Stretto di Bering

Stretto di Bering

El Stretto di Bering È una porzione di mare che si estende tra l'estremità orientale del territorio asiatico e l'estremo nord-occidentale del territorio americano. Da parte del territorio asiatico comprende paesi come la Siberia e la Russia, mentre nell'estremo nord-ovest americano abbiamo l'Alaska. Questo stretto è servito da canale per comunicare tra il mare di Bering a nord e il mare di Chukotka a sud. Ha una grande importanza per la strategia e alcune curiosità che vale la pena conoscere.

Pertanto, dedicheremo questo articolo per dirti tutto ciò che devi sapere sullo Stretto di Bering e le sue caratteristiche.

caratteristiche principali

infrastrutture dello stretto di bering

Lo stretto di Bering è largo 82 chilometri ed è composto principalmente da acque fredde. Essendo vicino alla parte più alta dell'emisfero settentrionale abbiamo temperature piuttosto basse. Ciò significa che la sua temperatura sarà bassa durante tutto l'anno. Ha una profondità media di 30-50 metri. Fu battezzato con questo nome in onore dell'esploratore danese Vitus Bering.

All'interno di questo stretto troviamo due isole note come Isole Diomede. È diviso in vi Diomede minore e Diomede maggiore. Il primo è in territorio nordamericano mentre il secondo è in territorio russo. Entrambe le isole superano la linea di cambio data internazionale che divide lo Stretto due. Nel corso della storia, sono stati proposti vari piani per la costruzione di un ponte che possa collegare le due estremità dello Stretto di Bering. Così, puoi consentire il transito al commercio tra l'Asia e l'America. Questo progetto è stato abbandonato a causa del successo del cavo telegrafico transatlantico.

Successivamente è stato riconsiderato nel 2011 come progetto di passaggio commerciale tra Stati Uniti, Russia e Cina. che potrebbe includere un tunnel sottomarino lungo 200 km. Già oggi l'intera area dello Stretto di Bering è una zona militare chiusa. Puoi arrivare a visitare con i passaporti appropriati del governo russo. Di solito ci sono diversi controlli molto severi sull'intera regione. Le uniche città russe vicine sono le città di Anadyr e Providéniya.

Teoria dello Stretto di Bering

teorie sull'espansione umana

Ci sono diverse teorie e curiosità sullo Stretto di Bering. Ed è che molti esperti affermano che questo stretto avrebbe potuto dare origine alla colonizzazione in America. Esistono numerose teorie sulla migrazione umana dall'Asia all'America nei tempi antichi. La maggior parte di queste teorie ha una possibile risposta ed è lo stretto di Bering. I bassi livelli dell'oceano causati da un'era glaciale o da una glaciazione avrebbero esposto un'intera striscia di terra che collega i due continenti. Quindi, qualche antenato umano potrebbe essere migrato.

È una delle teorie sull'espansione dell'essere umano dal territorio asiatico a quello americano. Questo ponte naturale sarebbe conosciuto come il ponte della Beringia. Se questa teoria fosse vera, è possibile che questo stretto avrebbe dato luogo alla colonizzazione umana dell'intero continente americano e, soprattutto, ad un'evoluzione parallela rispetto ai suoi cugini europei e asiatici. Con l'aumento della temperatura globale, questo percorso sarebbe scomparso e si sarebbe sciolto nei cieli. L'oceano aveva nuovamente aumentato il suo livello e si era immerso in una sorgente naturale tra i continenti. In questo modo i coloni americani vengono isolati ed è una teoria ancora oggi in discussione da esperti del settore.

È così che gli americani hanno dovuto svilupparsi indipendentemente dagli europei e dagli asiatici.

Biodiversità dello stretto di Bering

unione tra continenti

Come abbiamo accennato prima, questo stretto si trova nel mare di Bering. È un mare che ha molte specie di animali e piante. È stato considerato un ecosistema marino di grande importanza. Tutte le aree artiche intorno a questo stretto beneficiano della presenza di biodiversità. Questo perché le sue acque possono essere trovate in una moltitudine di mammiferi marini, molluschi, crostacei, pesci e altri animali di dimensioni più microscopiche.

Ci sono più di 160 specie di alghe galleggianti che hanno il loro ecosistema nel Mare di Bering. Ad esempio, troviamo le gigantesche alghe brune che sono in grado di formare foreste lussureggianti in alcune aree acquatiche. Ci sono un totale di circa 420 specie di pesci che hanno aiutato la proliferazione della pesca e l'attività con essa. Tuttavia, ci sono alcuni impatti e minacce che stanno interessando il Mare di Bering.

Lo stretto di Bering è fortemente influenzato dall'impatto umano, che causa problemi anche in mare. È un'area abbastanza vulnerabile ai problemi ambientali e agli effetti negativi del riscaldamento globale. Da qui nasce la teoria dello Stretto di Bering di cui sopra. Essendo un'area più vicina all'Oceano Artico è più sensibile poiché risente dell'aumento del livello dell'acqua a seguito dello scioglimento delle calotte polari.

contaminazione

Lo Stretto di Bering subisce anche un processo di inquinamento dovuto alle diverse attività produttive degli esseri umani. La pesca soffre di sfruttamento e gravi problemi sono stati causati a molte specie. Ad esempio, l'area più occidentale presenta un grave stato di pesca eccessiva e pesca illegale.

Alcune parti di questo mare sono state contaminate da grandi quantità di rifiuti organici e sostanze tossiche di dimensioni microscopiche. Il problema con queste sostanze è che sono più difficili da eliminare. Bifenili policlorurati, inquinanti organici persistenti, tracce di mercurio, piombo, selenio e cadmio sono stati trovati nel corpo di molti animali marini. Vediamo anche alcuni impatti prodotti dal traffico marittimo che disturbano la vita marina e comportano un grande rischio di fuoriuscite di petrolio.

Come puoi vedere, questo stretto custodisce molte curiosità e teorie che potrebbero affermare che l'essere umano potrebbe espandersi grazie alla sua presenza. Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sullo Stretto di Bering e sulle sue caratteristiche.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.