Vulcano in eruzione

Pericolo di un vulcano

I vulcani sono molto temuti in molte aree del mondo a causa della loro capacità di distruggere tutto. Questi sono i promemoria che il nostro pianeta deve avvertirci che è in grado di rilasciare tutta la sua furia repressa in qualsiasi momento. Per gli scienziati, prevedere a Vulcano in eruzione è molto complicato. Sono numerose le variabili che influenzano questo processo. Alcuni vulcani sono più preoccupanti di altri dato il loro alto potenziale di pericolo o per la popolazione che possono colpire.

In questo post parleremo di tutte le caratteristiche di un vulcano in eruzione e quali sono i vulcani le cui eruzioni sono più imminenti e attese. Vuoi sapere di più?

Pericolo di un vulcano in eruzione

Vulcano in eruzione

Affinché un fenomeno naturale come una tempesta, un tornado, un uragano o, come in questo caso, un vulcano in eruzione, abbia un certo pericolo, ci deve essere una popolazione che può influenzare. Si un fenomeno naturale non colpisce gli esseri umani "non è pericoloso". Pertanto, si può affermare che, a seconda del possibile impatto sui beni e sulle vite umane, il loro pericolo aumenta o diminuisce.

Un vulcano in eruzione può essere molto pericoloso a seconda del tipo di eruzione che hai. Esistono diversi tipi di eruzioni. Questi sono i principali:

  • Eruzioni hawaiane: Questo tipo di eruzione ha una composizione interamente basaltica. Il suo nome è dovuto al fatto che si trova su alcune isole come l'arcipelago hawaiano. La lava è solitamente abbastanza fluida.
  • Eruzioni stromboliane: Sono i più famosi per essere quelli che appaiono nei film e nelle serie. Il magma è molto fluido ed è costituito da basalti. Si può vedere che il magma sale lentamente sulla colonna del vulcano fino a quando non genera un'esplosione e rilascia tutta la lava. Le bolle vengono prodotte al suo interno proprio come nei film.
  • Eruzioni vulcaniche: Troviamo un tipo di eruzione meno esplosivo. Si verifica quando il condotto vulcanico è pieno di lava e, per accumulo, viene scoperto per far uscire tutto. Le esplosioni di questi magmi possono richiedere alcune ore.
  • Eruzioni pliniane: Queste eruzioni sono caratterizzate dalla loro grande presenza di gas. Quando i materiali magmatici si mescolano con i gas emessi, si formano priroclasti. La famosa pietra pomice si forma in queste eruzioni.
  • Eruzioni Surtseyan: Si verificano quando il magma interagisce con l'acqua di mare. Se questo è in quantità elevate, ci saranno esplosioni come quelle avvenute al vulcano Surtsey (da cui il nome).
  • Eruzioni idrovolcaniche: In essi c'è un'esplosione prodotta dal vapore acqueo sopra la roccia. Queste esplosioni generano effetti devastanti e colano nel fango.

Vulcani "in attesa" di eruzione

Eruzione vulcanica

Quando parliamo di un vulcano in attesa di eruzione, rimane piuttosto ambiguo. Questo perché può essere quasi geologicamente attivo o quasi antropologicamente attivo. Per la geologia, tempo geologico è la scala con cui avvengono tutti i processi sulla Terra. La scala è di milioni di anni e non di un secolo come quella dell'essere umano.

Quindi, un vulcano può essere geologicamente "in attesa" di eruttare e non influenzare affatto gli umani al momento presente. Prendiamo ad esempio l'eruzione di Vulcano Kilauea. Immagina che sia geologicamente in sospeso. Ciò lo farebbe scoppiare entro 250.000 anni. Per il tempo geologico, questa cifra in anni è bassa. Tuttavia, a misura d'uomo è impensabile. Sicuramente non ti disturberà sapere che un meteorite colpirà il nostro pianeta tra 250.000 anni.

vulcani in attesa di eruzione

Un vero esempio è il vulcano Yellowstone Caldera. Si prevede che la sua eruzione cutanea sia particolarmente grave. Gli esperti lo affermano il flusso di lava si estenderebbe tra 50 e 65 chilometri. Il vulcano potrebbe non eruttare per migliaia di anni. Tuttavia, avresti solo un anno di preavviso per prepararti a un evento così catastrofico.

Gli scienziati vengono a conoscenza di un vulcano in eruzione per comprenderne il comportamento e cercare di prevederlo. Si sa molto poco dei vulcani attualmente attivi nel mondo. Quello che si sa è che ci sono 550 vulcani sul pianeta. Questo numero non include quelli che si trovano sul fondo degli oceani. Solo i vulcani che si trovano vicino ad aree popolate del primo mondo come gli Stati Uniti, il Giappone o l'Italia sono regolarmente monitorati.

Studi sui vulcani

colate laviche e piroclastiche da un vulcano in eruzione

Gli scienziati studiano continuamente la probabilità che un vulcano in eruzione entri. Per scoprire quali sono i più probabili eruttare, viene preso in considerazione l'elenco dei vulcani che hanno avuto qualche tipo di eruzione in un periodo di 10.000 anni. Per proteggere la popolazione da un disastro, la vigilanza dovrebbe essere aumentata e le persone che potrebbero essere a rischio dovrebbero essere rimosse. Quando la popolazione viene rimossa, falsi allarmi e rifiuto possono essere creati dalla popolazione. Pertanto, è importante essere completamente sicuri che l'eruzione del vulcano sia imminente.

Come abbiamo detto in tutto il post, è abbastanza complesso sapere quali vulcani possono eruttare. Gli scienziati sono riusciti a identificare i vulcani che necessitano di un maggiore monitoraggio. È stato stilato un elenco di quelli più importanti. Questo non vuol dire che i vulcani della lista debbano eruttare.

colate di lava da un vulcano

I vulcani che compaiono nell'elenco sono molto volatili. La maggior parte di loro si trova in regioni altamente popolate con importanti risorse economiche. Sono in grado di generare tonnellate di cenere, flussi piroclastici, flussi di lava, ecc.

Tutti questi fattori sono abbastanza pericolosi da lasciarsi cadere. È necessario aumentare la vigilanza ed essere pronti a evacuare la popolazione il prima possibile.

Questi sono i 16 vulcani della lista:

  • Avachinsky-Koryaksky in Kamchatka, Russia
  • Colima a Jalisco, Messico
  • Galeras a Nariño, Colombia
  • Mauna Loa alle Hawaii, Stati Uniti
  • Etna in Sicilia, Italia
  • Merapi a Giava centrale, Indonesia
  • Nyiragongo nel Nord Kivu, nella Repubblica Democratica del Congo
  • Rainier a Washington, Stati Uniti
  • Vesuvio in Campania, Italia
  • Unzen a Nagasaki / Kumamoto, Giappone
  • Sakurajima a Kagoshima, Giappone
  • Santa Maria in Quetzaltenango, Guatemala
  • Santorini nell'Egeo Meridionale, Grecia
  • Vulcano Taal a Calabarzon, Filippine
  • Teide nelle Isole Canarie, Spagna
  • Ulawun in Nuova Bretagna, Papua Nuova Guinea

Per il bene delle persone che vivono in questi luoghi, spero che non esplodano a misura d'uomo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.