Il "pianeta" Plutone

Plutone

Plutone, il pianeta dimenticato che non è più un pianeta. Nel nostro Sistema solare c'erano nove pianeti prima fino a quando quello che era o non era un pianeta non fu ridefinito e Plutone dovette uscire dalla congiunzione dei pianeti. Dopo 75 anni nella categoria dei pianeti, nel 2006 è stato considerato un pianeta nano. Tuttavia, l'importanza di questo pianeta è piuttosto grande, poiché i corpi celesti che passano attraverso la sua orbita sono chiamati Plutoide.

In questo articolo ti spiegheremo tutti i segreti e le caratteristiche di pianeta nano plutone. Vuoi saperne di più? Continuate a leggere per saperne di più.

Caratteristiche di Plutone

Plutone planetoide

Questo pianeta nano gira intorno al Sole ogni 247,7 anni e lo fa percorrendo una distanza media di 5.900 miliardi di chilometri. La massa di Plutone è l'equivalente di 0,0021 volte quella della Terra o un quinto della massa della nostra luna. Questo lo rende troppo piccolo per essere considerato un pianeta.

È vero che da 75 anni è un pianeta dell'Unione Astronomica Internazionale. Nel 1930 prese il nome dal dio romano degli inferi.

Grazie alla scoperta di questo pianeta, sono state fatte grandi scoperte successive come la fascia di Kuiper. È considerato il più grande pianeta nano e dietro di lui Eris. È formato principalmente da alcuni tipi di ghiaccio. Troviamo ghiaccio fatto di metano congelato, un altro di acqua e un altro di roccia.

Le informazioni su Plutone sono state molto limitate poiché la tecnologia dal 1930 non era molto avanzata da contribuire a grandi scoperte di un corpo così lontano dalla Terra. Fino ad allora era l'unico pianeta che non era stato visitato da un'astronave.

Nel luglio 2015, grazie a una nuova missione spaziale che ha lasciato il nostro pianeta nel 2006, è riuscita a raggiungere il pianeta nano, ottenendo una grande quantità di informazioni. L'informazione ha impiegato un anno per raggiungere il nostro pianeta.

Informazioni sul pianeta nano

dimensione di Plutone rispetto alla Terra

Grazie all'aumento e allo sviluppo della tecnologia, si stanno ottenendo ottimi risultati e informazioni su Plutone. La sua orbita è piuttosto unica data la sua relazione di rotazione con il suo satellite, l'asse di rotazione e le variazioni della quantità di luce che lo raggiunge. Tutte queste variabili rendono questo pianeta nano una grande attrazione per la comunità scientifica.

Ed è che è più lontano dal Sole rispetto al resto del pianeta che compone il sistema solare. Tuttavia, a causa dell'eccentricità dell'orbita, è più vicino di Nettuno per 20 anni della sua orbita. Nel gennaio 1979 Plutone ha attraversato l'orbita di Nettuno ed è rimasto più vicino al Sole fino a marzo 1999. Questo evento non si verificherà più fino a settembre 2226. Sebbene un pianeta entri nell'orbita dell'altro, non c'è possibilità di collisione. Questo perché l'orbita di 17,2 gradi rispetto al piano dell'eclittica. Grazie a questo, il percorso dell'orbita significa che i pianeti non vengono mai trovati.

Plutone ha cinque lune. Sebbene sia una dimensione molto piccola rispetto al nostro pianeta, è di 4 lune in più di noi. La luna più grande si chiama Caronte ed è grande circa la metà di Plutone.

Atmosfera e composizione

Superficie di Plutone

L'atmosfera di Plutone è composta al 98% da azoto, metano e alcune tracce di monossido di carbonio. Questi gas esercitano una certa pressione sulla superficie del pianeta. Tuttavia, è circa 100.000 più debole della pressione sulla Terra a livello del mare.

Si trova anche metano solido, quindi si stima che le temperature su questo pianeta nano sono inferiori a 70 gradi Kelvin. A causa del particolare tipo di orbita, le temperature hanno una gamma abbastanza ampia di variazione in tutto esso. Plutone può avvicinarsi al Sole fino a 30 Unità Astronomiche e allontanarsi fino a 50. Mentre si allontana dal Sole, sul pianeta appare una sottile atmosfera che si congela e cade sulla superficie.

A differenza di altri pianeti come Saturno y Giove, Plutone è molto roccioso rispetto ad altri pianeti. Dopo gli studi effettuati, si è concluso che, a causa delle basse temperature, la maggior parte delle rocce di questo pianeta nano sono mescolate al ghiaccio. Ghiaccio di origini diverse come abbiamo visto in precedenza. Alcuni miscelati con metano, altri con acqua, ecc.

Questo può essere considerato dato il tipo di combinazioni chimiche che si verificano a bassa temperatura e pressione durante la formazione del pianeta. Alcuni scienziati l'hanno fatto la teoria che Plutone è davvero un satellite perduto di Nettuno. Questo perché è possibile che questo pianeta nano sia stato lanciato in un'orbita diversa durante la formazione del Sistema Solare. Pertanto, Caronte si formerebbe a seguito dell'accumulo dei materiali più leggeri risultante dalla collisione.

Rotazione di Plutone

L'orbita di Plutone

Plutone impiega 6384 giorni per girare se stesso. poiché lo fa in modo sincronizzato con l'orbita del suo satellite. Per questo motivo, Plutone e Caronte sono sempre sulla stessa faccia. L'asse di rotazione della Terra è di 23 gradi. D'altra parte, quella di questo planetoide è di 122 gradi. I poli sono quasi nel loro piano orbitale.

Quando è stato scoperto per la prima volta, è stato avvistato il bagliore del suo polo sud. Mentre la nostra visione di Plutone cambiava, il pianeta sembrava svanire. Al momento possiamo vedere l'equatore di questo planetoide dalla Terra.

Tra il 1985 e il 1990, il nostro pianeta era allineato con l'orbita di Caronte. Per questo motivo, si potrebbe osservare un'eclissi di ciascuno dei giorni di Plutone. Grazie a questo fatto, è stato possibile raccogliere molte informazioni sull'albedo del pianeta nano. Ricordiamo che l'albedo è ciò che definisce la riflettività di un pianeta della radiazione solare.

Spero che con queste informazioni possiate comprendere meglio il pianeta nano Plutone e le sue curiosità.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Daniela Morales Hernandez suddetto

    Molto interessante.
    E grazie, mi ha aiutato a fare un ottimo lavoro !!