Biostratigrafia

Particolare dello studio dei fossili

All'interno della geologia c'è un ramo chiamato stratigrafia Quello che fa è studiare la sovrapposizione degli strati e dare alle rocce un'età. All'interno di questo ramo c'è un altro ramo più specializzato chiamato biostratigrafia. I geologi sono stati in grado di stabilire età relative delle rocce sedimentarie grazie a principi stratigrafici e al principio di uniformità. Tuttavia, per poter costruire una colonna stratigrafica globale, è necessario un altro strumento che ci permetta di stabilire le età di tutti i diversi strati delle parti del mondo e di metterle in relazione tra loro. Questa è la responsabilità della biostratigrafia.

In questo articolo ti diremo tutto ciò che devi sapere su questo ramo della scienza.

Cosa studia la biostratigrafia

Biozone

Questa branca della scienza è nata per risolvere alcuni problemi che sono stati sollevati quando si stabiliscono le età delle rocce e l'intera colonna stratigrafica globale. Antichi geologi proposero il principio della successione faunistica alle successioni stratigrafiche. Questo principio della successione faunistica ce lo dice le unità litologiche devono presentare una serie di fossili caratteristici della loro età. Questi fossili non sono solo presentati in questa unità, ma devono essere ripetuti in uno e nell'altro. I fossili più caratteristici devono essere diversi e apparire anche nei diversi tipi di rocce sedimentarie.

I fossili più rappresentativi sono i migliori che servono a catturare l'età relativa delle rocce. Questi fossili più importanti sono chiamati fossili indice. Sono anche conosciuti con il nome di fossili guida. Questi fossili sono presentati in un modo che estende geograficamente l'intera area. Sono più comuni e di solito sono ben conservati. Inoltre, tutte le specie devono apparire in brevi periodi di tempo. Tuttavia, il genere può anche presentarsi in un tempo molto lungo.

Va tenuto presente che, per avere un'età di questi studi, bisogna ricorrere al tempo geologico. Questo tempo geologico è quello che segna l'epoca in cui le specie compaiono e si diffondono praticamente nello stesso lasso di tempo. In tutta la storia e nei periodi geologici che si sono verificati sul nostro pianeta ci sono quelli in cui si sono verificate grandi estinzioni a livello globale.

Dobbiamo confrontare le informazioni che ci danno l'indice dei fossili, i fossili di facies cioè quelli che appaiono associati a una determinata roccia. Questi fossili sono rimasti quasi invariati per un lungo periodo di tempo.

Bioorizzonti e biozone

Biostratigrafia

Sono due concetti che si stabiliscono nel ramo della scienza chiamato biostratigrafia. Ciò significa che ogni fossile appare in uno specifico gruppo di strati. Nessuno nella roccia che si trova sia all'interno che nella parte alta della colonna stratigrafica deve contenere nuovamente i fossili di questa specie. Le superfici litologiche sono quelle che limitano la presenza di un fossile e sono chiamate bioorizzonti. Come suggerisce il nome, indica l'area in cui quel fossile esisteva indipendentemente dal resto.

Esistono due tipi di bioorizzonti. Da un lato ci sono quelli della prima apparizione e, dall'altro, quelli dell'ultima apparizione. Normalmente una specie si sta evolvendo e manca poco. Le differenziazioni che queste specie hanno solitamente seguono un percorso evolutivo. Se analizzi gli orizzonti puoi vedere che sono sfocati. Tuttavia, in alcune occasioni sono stati processi di estinzione di massa, come abbiamo accennato prima, che causano l'eliminazione di molti gruppi di specie sia animali che vegetali in un breve periodo di tempo. Un esempio di ciò è la grande estinzione dei dinosauri che segna la fine del periodo Cretaceo.

I bioorizzonti sono quelli che segnano le estinzioni di massa e sono molto più chiari. D'altra parte, abbiamo le biozone. Sono quelle unità litologiche che presentano un indice fossile o un contenuto paleontologico di grande importanza. Abbiamo alcuni tipi di biozone:

  • Le biozone nel loro insieme sono quelli che rappresentano l'associazione di più fossili naturalmente all'interno di una sezione stratigrafica.
  • Biozone di stress sono quelli che corrispondono alle biozone che si espandono orizzontalmente o verticalmente. Segnano le differenze tra gli strati.
  • Le biozone dell'apogeo sono quelli che segnano la massima abbondanza di una specie, di un genere e persino di una famiglia. Questi sono più specializzati.
  • Le biozone dell'intervallo sono quelli che rappresentano le rocce tra due bioorizzonti di fossili diversi.

Importanza del tempo geologico nella biostratigrafia

Studi di biostratigrafia

Questo tempo geologico è presente in tutti gli studi stratigrafici. La biostratigrafia è stato lo strumento migliore che ci ha aiutato a trattare l'età delle rocce in modo relativo. Tutte le rocce sedimentarie a livello globale sono state trattate e, inoltre, ha contribuito a costruire la sezione stratigrafica mondiale. Tutti i dati sono relativi e non dicono nulla sull'età della Terra. Pertanto, gli scienziati cercheranno di calcolare questa età utilizzando la biostratigrafia.

Sono molti gli esperimenti e gli scienziati che hanno dato opinioni diverse per poter calcolare l'età del nostro pianeta. Questi esperimenti hanno creato molte polemiche e dibattiti, come alcuni che propongono che il pianeta Terra avesse solo 75.000 anni. La questione è stata finalmente risolta con la ricerca sulle radiazioni e gli esperimenti di nuoto radiometrico. In questo modo è stato studiato il contenuto di elementi radioattivi e la loro disintegrazione in altri elementi. Ciò è stato possibile grazie al calcolo dell'età assoluta delle rocce vulcaniche grazie alla stratigrafia.

Questa età calcolata viene aggiunta alla scala relativa e viene creata la scala temporale geologica che conosciamo oggi. Questa scala è quella che segna approssimativamente le informazioni del nostro pianeta circa 4.600 milioni di anni fa e la comparsa delle prime rocce che sono ancora conservate per circa 3.600 milioni di anni.

Come puoi vedere, i fossili sono un ottimo strumento per conoscere la storia del nostro pianeta. Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sulla grande utilità della biostratigrafia.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.