Calendario medievale

calendario medievale

Il calendario è una delle prove del concetto di tempo sociale. Analizzandolo, possiamo ottenere informazioni su altre caratteristiche della società. Il rapporto tra credenze popolari e credenze cristiane, struttura sociale, concetti di vita umana, ecc. Si sono riflessi in un calendario artistico o letterario che mostra queste caratteristiche, così come in espressioni verbali che chiamiamo proverbi. Oggi ne parleremo calendario medievale.

In questo articolo ti diremo tutto ciò che devi sapere sulla storia, l'importanza e su come puoi vedere il calendario medievale.

Storia del calendario medievale

origine dei mesi

Durante il Medioevo, i calendari usati nei documenti medievali nei paesi cristiani della penisola iberica erano diversi dai calendari che usiamo oggi. Da un lato, il calendario è principalmente segnato dall'era spagnola, anche se presto vedremo altri modelli. D'altra parte, la data e il giorno del mese seguono il calendario romano e l'ora del giorno segue l'ora normale usata nel monastero.

Questo metodo di datazione sembra essere stato utilizzato nella penisola iberica dal XNUMX ° secolo, ed è stato ampiamente promosso nei Visigoti e nell'alto medioevo. Generalmente si ritiene che la sua origine si riferisca agli ispanici che furono colonizzati dai romani. Secondo questo punto di vista, accadde nel 38 a.C., cioè nel 716 quando fu fondata la città di Roma, anche se sappiamo che non lo era. È successo davvero fino alla fine delle guerre cantabriche nel 19 a.C.

Pertanto, se abbiamo un documento datato secondo l'era ispanica, dobbiamo sottrarre 38 anni e otterremo l'anno corrispondente al calendario corrente. Ad esempio, se un documento è datato in epoca 1045, quindi per calcolare l'anno secondo il nostro calendario: 1045-38 = 1007, cioè corrisponde all'anno 1007 del nostro calendario.

Era cristiano

Ero ispanico

Nell'anno 532, il monaco Dionigi il Magro calcolò la data in cui sarebbe nato Gesù Cristo: il 25 dicembre 752 dopo la fondazione di Roma. A seguito di questo evento straordinario, fu stabilito che dopo il 31 dicembre 752, dalla fondazione di Roma, fosse seguito il 1 gennaio, anno 1 dell'era cristiana. Ad oggi, il calcolo esatto che Dioniso usò per giungere a questa conclusione del calendario è sconosciuto. Alla fine ha finito per essere sbagliato tra una differenza di 4-7 anni. Tuttavia, dalla sua elaborazione, è servito a calcolare i nostri anni.

Devo anche tenere presente che un anno 0 non era contemplato. Fu allora che iniziarono a usare l'abbreviazione AD che significava anno domini o anno del Signore. Esistono diversi modi per utilizzare la datazione dell'era cristiana a seconda del giorno scelto per l'inizio dell'anno. Vediamo quali sono i diversi tipi che esistono:

  • Anno della circoncisione: l'anno inizia il 1 gennaio ed è la modalità che attualmente utilizziamo. Veniva utilizzato anche per iniziare l'anno civile romano. È un tipo di anno utilizzato dai re merovingi nell'VIII secolo. Tale fu la ripercussione che potrebbe diffondersi in tutto il resto d'Europa a partire dal XIII secolo. L'arrivo in Spagna e il suo status ufficiale iniziarono nel XVI secolo.
  • Anno dell'incarnazione: qui l'anno inizia il 25 marzo, quando la Vergine Maria concepì Gesù, cioè nove mesi prima della nascita di Cristo.

L'anno dell'incarnazione può essere datato in due modi diversi. Da un lato, abbiamo il calcolo pisano che viene utilizzato a Pisa e Siena tra le altre città della Toscana italiana. Per poter passare a un altro calendario, sarà sufficiente sottrarre un anno dalla data se è compreso tra il 25 marzo e il 31 dicembre e rimane lo stesso fintanto che è nell'altro intervallo.

D'altra parte abbiamo la resa dei conti fiorentina. L'anno inizia qui il 25 marzo, ma dopo che la Vergine Maria ha concepito Gesù Cristo. Quindi, se la data fiorentina è compresa tra il 1 gennaio e il 24 marzo, bisogna aggiungere un anno per trasferirla al nostro calcolo. Se la data fiorentina è compresa tra il 25 marzo e il 31 dicembre rimane la stessa. È stato utilizzato nella Corona d'Aragona fino al regno di Pedro IV.

Calendario medievale: altri anni

caratteristiche del calendario medievale

Esistono altri tipi di anni nel calendario medievale. Vediamo cosa sono:

  • Anno della Natività: l'anno inizia il giorno della nascita di Cristo che era il 25 dicembre. È stato utilizzato principalmente negli stati italiani e in altri paesi del IX secolo. Fu istituito come funzionario in Aragona nel 1350. In questo caso, se la data fosse compresa tra il 25 e il 31 dicembre, sarebbe stato sottratto un anno da quella data. Il resto dei giorni coincide.
  • Anno della risurrezione: è l'ultimo tipo di anno che esiste all'interno del calendario medievale. È il più complicato da trasferire nel nostro calendario poiché la domenica di Pasqua non ha un giorno fisso. Dipende dal calendario lunare e da quando è fissata la celebrazione della Settimana Santa.

Mesi dell'anno

Dal calendario medievale vengono estratti i mesi dell'anno trovati nei documenti risalenti all'alto medioevo. Se nel calendario romano dopo la riforma giuliana che divide l'anno in 12 mesi, come lo conosciamo oggi. Vediamo quali sono i mesi del calendario medievale:

  • Gennaio: il suo nome deriva dalla parola porta ed è correlato al dio Giano. Questo perché è il mese che precede l'anno.
  • Febbraio: provengono dal nome februa che significa feste di purificazione. Dobbiamo tenere presente che nel calendario giuliano tutti gli anni divisibili per 4 erano salti, mentre nel nostro è ogni 4 anni.
  • Marzo: È un mese dedicato al dio della guerra.
  • Aprile: il nome dell'origine è incerto.
  • Maggio: il nome potrebbe derivare dalla dea romana Maia la cui festa i romani celebravano in quel mese.
  • Giugno: il nome del mese deriva dal fondatore della repubblica romana.
  • luglio: è un nome in onore di Giulio Cesare che nessuno ha acido questo mese.
  • agosto: 3030 30 è stato attivamente chiamato Sextilis, ma dall'8 aC l'odore dell'imperatore Augusto fu chiamato augusto.
  • settembre: Si chiama così perché è il settimo mese da marzo
  • ottobre: In precedenza era l'ottavo mese da marzo.
  • Novembre: Precedentemente il nono mese da marzo
  • Dicembre: Precedentemente il decimo mese da marzo

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sul calendario medievale e sulla sua storia.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.