Hygieia: asteroide o pianeta nano?

asteroide igia

hygieia È un asteroide che si trova nella fascia principale degli asteroidi del sistema solare, situata tra le orbite di Marte e Giove. Fu scoperto il 12 aprile 1849 dall'astronomo italiano Annibale de Gasparis all'Osservatorio Astronomico di Napoli. Il nome "Hygieia" deriva dalla dea greca della salute e dell'igiene. Gli scienziati dubitano che Hygieia possa essere un pianeta nano.

In questo articolo vi diremo tutto quello che c'è da sapere sull'asteroide Higia, le sue caratteristiche, la scoperta e molto altro.

caratteristiche principali

superficie dell'asteroide

Hygiea è il quarto asteroide più grande della fascia degli asteroidi, ma è meno visibile dei suoi 407 km di diametro a causa della sua superficie scura (7% di albedo). Pesa 8,85 × 1019 kg, ovvero il 3% della massa della fascia degli asteroidi. Igea è un oggetto relativamente allungato, il che indica chiaramente che Igea non ha una massa sufficiente per formare un pianeta nano, poiché la sua stessa gravità non è abbastanza forte da "raggruppare" la sua materia costitutiva in una forma sferica.

Essendo un asteroide carbonioso, la gravità non è abbastanza forte da spingere le rocce verso il centro e la sua densità è molto bassa: intorno ai 2100 kg/m3, poco più del doppio della densità dell'acqua. Sulla sua superficie l'accelerazione di gravità è di soli 0,09 m/s2. Oltre a notare la minuscola gravità, se fossimo sulla sua superficie, vedremmo il sole sorgere ogni 27,6 ore, che è più lungo della durata di un giorno terrestre e molto più lungo del solito per asteroidi di queste dimensioni (tendono a ruotare sui loro assi molto più velocemente).

È un asteroide carbonioso di tipo C la cui superficie è stata determinata spettroscopicamente per avere composti prodotti dall'interazione di acqua e roccia, quindi deve essere abbastanza calda da sciogliere il ghiaccio a un certo punto. Poiché la distanza dal sole lungo l'orbita varia notevolmente, la radiazione che riceve varia notevolmente in un cerchio. Certo, la temperatura del lato soleggiato e del lato ombroso è molto diversa, ma è sempre molto bassa. La temperatura media di Hygieia è di circa -110°C, raggiungendo un "caldo" -26°C ad altitudini vicine al sole.

Il telescopio spaziale Hubble ne ha misurato la sfericità. È di forma irregolare, con un diametro maggiore di 500 km e un diametro inferiore a 350 km. Questi dati spiegano la sua densità di soli 2.100 kg/m3, che non genera una forza sufficiente per compattare il materiale, con una gravità superficiale di 0,09 m/s². Questa irregolarità fa sì che il movimento di rotazione richieda 27,6 ore (poco più di un giorno terrestre), mentre altri oggetti sferici ruotano attorno al proprio asse a una velocità molto maggiore.

Essendo un grande asteroide, prende il nome dalla famiglia Hygieia, i corpi più piccoli situati sul suo bordo esterno. A 17 km/s, ci vorrebbero circa cinque anni e mezzo per descrivere la sua orbita leggermente eccentrica. (12% fuori dal cerchio) attorno al Sole.

Scoperta di Igea

hygia

La scoperta dell'asteroide Hygieia avvenne il 12 aprile 1849 presso l'Osservatorio Astronomico di Napoli, in Italia. Astronomo italiano Annibale de Gasparis fu responsabile di questa scoperta significativa nella storia dell'astronomia.

Annibale de Gasparis stava facendo un'attenta osservazione dei cieli quando identificò un oggetto celeste che sembrava muoversi nello spazio in modo indipendente. Notando questo comportamento insolito, dedusse che si trattava di un asteroide, un piccolo corpo roccioso che orbita attorno al Sole nella fascia principale degli asteroidi, tra le orbite di Marte e Giove.

La procedura per la scoperta di un asteroide prevedeva il meticoloso confronto delle posizioni degli oggetti celesti in tempi diversi, registrando accuratamente il loro movimento nel tempo. Nel caso di Hygieia, questo meticoloso processo ha portato alla conferma della sua natura asteroidale e all'attribuzione del suo nome in onore della dea greca della salute e dell'igiene.

Va tenuto presente che nel XIX secolo i progressi tecnologici in astronomia non erano ancora così sviluppati come quelli che abbiamo oggi. Perciò, la scoperta di asteroidi come Hygieia ha comportato un arduo lavoro di osservazione manuale e calcoli meticolosi da parte degli astronomi.

Perché Hygieia è un pianeta nano?

fascia di asteroidi

Hygieia è considerato un pianeta nano a causa di alcune caratteristiche e criteri stabiliti dall'Unione Astronomica Internazionale (IAU) per classificare i corpi celesti nel nostro sistema solare. L'UAI è l'organismo incaricato di definire i termini ei criteri per la nomenclatura e la classificazione degli oggetti astronomici.

Per essere classificato come pianeta nano, un oggetto celeste deve soddisfare tre condizioni principali:

  • Orbita attorno al Sole: Hygieia soddisfa questa condizione, poiché è un asteroide che si muove in un'orbita attorno al Sole, proprio come i pianeti.
  • forma sferica: I pianeti nani devono avere una massa sufficiente per la loro gravità da consentire loro di assumere una forma quasi sferica. Sebbene Hygieia non sia uno dei corpi più grandi del sistema solare, ha una forma quasi sferica, che soddisfa questi criteri.
  • Non ha cancellato la sua orbita: Questa condizione è essenziale per distinguere tra pianeti e pianeti nani. I pianeti devono aver "ripulito la loro orbita", nel senso che hanno rimosso o spazzato via la maggior parte del materiale vicino alla loro orbita. D'altra parte, i pianeti nani, come Hygieia, non hanno raggiunto questo processo a causa della loro massa e dimensioni inferiori e la loro orbita può essere condivisa con altri oggetti vicini.

Se Hygieia è considerato un pianeta nano, sarebbe il secondo pianeta nella fascia degli asteroidi, dopo Cerere, poiché il resto della classe è transnettuniano. La categoria dei pianeti nani è stata introdotta nel 2006 per ospitare oggetti della fascia di Kuiper come Plutone ed Eris, impedendo al sistema solare di avere dozzine o centinaia di "pianeti" nel tempo. Di conseguenza, Cerere è stato classificato come un pianeta nano.

Spero che con queste informazioni tu possa saperne di più su Higía, le sue caratteristiche e come è stato scoperto.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.