Api e riscaldamento globale

Ape sul fiore giallo

Le api sono uno degli insetti impollinatori più importanti. Senza di loro, una buona parte della flora finirebbe per estinguersi in pochi anni, e con essa ci sarebbero molti animali (compresi gli umani) che avrebbero molti problemi a procurarsi il cibo. C'è chi dice, infatti, che se si estinguessero i seguenti saremmo noi, il popolo, ma sinceramente credo che la situazione non sarebbe così grave. Perché? Ebbene, sono tante le piante che si possono riprodurre tagliando, e senza dubbio il fatto che ciò si possa fare ci permetterà sicuramente di nutrirci.

Ora, non si può ignorare che le api hanno un ruolo molto importante nell'ecosistema. E a causa del riscaldamento globale, hanno sempre più difficoltà a fare ciò che sanno fare meglio, ovvero impollinare i fiori in modo che possano esistere nuove generazioni di piante.

Certo, ci sono molti insetti impollinatori, come formiche, scarafaggi, libellule, ecc., Ma le api sono uno di quelli più a rischio di estinzione in questo momento. Le ragioni sono molto diverse: uso di pesticidi, parassiti, invasione di altre specie di api, perdita di habitat ... E anche il riscaldamento globale, che sta influenzando il regime delle piogge in tutto il mondo, peggiorando la siccità in molti luoghi, aumentando le temperature globali e mettendo a rischio la vita delle piante stesse.

Un rapporto, commissionato dalle Nazioni Unite, lo rivela entro il 2050 l'umanità potrebbe avere serie difficoltà a nutrirsi, a causa della diminuzione della popolazione di api e altri insetti responsabili dell'impollinazione dei fiori (come colibrì o pipistrelli).

Ape

Tuttavia, non tutto deve essere così negativo. Questa infatti è una situazione che può essere prevenuta molto facilmente se ci prendiamo cura dell'ambiente con prodotti naturali. E se hai anche un giardino, lascia crescere i fiori selvatici almeno in un angolo, o fai crescere il tuo. Così attirerai le api che aiuteranno le tue piante a dare frutti.

Come puoi vedere, questi insetti sono molto necessari. Prendiamoci cura di loro così possono continuare il loro lavoro.

Puoi leggere il rapporto qui (in inglese).


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Jose suddetto

    Cara Monica, mi dispiace dirti che hai sbagliato perché nella prima fotografia l'insetto che stai impollinando corrisponde ad una mosca dei fiori della famiglia dei Syrphidae.

    Cordiali saluti

    1.    Monica sanchez suddetto

      Ciao Jose
      Grazie mille. È già corretto.
      Saluti.