Antropocentrismo

caratteristiche dell'antropocentrismo

Oggi parleremo di un tipo di dottrina che afferma la posizione centrale dell'essere umano nell'universo. Riguarda antropocentrismo. In questa corrente di pensiero troviamo che l'essere umano è responsabile ed è al centro di tutte le cose. Se analizziamo l'importanza dal punto di vista dell'antropocentrismo, vediamo che solo tutti gli interessi umani dovrebbero ricevere attenzione morale. È un diverso tipo di alternativa al teocentrismo che aveva il suo predominio nel Medioevo.

In questo articolo ti diremo tutto ciò che devi sapere sull'antropocentrismo e le sue caratteristiche.

caratteristiche principali

antropocentrismo

Il teocentrismo era una dottrina precedente in cui Dio era considerato il centro dell'universo e dirigeva tutto, compresa l'attività umana. Dal momento che queste debolezze divine stavano perdendo importanza nella storia nel tempo, ogni responsabilità è stata data all'essere umano. In questo modo, sono solo gli interessi umani che ricevono attenzione morale e sono soprattutto questioni importanti. Il passaggio dal teocentrismo all'antropocentrismo ha fatto sì che tutte le responsabilità che avevano gli dei e la loro importanza diventassero l'essere umano. Ciò ha causato grandi trasformazioni sia in campo intellettuale che artistico.

Sappiamo che è sorto all'inizio dell'età moderna proprio nella trasmissione tra il tardo medioevo e l'età moderna. A quel punto quasi tutte le civiltà si erano già evolute sia in campo etico, morale, giudiziario e filosofico. Questo fa sì che abbiano alcune preoccupazioni per sapere chi è responsabile dell'intero universo. Se diamo ancora la conoscenza di alcune filosofie nelle civiltà antiche troviamo alcune indagini scientifiche che cercano di trovare qual è l'origine dell'essere umano. Queste indagini portarono la società di quel tempo a mettere in discussione il teocentrismo. In altre parole, quando si cercava l'origine dell'essere umano, si perdeva interesse e si metteva in dubbio il fatto che gli dei fossero il centro dell'universo.

Antropocentrismo e cambiamento di mentalità

essere umano centro dell'universo

Il risultato del cambio di dottrina fu una nuova mentalità generale. Qui è inserito uno schema mentale che aveva come protagonista l'essere umano come essere supremo e al centro dell'universo. Questo tipo di dottrina ritiene che la ragione debba essere l'unica guida affinché gli esseri umani avanzino e si sviluppino. Passano dall'avere la fede come motore della dottrina alla ragione. Va tenuto presente che tutto questo cambiamento di mentalità ha causato una rivoluzione di tutte le credenze in quel momento.

La dottrina dell'antropocentrismo era basata l'uomo è un essere indipendente da tutti i miti e le storie religiose e bibliche. Tutte queste storie fino a quel momento hanno coinvolto l'essere umano e hanno costretto la società a compiere determinati atti oa mantenere determinati comportamenti.

Riassumiamo quali sono stati i principali movimenti che sono stati alla base del cambio di mentalità grazie all'introduzione dell'antropocentrismo.

Rinascimento

Si tratta di un movimento artistico che è emerso nel XV secolo ed è emerso nel nord Italia. Questo movimento artistico potrebbe essere rappresentato ed espresso attraverso la pittura, la scultura e l'architettura. Il nome rinascimentale deriva dal fatto che in questo stile venivano utilizzate alcune caratteristiche della tradizione classica e romana. Poiché l'antropocentrismo è riuscito a dominare l'intera epoca, molti artisti hanno colto l'opportunità di catturare le loro rappresentazioni nelle opere. Per esempio, c'erano numerose rappresentazioni del corpo umano realizzate dall'arte classica greco-romana. C'erano anche alcune correnti artistiche che servivano a recuperare altre tecniche di armonia e proporzioni che si erano perse con il passare del tempo.

L'antropocentrismo fece sì che il rinascimento si diffondesse in tutta Europa e rimase in vigore fino al XVI secolo.

Umanesimo

È un altro dei movimenti intellettuali in cui è stato riassunto l'antropocentrismo. Potrebbe avere origine in Italia dal XIV secolo e furono espresse in diverse discipline come erano filosofia, letteratura e teologia. La filosofia che aveva imposto all'antropocentrismo venne a recuperare la tradizione classica greca e romana. Queste tradizioni classiche ponevano anche l'essere umano come oggetto e centro di studio e responsabile dell'essere il centro dell'universo.

Durante questo periodo in cui prevaleva l'umanesimo, furono fatte varie traduzioni e divulgazioni di alcune opere greco-romane. Queste opere sarebbero rimaste nascoste a causa dell'esistenza del teocentrismo durante il Medioevo. Va notato che, sebbene l'essere umano fosse considerato il centro dell'universo e responsabile di tutte le cose, in nessun momento la religione fu completamente abbandonata. L'umanesimo si diffuse in tutta Europa e raggiunse il suo apice tra il XV e il XVI secolo.

Aspetti fondamentali dell'antropocentrismo

cultura dell'umanesimo

Analizzeremo quali sono i principali aspetti fondamentali dell'antropocentrismo come dottrina. Tieni presente che la caratteristica principale è quella l'essere umano e non Dio è situato al centro del pensiero. Di conseguenza, sono nati dal resto dei pensieri e delle correnti che si stavano diffondendo nella società di quel tempo.

Grazie alle caratteristiche di questa dottrina ritroviamo piena fiducia nell'essere umano. Si fidavano completamente di tutto ciò che era una creazione dell'essere umano e della sua capacità di dominare l'ambiente. La gloria e il prestigio personale l'anno l'obiettivo di ogni persona. Alti valori venivano dati al prestigio, alla gloria, al potere o alla fama. Raggiunsero un punto in cui erano considerate ambizioni che stavano navigando valore per l'essere umano. Cioè, le persone che non avevano prestigio o potere non avevano valore.

Tutto ciò ha innescato ulteriore ottimismo. Sebbene ci fosse una maggiore preoccupazione per la vita terrena, prevaleva l'idea che l'essere umano vivesse per godersi il qui e ora. Questo è noto come carpe diem. E significava che il mondo smise di essere un luogo di transito e divenne un luogo che serviva per essere goduto nella sua interezza.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sull'antropocentrismo e sulle sue caratteristiche.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.