Swell, parti di un'onda e onde giganti

Swell negli oceani

Quando pensi al mare e agli oceani, pensi subito al suono che fanno le onde. Sarebbe impossibile immaginare la spiaggia senza onde. Fin da piccoli ci viene insegnato che le onde sono in continua produzione e distruzione e che sono energia che si muove attraverso la superficie dell'oceano.

Oggi sapremo tutto ciò che riguarda il moto ondoso, le parti di un'onda e le onde giganti registrato in tutto il mondo. Vuoi saperne di più sul funzionamento dei mari e degli oceani?

Caratteristiche delle onde

Onde nelle zone costiere

Come è già noto, il vento è responsabile della generazione delle onde che si muovono lungo la superficie dell'acqua dei mari e degli oceani e che gioca un ruolo fondamentale nella vita marina. Inoltre, le onde influenzano in modo importante modifica delle zone costiere. A seconda del tipo di moto ondoso su una costa, ci vorrà una forma o l'altra.

Le onde si dividono in più tipologie a seconda del luogo e dell'intensità con cui si formano. Il primo è il file onde di acque profonde che si generano in luoghi dove il fondale è molto basso e non influenza in alcun modo la generazione e la dinamica dell'onda. D'altra parte, abbiamo le onde costiere che risentono della morfologia del fondale marino in quanto ha minore profondità.

Le onde sono movimenti ondosi, oscillazioni periodiche della superficie del mare, formate da creste e depressioni che si muovono orizzontalmente. Sono principalmente caratterizzati dal loro lunghezza d'onda, periodo, pendenza, altezza, ampiezza e velocità di propagazione.

Le onde sono troppo variabili per poterle analizzare e descrivere. Pertanto, vengono utilizzati metodi statistici. Le onde di acque profonde generano un movimento più o meno regolare sulla superficie dei mari e degli oceani che chiamiamo swell in cui l'altezza dell'onda è relativamente bassa in relazione alla lunghezza dell'onda. Il moto ondoso si diffonde attraverso l'oceano, raggiungendo luoghi molto lontani dall'origine.

Aree in cui si verifica il rigonfiamento

onde che si infrangono sulla riva

Le aree principali in cui vengono generate le onde sono quelle in cui i venti soffiano da ovest nelle zone temperate di entrambi gli emisferi. Al di fuori di queste regioni, c'è solo un'area importante con la generazione di onde. È il Mar Arabico. In questa zona, durante i mesi di giugno, luglio e agosto, si registra un forte moto ondoso causato dal monsone estivo.

È molto raro che gli alisei generino grandi onde. Però, i cicloni tropicali generano forti onde di forma irregolare. La maggior parte delle onde osservate nelle regioni intertropicali provengono dalle regioni di latitudini più elevate e si diffondono liberamente per migliaia di chilometri.

Le regioni in cui la frequenza dei venti è maggiore producono onde con maggiore attività e dimensione. La fascia meridionale delle tempeste è l'area che è in grado di generare le onde maggiori, poiché si registrano i venti più forti e persistenti.

Parti di un'onda

Parti di un'onda

Sebbene conosciamo la dinamica del moto ondoso e come funziona in relazione alla velocità e alla direzione del vento, non possiamo fermarci qui. Quando viene generata un'onda, viene divisa in più parti.

Ancora linea di galleggiamento

Questa linea corrisponde al livello dell'oceano quando non risente delle onde. Questa è la linea che viene presa come riferimento per l'oceano per un lungo periodo di tempo in modo che, quando si verificano le onde, l'altezza delle onde possa essere aggiunta e sottratta rispetto a quella misura. Questa linea di galleggiamento è segnata al centro dell'onda di acque profonde e si trova più in basso quando le onde sono costiere.

Cresta dell'onda

Forse questa è la parte più nota a tutti. È il punto più alto dell'onda. È famoso per i surfisti e si riconosce dall'acqua bianca e dalla schiuma che si genera quando l'onda inizia a piegarsi e cadere.

Valle

È l'opposto della cresta dell'onda. È il punto più basso. Per vederlo, è necessario osservare il punto più basso tra due onde.

altezza

L'altezza è spesso confusa con la cresta. Tuttavia, l'altezza dell'onda è la differenza tra la cresta e la valle. Ciò che misura quella distanza è l'altezza dell'onda.

Lunghezza d'onda

È ciò che misuri la distanza orizzontale tra due onde. La misura può essere effettuata tra cresta e cresta o valle e valle.

periodo

Il periodo di un'onda è quello che misura il tempo che intercorre tra un'onda e l'altra. Questa misura si effettua scegliendo un punto fisso e calcolando il tempo impiegato dalla cresta dell'onda per passare alla seconda cresta. Anche questo tempo viene misurato da valle a valle.

Frequenza

La frequenza è in qualche modo simile al periodo, ma con la differenza che misura solo il numero totale di onde che passano attraverso un punto di riferimento per unità di tempo.

Ampiezza

L'ampiezza è la distanza tra la linea di galleggiamento fermo e la cresta dell'onda. Si potrebbe dire che è l'altezza della metà dell'onda.

Onde giganti

onde giganti

Nel corso della storia ci sono state onde gigantesche che hanno causato ingenti danni. Ma come si forma un'onda gigante?

Affinché questo tipo di onde si formino, è necessario un forte vento per generare il movimento della superficie del mare e un'adeguata morfologia del fondale. Se il fondale ha una depressione profonda pochi chilometri (come un cannone) l'onda potrà raggiungere la costa con tutta la sua forza, dato che difficilmente perde potenza a causa del continuo attrito con il fondo.

In questo modo si possono produrre onde giganti che diventano una sfida per gli amanti del surf.

Con queste informazioni sarai in grado di conoscere un po 'di più sulle dinamiche dei nostri mari e oceani.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Angelica Snow suddetto

    Il materiale che condividono è molto buono ed è molto utile insegnare perché hanno informazioni, disegni e la loro scrittura è comprensibile per chiunque legga.

  2.   efpxuyuy suddetto

    davedkrosjfregjouybifjnzoeycnv