Perché le stagioni si verificano

autunno e inverno

Le quattro stagioni dell'anno, primavera, estate, autunno e inverno, sono quattro periodi fissi di ogni anno suddivisi in base alle condizioni meteorologiche specifiche e ricorrenti che si manifestano nell'atmosfera. Ognuna dura circa tre mesi e, in totale, costituiscono un sistema circolatorio a condizioni meteorologiche e climatiche costanti. Molte persone non lo sanno Perché le stagioni si verificano.

Per questo motivo, dedicheremo questo articolo a raccontarvi perché si verificano le stagioni dell'anno e quale importanza hanno per l'equilibrio energetico del pianeta.

Perché le stagioni si verificano

Perché le stagioni si verificano

Le stagioni sono un fenomeno planetario che è il risultato dei movimenti di traslazione e inclinazione dei pianeti nelle loro orbite attorno al sole, e sebbene si verifichino in entrambi gli emisferi della Terra, si verificano sempre in modo opposto, cioè quando è estate al nord e l'estate al sud è inverno e viceversa. Per distinguerli, di solito si parla della stagione nord (nell'emisfero nord) e della stagione sud (nell'emisfero sud).

Inoltre, a seconda della zona climatica, le stagioni si manifestano in modi molto diversi. Ad esempio, le regioni più vicine all'equatore non hanno stagioni ben definite, ma stagioni piuttosto piovose e secche, con poche variazioni di temperatura, mentre nelle regioni temperate le stagioni sono diverse e il clima e la meteorologia variano notevolmente. Comunque, l'esatto comportamento di ciascuna stazione dipende dalla posizione geografica del luogo.

In termini generali, le quattro stagioni possono essere intese come segue:

  • Inverno. Questo è il periodo più freddo dell'anno in cui il sole colpisce meno direttamente e meno intensamente, la crescita delle piante rallenta o si ferma e in alcuni luoghi si verificano gelate, nevicate e altri eventi meteorologici più estremi.
  • Primavera. Questo è un momento di rinascita, quando il sole si scalda di nuovo e il ghiaccio inizia a sciogliersi, e le piante usano questo tempo per rinverdire e fiorire. Le specie animali in letargo emergono dalle loro tane e le giornate iniziano ad allungarsi.
  • Verano. Questo è il periodo più caldo dell'anno in cui il sole è diretto e intenso e la temperatura aumenta. Questo è quando la pianta porta frutto e la maggior parte degli animali approfitta di questa opportunità per riprodursi.
  • Autunno. Questo è quando le foglie appassiscono, il tempo inizia a raffreddarsi e la vita si prepara all'arrivo dell'inverno. È un periodo culturalmente associato alla malinconia e alla tristezza, poiché le notti iniziano a essere più lunghe dei giorni.

Un po 'di storia

Sin dai tempi antichi, culture diverse hanno inteso le stagioni come un ciclo eterno e hanno collegato tra loro le loro storie funzionali e cicli cosmici. Durante i mesi invernali, ad esempio, l'allungamento delle notti e l'indebolimento del sole sono associati alla morte e alla fine dei tempi, facendo della primavera un momento di rinascita e di festa, un momento in cui la vita trionfa sulla morte nel tempo.

Tali associazioni e metafore compaiono in molte tradizioni mitologiche e persino nei simboli della maggior parte degli insegnamenti religiosi.

caratteristiche principali

stagioni dell'anno

Le caratteristiche delle quattro stagioni sono le seguenti:

  • Formano un ciclo o ciclo che si ripete ogni anno, con una data di inizio o fine leggermente diversa per ciascun periodo. La sua corrispondenza con i mesi dell'anno dipende dall'emisfero terrestre, uno di questi è: gennaio è il mese invernale nell'emisfero nord, è il mese estivo nell'emisfero sud.
  • Si manifestano attraverso cambiamenti più o meno climatici (come temperatura e umidità atmosferiche) e condizioni meteorologiche (come siccità, pioggia, neve, grandine, vento forte, ecc.). Ogni stagione ha le sue caratteristiche, solitamente più o meno simili tra un'area geografica e l'altra.
  • Ci sono sempre quattro stagioni, ognuno dei quali ha una durata media di tre mesi, coprendo quindi dodici mesi dell'anno. Tuttavia, nelle regioni equatoriali, ci sono due stagioni dell'anno: la stagione delle piogge e la stagione secca, ciascuna della durata di circa sei mesi.
  • I confini tra una stagione e l'altra sono generalmente sparsi e graduali, cioè, non ci sono cambiamenti bruschi e improvvisi da una stagione all'altra. I punti di passaggio tra una stagione e l'altra sono detti solstizi ed equinozi.
  • Ogni stagione ha caratteristiche tipiche, ma il suo comportamento può dipendere dalla posizione geografica: topografia, zona climatica, vicinanza alla costa, ecc.

Perché le stagioni dell'anno si verificano sulla Terra?

Perché le stagioni dell'anno si verificano sulla terra?

Le stagioni sono dovute a una combinazione dei seguenti fattori:

  • Il movimento di traslazione del nostro pianeta, che consiste nell'orbita del pianeta attorno al sole, impiega circa 365 giorni o un anno per essere completata.
  • Il suo asse è costantemente inclinato, di circa 23,5° rispetto al piano dell'eclittica, cioè il nostro pianeta è permanentemente inclinato, quindi riceve la luce solare in modo non uniforme, a seconda della sua posizione nell'orbita.
  • Ciò significa che alle estremità della sua orbita, l'incidenza dei raggi solari varia, raggiungendo direttamente un emisfero (che sperimenterà l'estate) e indirettamente e obliquamente all'altro emisfero (che sperimenterà l'inverno). Di conseguenza, l'angolo con cui la luce solare colpisce la Terra varia durante l'anno, risultando in giorni più o meno lunghi, a seconda dell'emisfero.

Solstizi ed equinozi

Il solstizio e l'equinozio sono noti come i quattro punti chiave del percorso orbitale della Terra attorno al sole, che si verificano sempre nella stessa data, segnando il passaggio da una stagione all'altra. Ci sono due solstizi e due equinozi, che sono:

  • Solstizio d'estate il 21 giugno. A questo punto della sua orbita, tra l'autunno settentrionale/primavera meridionale e l'estate settentrionale/inverno meridionale, la Terra espone il suo emisfero settentrionale al sole, quindi i raggi solari colpiscono verticalmente il Tropico del Cancro. Il nord si riscalda e il sud si raffredda; le notti si allungano al sud (notti polari o di 6 mesi vicino all'Antartide), così come i giorni al nord (giorni polari o 6 mesi vicino al Polo Nord).
  • Il 23 settembre è l'equinozio d'autunno. In questo punto dell'orbita, tra l'estate settentrionale/inverno meridionale e l'autunno settentrionale/primavera meridionale, entrambi i poli sono esposti alla radiazione solare, quindi i loro raggi sono perpendicolari all'equatore terrestre.
  • Solstizio d'inverno il 21 dicembre. A questo punto della sua orbita, tra l'autunno settentrionale/primavera meridionale e l'inverno boreale/estate meridionale, la Terra espone l'emisfero meridionale al sole, quindi i raggi solari colpiscono il Capricorno verticalmente. Il sud è più caldo e il nord è più freddo; le notti si allungano al nord (notti polari o di 6 mesi vicino al Polo Nord), così come i giorni al sud (notti polari o di 6 mesi vicino all'Antartide).
  • 21 marzo l'equinozio di primavera. In questo punto dell'orbita, tra l'inverno settentrionale/estate meridionale e la primavera boreale/autunno meridionale, la Terra espone entrambi gli emisferi al sole ei suoi raggi colpiscono perpendicolarmente all'equatore.

Spero che con queste informazioni tu possa saperne di più sul motivo per cui si verificano le stagioni dell'anno.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Cessare suddetto

    Questo argomento delle STAGIONI è molto interessante poiché ho compreso e appreso conoscenze che non conoscevo, continuo come sempre a fornire tali preziose conoscenze.