità l'uomo ha sentito il bisogno di elaborare schizzi e mappe avere un mezzo valido che serva a riflettere o trasmettere informazioni sulla realtà fisica del mondo. I luoghi che si sono sviluppati maggiormente in modo cartografico sono stati 3: Mesopotamia, Grecia e Roma.

Intorno al 3000 aC iniziarono ad apparire alcune caratteristiche superiori della civiltà nelle aree della mezzaluna fertile ed è qui che si verificarono. i primi studi astronomici e con manifestazioni cartografiche. Sono le più antiche manifestazioni cartografiche che conosciamo. Sono stati i Sumeri e gli accadici che hanno realizzato uno schizzo locale. Hanno anche progettato alcune vecchie mappe di città, quartieri, canali o edifici. La carta più antica studiata dalla cartografia storica si trova tra il 2700 e il 2200 aC Corrisponde alla cosiddetta tavoletta del Nuzzi e aveva un approccio amministrativo.

A quel punto i Mesopotamici ritenevano che il cielo e la terra formassero due dischi piatti e sostenuti nell'acqua.

Il mare sulle carte cartografiche

Va tenuto presente che la cartografia storica, Il mare è stato un elemento molto importante nello sviluppo della geografia della cartografia. I viaggi, per la maggior parte di natura commerciale, erano quelli che fornivano preziose informazioni geografiche sulle coste, l'esistenza di ancoraggi, la direzione dei venti e le foci dei fiumi, tra gli altri.

È qui che è stata acquisita una grande quantità di informazioni essere in grado di effettuare trasporti commerciali tra città. Il primo gruppo umano cosciente di poter svolgere le proprie attività economiche in un determinato ambiente furono i greci della fase arcaica. Le delegazioni raggiunsero un'elevata attività poiché numerose colonie furono fondate sulle coste settentrionali del Mar Egeo, le coste occidentali e meridionali del Mar Nero, il sud della penisola italiana e la Sicilia.

Sebbene ci fosse una certa conoscenza geografica, gli approcci che quei greci fecero della cartografia erano molto poveri. La cartografia storica si è concentrata sullo studio di come sono state realizzate le prime mappe. Per loro, la terra aveva la forma di un disco piatto ed era circondata dalle rapide correnti del fiume Ocean. I limiti del mondo a quel tempo conosciuti erano la costa orientale del Mediterraneo.

Anni dopo, l'epoca ellenistica fu caratterizzata da un notevole progresso nelle scienze esatte. In questo sviluppo della scienza ha avuto una grande applicazione del campo geografico. I focolai geografici esistevano ad Alessandria, in Asia Minore e in Grecia. Durante il III e il II secolo ci fu una maggiore spinta all'attività geografica, soprattutto ad Alessandria. È qui che gli studenti più brillanti delle scienze esatte e delle attività intellettuali iniziarono a utilizzare il metodo astronomico per la determinazione delle latitudini. Ciò ha fornito una base indispensabile per misurare il territorio e lo sviluppo della cartografia storica alla fine del III secolo.

Importanza della cartografia storica

Eratostene di Cirene fu colui che calcolò la misura del meridiano terrestre. È qui e come è stato possibile ottenere una precisione che dava un notevole impulso alla geografia. Grazie a questo calcolo è stato possibile avviare uno studio matematico e gastronomico, raccogliendo tutte le opere dei predecessori. Qui è stato sottolineato che la terra era un globo con due poli e un equatore. Il disegno del terreno e la sua configurazione sono stati progettati sulle linee di latitudine e longitudine, separandole in cinque zone: due zone fredde, altre due zone temperate e una zona calda.

Combino questo disegno con un meridiano di base basato su un modello sperimentale poiché entrambe le linee si sono incrociate a Rodi. Rodi era l'isola che sarebbe stata il centro cartografico e il punto di riferimento dell'intero mondo abitato. Oggi il meridiano zero passa per Londra. Eratostene riuscì a completare la mappa tracciando diversi paralleli che attraversavano le località del suo meridiano guida. Ha anche preso in considerazione i meridiani che corrispondevano a città insieme o famose. Voleva poter cambiare la visione unidimensionale dei viaggi con un'altra configurazione bidimensionale più moderna.

La cartografia storica rifletteva Eratostene come difensore dell'abitabilità dell'intera zona temperata e si dedusse che era possibile navigare dalla Hispania verso l'India al confine con l'Africa. Questa è una delle imprese più interessanti su cui ha iniziato a influenzare la cartografia storica. Più tardi nel Medioevo, con la nascita della religione e del cristianesimo, la convinzione che la terra fosse piatta cambiò tutta la cartografia.

Oggi, oggi, grazie ai satelliti abbiamo una visione completa del nostro pianeta, quindi abbiamo la cartografia più accurata che possa esistere.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sulla cartografia storica e sulla sua importanza.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.