canale di Suez

lunghezza del canale

L'essere umano è stato protagonista di numerose imprese architettoniche. La creazione di un canale che potesse collegare il Mar Rosso con il Mar Mediterraneo è stata l'ispirazione di antiche civiltà che hanno popolato l'istmo di Suez. Ci sono stati diversi tentativi fino a quando la fine è stata costruita canale di Suez. Il percorso è di grande importanza dal punto di vista economico e ha alle spalle una grande e piuttosto interessante storia che andremo a raccontare qui.

In questo articolo ti diremo tutto ciò che devi sapere sul Canale di Suez, la sua costruzione e la sua storia.

Progettazione del canale di Suez

importanza economica del canale

Non torniamo indietro fino ai primi tentativi di costruire questo canale nel XIX secolo a.C. A quel tempo, il faraone Sesostris III ordinò la costruzione di un canale che potrebbe collegare il fiume Nilo con il Mar Rosso. Nonostante avesse uno spazio abbastanza ridotto, era più che sufficiente per ospitare tutte le barche dell'epoca. Questo percorso è stato ampiamente utilizzato fino alla metà del VII secolo aC Il deserto era abbastanza grande da guadagnare gran parte della terra dal mare, bloccandone l'uscita.

Per questo il faraone Neco tentò di riaprire il canale senza successo. Più di 100.000 uomini sono morti nel tentativo di riaprire il canale. È dopo un secolo che il re di Persia, Dario, ha messo in funzione i lavori per poter recuperare la parte meridionale del canale. L'idea era di portare un canale attraverso il quale tutte le navi potessero passare direttamente nel Mediterraneo senza passare dal fiume Nilo. I lavori terminarono 200 anni dopo sotto il mandato di Tolomeo II. Il layout era praticamente identico a quello dell'attuale Canale di Suez.

C'era una differenza di nove metri tra il livello dell'acqua del Mar Rosso e quello del Mar Mediterraneo, quindi è stato necessario tenerne conto nei calcoli per la costruzione del canale. Durante l'occupazione romana dell'Egitto, sono stati sperimentati miglioramenti significativi che potrebbero aumentare il commercio. Tuttavia, dopo la partenza dei romani questo canale è stato nuovamente abbandonato e non è stato utilizzato per nulla. Durante la dominazione dei musulmani il califfo Omar fu incaricato del suo recupero. Dopo un intero secolo di attività fu nuovamente bonificata dal deserto.

Dobbiamo tenere presente che il deserto ha una dinamica continua nel tempo e che la sabbia può devastare tutto ciò che incontra.

Storia del Canale di Suez

importanza del canale di suez

L'esistenza del Canale di Suez è rimasta completamente nascosta da allora per mille anni. Fino all'arrivo di Napoleone Bonaparte, giunto in Egitto nel 1798. Tra il gruppo di studiosi che accompagnava Napoleone vi sono alcuni rinomati ingegneri e aveva precisi ordini di ispezionare l'istmo al fine di verificare la viabilità dell'apertura di un canale che potesse consentire il passaggio di truppe e merci a est. L'obiettivo principale del canale è ed è stato il percorso commerciale.

Nonostante abbia scoperto tracce degli antichi faraoni nella ricerca di un modo per riaprire il canale, l'ingegnere dei termini della sua costruzione era del tutto impossibile. Poiché c'erano nove metri di differenza tra i due mari, non ne consentì la costruzione. Passarono gli anni, il chilometro che aumentò era la necessità di aprire questa rotta marittima.

Già nel bel mezzo della rivoluzione industriale, il commercio dell'Asia orientale aveva cessato di essere un lusso ed era diventato vitale per la crescita economica di tutte le principali potenze europee. Nel 1845 fu aggiunta un'altra strada, la prima Linea ferroviaria egiziana che collega Alessandria con il porto di Suez. C'era un percorso via terra attraverso il deserto del Sinai ma era molto poco pratico a causa del volume di carico che le carovane potevano trasportare. Il commercio in queste aree non è stato affatto ottimale.

La prima linea scientifica ferroviaria era abbastanza utile per il trasporto di passeggeri ma insufficiente per il trasporto di merci. Non poteva competere con le nuove navi a vapore che esistevano a quel tempo, che erano molto più veloci e con una maggiore capacità di carico.

La sua costruzione

Infine, i lavori per la costruzione di questo canale iniziarono nel 1859 dal diplomatico e uomo d'affari francese Ferdinand de Lesseps. Dopo 10 anni di costruzione, è stata inaugurata ed è diventata una delle più grandi opere di ingegneria al mondo. Migliaia di operai come i contadini egiziani hanno lavorato con la forza e di loro circa 20.000 morirono a causa delle dure condizioni in cui fu eseguita la costruzione. È la prima volta nella storia che vengono utilizzate macchine da scavo progettate appositamente per questi lavori.

La Francia e il Regno Unito gestirono questo canale per alcuni anni, ma il presidente dell'Egitto lo nazionalizzò nel 1956. Ciò scatenò una crisi internazionale nota come Guerra del Sinai. In questa guerra, Israele, Francia e Regno Unito hanno attaccato il paese. Successivamente, tra il 1967 e il 1973 ci furono guerre arabo-israeliane, come la guerra dello Yom Kippur (1973).

L'ultima ristrutturazione del Canale di Suez è stata nel 2015 con alcuni lavori di ampliamento che hanno provocato numerose polemiche da quando ha raggiunto la capienza e la lunghezza totale che ha attualmente.

Importanza economica

nave bloccata nel canale di suez

Al giorno d'oggi è diventato un po 'più famoso alternarsi a causa del Messa a terra della nave Ever Given, che ha più di 300 navi e 14 rimorchiatori al lavoro difficile recuperare il traffico marittimo della zona.

L'importanza economica risiede fondamentalmente nel fatto che circa 20.000 navi attraversano questo canale a mano ed è un canale completamente navigabile utilizzato in Egitto. Grazie a questo, l'intera regione è diventata qualcosa di prospero grazie agli scambi commerciali. Consente il commercio marittimo tra l'Europa e l'Asia meridionale e ha una posizione abbastanza strategica.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sul Canale di Suez, sulla sua costruzione e sulla sua storia.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.