Perchè il cielo è blu

Cielo blu

Non c'è niente di più bello che iniziare la giornata con un cielo totalmente sereno, di un bel colore blu, giusto? Sicuramente ti sei mai chiesto perché ha quel colore caratteristico e non un altro. Si potrebbe dire, senza errori, che è il file domanda da un milione di dollari hai bisogno di una risposta presto.

Anche. In questo articolo ti spiegherò Perchè il cielo è blu in modo che d'ora in poi, ogni volta che guardi il cielo, sai perché lo vediamo in quella tonalità.

 Il colore blu del cielo

Cielo blu

La spiegazione più semplice del perché il cielo è blu è la seguente: questo colore è dovuto all'interazione della luce bianca che proviene dal Sole con le molecole presenti nell'aria. Tuttavia, il colore che risulta dall'interazione tra la luce bianca del Sole e le molecole non deve essere blu. Infatti, con il passare delle ore, il cielo presenta diverse sfumature e colori nel cielo. Ciò è dovuto ai movimenti di rotazione e traslazione della Terra e ai diversi cambiamenti che avvengono nell'intera aria nell'atmosfera. Ma c'è ancora di più ...

Una volta che la luce bianca del sole "attraversa" l'atmosfera, viene diffusa in tutti i suoi colori: onda corta (blu e viola) e onda lunga (rossa e gialla). Poiché i raggi colorati blu e viola hanno una deviazione massima, si disperdono sempre di più prima di raggiungere il suolo che noi calpestiamo. Quando raggiungono i nostri occhi, abbiamo la sensazione che occupino tutto il cielo quando in realtà provengono direttamente dalla nostra stella: il sole.

Questa è la spiegazione di perché nello spazio profondo il cielo è completamente nero. Poiché non ci sono particelle d'aria che possono rifrangersi alla luce del sole, non è possibile distinguere i diversi colori che probabilmente avrà il cielo dallo spazio.

Spettro di luce visibile
Spettro di luce visibile

Per comprendere meglio questa spiegazione, credo sia conveniente spiegarla qual è lo spettro visibile della luce e quanto è importante sull'argomento che stiamo trattando.

Gli occhi degli esseri umani sono una vera meraviglia (sì, anche se devi portare le lenti a contatto ya), da allora può distinguere un'ampia varietà di colori dall'ultravioletto -che ha una lunghezza d'onda di 400nm-, all'infrarosso -750nm-. Queste onde sono conosciute come luce visibile, cioè vediamo un oggetto, o in questo caso il cielo, che viene illuminato da qualcosa (il sole).

Gabbiani nel cielo blu

A seconda della lunghezza d'onda, la vedremo in un colore o nell'altro. Quando lo vediamo blu, è perché stiamo percependo le onde dal mezzo 435 e 500nm. Ma se vuoi sapere quali lunghezze d'onda ha ogni colore, forse questo ti aiuterà:

  • 625-740: rosso
  • 590-625: arancione
  • 565-590: giallo
  • 520-565: verde
  • 500-520: ciano
  • 435-500: blu
  • 380 - 435: viola

Non tutti gli animali vedono il mondo dello stesso colore di noi. Tant'è che i cani, ad esempio, non distinguono il rosso o il verde. Ogni specie ha il proprio spettro di colori, a seconda di quanto sia importante la visione per lei.

Gli altri colori del cielo

Cielo al tramonto

Anche se potremmo pensare che il cielo possa essere visto solo in diverse tonalità di blu, in realtà a volte lo vedremo in altri colori. Ed è che in alcune circostanze fenomeni come arcobaleno, corone solari e gli aloni di luce.

Come se fosse un prisma, la luce bianca che raggiunge l'atmosfera causa diverse lunghezze d'onda, che a volte fa sì che il cielo produca fenomeni meravigliosi come quelli menzionati nel paragrafo precedente. Anche se, ovviamente, in questo caso non ci sono prismi, ma particelle d'acqua.

Cielo rosso

E a proposito, sai perché a volte il cielo sembra rosso o arancione? No? Non accade nulla. Ecco la spiegazione: questo accade soprattutto al tramonto. È perchè i raggi del sole in quelle ore devono percorrere una distanza maggiore che nelle ore centrali della giornata per raggiungerci. Prima sembra arancione e poi rossa, poiché le lunghezze d'onda corte (che, come abbiamo visto, sono di colore bluastro e viola) sono sempre più sparse e solo le lunghezze ci raggiungono (rosso).

Se nel pomeriggio abbiamo un cielo nuvoloso, i raggi del sole illumineranno le nuvole dal fondo, che a loro volta verranno percepite dai nostri occhi. Tieni presente che il cielo non apparirà sempre più rosso, ma il colore blu svanirà man mano che viene disperso dalle particelle d'aria. Interessante, non credi?

Ora sai perché il cielo è blu ... o, beh, anche altri colori 🙂.

Goditi il ​​cielo!


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   albi0691 suddetto

    Ma perché le nuvole sembrano bianche? E anche la luna! Perché?

  2.   Monica sanchez suddetto

    Ciao albi.
    Le nuvole sono costituite da gocce d'acqua. Il colore varia a seconda delle dimensioni di queste gocce e del sole; Ad esempio, se sono grandi, i nostri occhi li vedranno grigi o neri perché le nuvole bloccano il passaggio dei raggi del sole verso la terra.

    Per quanto riguarda la Luna, beh, in realtà il nostro satellite è costituito da materiale scuro; tuttavia, lo spazio è molto più nero. Quindi, essendo circondati dalla completa oscurità, ci sembra che sia bianco, soprattutto nelle notti di luna piena.

    Un fatto interessante è che gli occhi umani sono sensibili alla luce, essendo costituiti da bastoncelli e coni. Grazie al primo possiamo distinguere i colori, purché ci sia abbastanza luce; Il contrario accade con i secondi, cioè rilevano la luce, ma i colori ... non così tanto.