Teoria della tettonica a placche

Tutta la tettonica delle placche

Dopo aver visto in precedenza negli articoli di Alfred Wegener e della Teoria della deriva dei continenti, la scienza progredì fino a quando, nel 1968, l'attuale teoria della tettonica delle placche. Questa teoria dice che per miliardi di anni, le placche di cui è composta la crosta continentale hanno subito un movimento lento ma continuo.

Se vuoi conoscere in modo approfondito la tettonica delle placche, ti consiglio di continuare a leggere questo post 🙂

Contesto

Alfred Wegener

Prima che la tettonica a placche fosse accettata dalla comunità scientifica, lo scienziato Alfred Wegener ha proposto la teoria della deriva dei continenti. Si basava sul movimento alla deriva dei continenti. Raccolse molte informazioni che spiegavano molti dei dubbi sulla forma dei continenti e sulla distribuzione delle specie animali e vegetali.

Sono state raccolte prove paleoclimatiche che indicavano il tipo di clima che esisteva nel supercontinente noto come Pangea. Sono stati trovati anche fossili di animali che esistevano sia in un continente che in un altro ed è perché prima quelle terre formavano un'unica superficie.

Il magnetismo terrestre aveva anche una grande rilevanza per il senso di orientamento delle rocce e dei minerali. Questa teoria è stata accettata anni dopo la morte di Wegener. Tuttavia, perché i continenti si sono spostati non è stato spiegato. Cioè, qual era il motivo per cui i continenti potevano muoversi lungo l'intera crosta continentale. La risposta è data dalla tettonica delle placche.

Il movimento è dovuto alla continua formazione di nuovo materiale dal mantello. Questo materiale è creato nella crosta oceanica. In questo modo, il nuovo materiale esercita una forza su quello esistente e fa spostare i continenti.

Dinamica del piatto

Crescita della crosta oceanica

Come abbiamo accennato, questa teoria completa e spiega completamente la deriva dei continenti. Ed era solo necessario sapere quale fosse il motore che faceva muovere le piastre continentali.

I continenti si uniscono o sono frammentati, gli oceani si aprono, le montagne si alzano, il clima cambia, influenzando tutto questo, in modo molto importante nell'evoluzione e nello sviluppo degli esseri viventi. Viene continuamente creata nuova crosta sul fondo del mare. Questa corteccia ha un tasso di crescita molto lento. Così lento che cresce solo di un chilometro o due all'anno. Tuttavia, questa crescita continua provoca la distruzione della crosta nelle aree delle fosse oceaniche e la formazione di collisioni tra i continenti.

Tutte queste azioni modificano il rilievo della Terra. Grazie a queste collisioni e movimenti delle piastre sono stati creati numerosi mari e oceani e enormi catene montuose come l'Himalaya.

Base della teoria

Spazio tra le placche tettoniche

Secondo la teoria della tettonica delle placche, la crosta terrestre è costituita da numerose placche che si muovono continuamente. Questi blocchi sono supportati da uno strato di roccia calda e flessibile. Ricordando gli strati della terra possiamo vedere che nel mantello superiore ci sono correnti di convezione causato dal cambiamento di densità dei materiali.

Vedendo che le densità dei materiali sono diverse, le rocce iniziano a spostarsi dalla più densa alla meno densa. Come con la dinamica atmosferica, quando una massa d'aria è più densa, si sposterà in quella zona dove è meno densa. Il movimento è sempre lo stesso.

Ebbene, il movimento continuo di queste correnti convettive del mantello sono quelle che, come lo strato di materiali su cui poggiano le lastre, sono flessibili, che le fanno spostare continuamente.

Ancora geologi non hanno determinato esattamente come interagiscono questi due stratiMa le teorie più all'avanguardia affermano che il movimento del materiale spesso e fuso nell'astenosfera costringe le piastre superiori a muoversi, affondare o salire.

Per essere meglio compreso, il caldo tende a salire. Nella dinamica planetaria, il calore è meno denso del freddo, quindi tende sempre a salire e ad essere sostituito da materiale più denso. Pertanto, tra la somma delle correnti convettive del mantello e la pressione esercitata dalla nascita di nuova crosta oceanica, le placche sono in continuo movimento.

Lo stesso principio si applica alle rocce calde sotto la superficie terrestre: il materiale fuso del mantello si solleva, mentre la materia fredda e indurita affonda sempre più sul fondo.

Tipi di movimento delle placche tettoniche

Dinamica terrestre

Il movimento delle placche tettoniche è troppo lento come accennato in precedenza. È solo in grado di muoversi ad una velocità di circa 2,5 km all'anno. Questa velocità è in qualche modo simile alla velocità con cui crescono le unghie.

Il movimento di tutte le placche non è nella stessa direzione, quindi, ci sono numerose collisioni tra loro e portano a terremoti in superficie. Se questi shock si verificano in mare, si verificano tsunami. Ciò è dovuto alla collisione di due placche oceaniche.

Tutti questi fenomeni si verificano con maggiore intensità ai bordi delle lastre. Questo movimento è spesso imprevedibile, quindi non è possibile conoscere in anticipo l'esistenza di terremoti.

I tipi di movimenti che esistono sono:

  • Movimento divergente: È quando due placche si separano e producono quella che viene chiamata una faglia (buco nella terra) o una catena montuosa sottomarina.
  • Movimento convergente: Quando due piastre si uniscono, la piastra più sottile affonda su quella più spessa. Questo produce le catene montuose.
  • Movimento scorrevole o trasformanti: Le due piastre scorrono o scorrono in direzioni opposte. Inoltre causano guasti.

Una volta che tutto questo è noto, gli scienziati possono stimare il verificarsi di alcuni terremoti o prevedere il movimento dei continenti dopo migliaia di anni. Ed è che l'attuale movimento dei continenti è di allontanarsi l'uno dall'altro. Tuttavia, lo Stretto di Gibilterra sarà completamente chiuso in 150 milioni di anni e il Mar Mediterraneo scomparirà.

Spero che ti sia piaciuta la teoria della tettonica a placche e hai imparato qualcosa di più sul nostro pianeta.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.