Biografia di Heisenberg

studi sul principio di indeterminazione

Oggi parleremo di uno degli scienziati che hanno segnato un prima e un dopo nel mondo della fisica. Riguarda Werner Karl Heisenberg. Era un pensatore e fisico di origine tedesca che sviluppò alcune opere di notevole importanza nel mondo della fisica quantistica. Sono meglio conosciuti per il principio di incertezza o indeterminatezza che ha portato numerosi progressi alla fisica.

In questo articolo ti diremo tutto ciò che devi sapere sulla biografia e sulle imprese di Heisenberg.

Biografia di Heisenberg

Heisenberg

Questo scienziato è nato a Würzburg il 5 dicembre 1901. Fin da piccolo è stato coinvolto nel mondo accademico da quando suo padre era un professore di storia. Avere un insegnante in famiglia fece sì che Heisenberg si interessasse al mondo della scienza. Studiò all'Università di Monaco e divenne dottore nel 1923. La sua formazione è stata accompagnata da personalità significative del mondo della fisica come Niels Bohr.

Con questo scienziato a lavorare come assistente grazie a una borsa di studio della Fondazione Rockefeller. Già nel 1927 iniziò finalmente a lavorare come professore all'Università di Lipsia. Qui in questa università ha iniziato a insegnare alla cattedra di fisica teorica. Essendo stato docente all'università, ha anche incrementato gli studi e le ricerche per dare alcuni contributi al mondo della scienza.

Conoscevo Albert Einstein di persona quando lavorava all'Istituto di Fisica Teorica di Copenaghen. In questo momento è stato prolifico nella sua ricerca e ha creato la meccanica delle matrici. Dopo varie indagini, questa meccanica della matrice lo ha portato alla formulazione della meccanica quantistica.

Anni dopo, nel 1935, voleva entrare all'Università di Monaco per sostituire Sommerfield. Quest'uomo in quel momento si stava ritirando, ma la sua nomina fu impedita dai nazisti. E hanno sottolineato che Heisenberg ha lavorato con postulati che provenivano da ricercatori ebrei come Einstein e Niels Bohr. Tuttavia, diversi anni dopo accettò la proposta nazista di dirigere la costruzione di una bomba atomica per la quale era incaricato come direttore presso l'istituto Kaiser Wilhem. Forse alcuni tentativi di erigere un reattore nucleare che potesse produrre rapidamente un'esplosione, ma la sua conoscenza non era abbastanza avanzata per quello. Pertanto, non poteva raggiungerlo.

Principio di indeterminazione di Heisenberg

insegnante di fisica quantistica

Quest'uomo è noto per questo principio di indeterminazione che è stato il risultato di molteplici indagini. Durante la tua carriera di ricercatore, molte delle tue indagini potrebbero aver portato alla produzione di armi nucleari, sebbene non lo abbia fatto per ragioni etiche. La sua ricerca più importante è stata la formulazione del principio di indeterminazione. Questo principio è stato utilizzato da altri fisici fino ad oggi.

Il principio di indeterminazione di Heisenberg indica che è impossibile conoscere esattamente il momento e la posizione di un atomo. Stabilendo questi postulati, ha dato origine ad altre formulazioni relative a grandezze, tempo ed energia. Inoltre, è stato in grado di riformare alcuni postulati della teoria classica che erano basati sulla certezza della fisica. Tenendo conto che gli atomi che compongono le strutture sono in continuo movimento, è impossibile determinarne la posizione esatta.

D'altra parte, Heisenberg, basato sulla fisica quantistica, potrebbe spiegare la dualità spettrale dell'atomo di idrogeno e dell'atomo di elio. Grazie a questi studi vinse il Premio Nobel per la fisica nel 1932. Il suo lavoro fu un grande contributo all'astronautica poiché predisse l'esistenza dell'idrogeno in due stati. Uno di loro era ortoidrogeno e l'altro era paraidrogeno. Entrambi hanno a che fare con la direzione del movimento che prendono i nuclei degli atomi.

Operazione Epsilon

Dopo la fine della guerra, Heisenberg fu imprigionato insieme ad altri scienziati tedeschi per la fattoria chiamata Farm Hall in Inghilterra. L'obiettivo principale del reclutamento era scoprire quanto fossero avanzati i lavori di costruzione di armi atomiche. Dopo che la bomba di Hiroshima è esplosa, Heisenberg ha tenuto una conferenza al resto dei prigionieri per spiegare il quantità esatta di uranio necessaria per fabbricare una simile bomba.

Dal momento che avevano posizionato una moltitudine di microfoni nascosti in tutta la casa, è stato confermato che Heisenberg conosceva la quantità di uranio di cui aveva bisogno per realizzare un'arma nucleare, ma che non aveva voluto farlo per ragioni etiche.

Postulati del principio di indeterminazione

Werner Heisenberg

La formulazione del principio di indeterminazione implica che maggiore è la precisione con cui conosciamo la posizione di una particella o minore precisione sapremo qual è la sua velocità e viceversa. Questa conseguenza quantistica è confusa molte volte dall'effetto osservatore. Questo effetto può essere applicato a molti sistemi fisici ma è impossibile osservarli senza alterarli effettivamente. Un esempio di questo è quello Non puoi misurare la pressione in uno pneumatico senza far fuoriuscire un po 'd'aria. Non sapremo mai la pressione esatta dei pneumatici prima di inserire l'ugello del pulitore.

Il principio di indeterminazione di Heisenberg ha chiarito che non ha nulla a che fare con il processo di osservazione. Ha affermato che essere determinati è una perdita fondamentale di tutti i sistemi quantistici, indipendentemente dal fatto che vengano osservati o meno. Ed è una conseguenza della dualità che esiste tra l'onda e la particella. Se va detto che questo principio di indeterminazione è una delle formule più male interpretate in tutta la storia poiché ha supposte implicazioni filosofiche. È stato usato come una prova di libero arbitrio e come una prova della possibilità del destino. È stato utilizzato per scopi di telepatia o parapsicologia.

L'articolo in cui fece conoscere il percorso filosofico indeterminista del suo inizio nel 1927, affermava quanto segue:

"Nella formulazione forte della legge causale" Se conosciamo esattamente il presente, possiamo predire il futuro ", non è la conclusione, ma piuttosto la premessa che è falsa. Non possiamo conoscere, per ragioni di principio, il presente in tutti i suoi dettagli.

Infine, Heisenberg morì nel febbraio 1976.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più su questo Heisenberg e sulle sue imprese.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.