Biocarburanti

Generazione di biocarburanti

Le fonti energetiche rinnovabili o quelle che non inquinano si stanno sviluppando sempre di più. Dobbiamo tenere presente che modificare l'attuale modello energetico è complicato dall'oggi al domani. Pertanto, siamo immersi in quella che è nota come transizione energetica. Uno degli elementi che stanno contribuendo a inquinare di meno sono i biocarburanti. Nient'altro che il nome, possiamo intuire cosa questo comporta. Tuttavia, molte persone non sanno di cosa sono fatti, a cosa servono o quali vantaggi offrono rispetto ai combustibili convenzionali.

Vuoi saperne di più sui biocarburanti? In questo articolo spieghiamo tutto in dettaglio.

Cosa sono i biocarburanti

Generazione di biocarburanti

I biocarburanti sono noti anche come biocarburanti. È un composto formato da miscele di sostanze di origine organica. Queste sostanze vengono utilizzate per ottenere energia. È considerata un'energia rinnovabile o più pulita poiché le sostanze provengono dalla biomassa. Pertanto, questa materia organica che si origina e si accumula è rinnovabile nel tempo.

C'è una controversia con l'equilibrio tra CO2 emessa e CO2 assorbita da questi biocarburanti. Poiché le sostanze che compongono questo composto sono organiche, durante la loro vita hanno avuto un assorbimento di CO2 durante il processo di fotosintesi. Una volta terminata la loro vita, vengono utilizzati per l'elaborazione di questi combustibili. A differenza di altre fonti di energia rinnovabile come il solare, durante l'utilizzo di questo biocarburante si generano anche emissioni di anidride carbonica. Ciò che viene conteggiato è il bilancio tra la CO2 emessa durante il suo utilizzo contro la CO2 che è stata assorbita nella produzione di materiali organici (piantagioni).

Fino ad oggi si afferma che il bilancio è positivo, quindi durante il suo utilizzo viene emessa meno CO2 che durante la sua formazione.

Il vantaggio di questi biocarburanti è questo possono sostituire gran parte del consumo di combustibili fossili. In questo modo, l'impatto da loro prodotto viene ridotto e le emissioni di gas serra sono ridotte a livello globale. Sebbene le emissioni durante l'utilizzo di entrambi i combustibili siano le stesse, durante il processo di formazione dell'olio la CO2 non viene assorbita come accade con i biocarburanti.

Di cosa sono fatti

Formazione di bioetanolo

Ora andremo a conoscere le specie vegetali con cui è possibile produrre biocarburanti. Molte persone pensano che sia uno spreco di terra, uno sfruttamento eccessivo del suolo in agricoltura e uno spreco di cibo. Quello a cui devi pensare è che il cibo è usato. Ciò che viene utilizzato per la formazione del biocarburante sono i resti di cibo.

Tra le specie vegetali che vengono utilizzate abbiamo:

  • semi di soia
  • Il Corno
  • Canna da zucchero
  • Manioca
  • Girasole
  • Eucalipto
  • Le palme
  • Los Pinos
  • Olio di alghe

Questi biocarburanti possono essere classificati in tre grandi gruppi, a seconda della materia prima che è stata utilizzata nel processo di produzione. Esistono biocarburanti di prima, seconda e terza generazione. Analizzeremo ciascuno di essi:

  • Biocarburanti di prima generazione. Sono quelli che hanno origine nelle colture agricole che vengono utilizzate per ottenere prodotti alimentari per il consumo umano. Questi sistemi di produzione sono i più semplici, poiché vengono utilizzati i resti della produzione di questi alimenti. Inoltre, sono più economici. Tuttavia, ha alcune limitazioni che possono mettere a repentaglio l'approvvigionamento alimentare e la biodiversità riducendo le specie di piantagioni negli ecosistemi.
  • Biocarburanti di seconda generazione. Questo tipo di carburante nasce dalla forte domanda di biocarburanti che c'è. Si ottiene dalla biomassa prodotta negli ambienti forestali. Questi materiali sono lignocellulosici e il loro naturale è legnoso o fibroso. Sono biocarburanti che continuano a risparmiare le emissioni di CO2 nell'atmosfera, ma sono più costosi e complicati da produrre rispetto a quelli di prima generazione. Sono prodotti da prodotti che non sono destinati all'alimentazione o che sono rifiuti.
  • Biocarburanti di terza generazione. Provengono da biomasse che non sono destinate al consumo umano o ai rifiuti. In questa categoria includiamo le microalghe. Nella sua produzione vengono utilizzate tecniche di biologia molecolare e possono essere generate microalghe per la successiva produzione di biocarburanti.

Tipi di biocarburanti

Combustibili liquidi

Analizzeremo i diversi biocarburanti più conosciuti e utilizzati da tutti:

  • bioetanolo. È quello che si genera attraverso la fermentazione alcolica degli zuccheri presenti in alcune specie vegetali. Tra queste specie possiamo trovare la canna da zucchero, la barbabietola o alcuni cereali.
  • Biodiesel. Questo è prodotto da oli vegetali tra i quali abbiamo olio di soia, canola, colza e jatropha. Queste specie vengono coltivate per essere utilizzate come biodiesel.
  • Biopropanolo o biobutanolo. Questi due tipi sono meno popolari, ma sono in corso ricerche su di essi in quanto possono anche essere usati frequentemente come i due precedenti.

Vantaggi e svantaggi

Materiale per biocarburanti

Sebbene possano sembrare la salvezza, hanno sia vantaggi che svantaggi. Elenchiamo i vantaggi:

  • Il costo sarà inferiore a quello della benzina o del gasolio. Le materie prime sono praticamente nulle in quanto rifiuti.
  • Genera occupazione a livello locale.
  • Riducono le emissioni.
  • Processi di produzione più efficienti e meno inquinamento.
  • Ha un livello di sicurezza più elevato nella sua gestione.

Ma non tutto può essere un vantaggio. Elenchiamo gli svantaggi:

  • L'uso di fertilizzanti azotati per la produzione agricola aumenta le emissioni di ossidi di azoto e inquina l'acqua e il suolo.
  • Forniscono meno energia di quelli convenzionali.
  • C'è una perdita di aree forestali per la produzione agricola e queste specie sono consumatori di CO2.
  • Per la produzione di alcuni biocarburanti vengono utilizzati combustibili fossili, che aumenta ulteriormente le emissioni.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più su queste energie alternative che sono piuttosto controverse sul fatto che siano davvero sostenibili o meno e il loro utilizzo dovrebbe aumentare nella società.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.