Oceano Artico glaciale

ghiaccio che si scioglie

El Oceano Artico glaciale È quello che si trova nella parte più settentrionale del nostro pianeta. L'ho considerato l'oceano più freddo poiché la maggior parte delle sue acque sono coperte da un'enorme massa di ghiaccio. Con il cambiamento climatico questo sta cambiando. Le calotte glaciali si stanno sciogliendo sempre di più, rendendo incapaci di sopravvivere tutte le forme di vita che si sono adattate a queste dure condizioni.

In questo articolo ti diremo tutto ciò che devi sapere sull'oceano glaciale artico, le sue caratteristiche e la fauna.

caratteristiche principali

calotte polari

La principale differenza tra questo e l'Oceano Antartico è che ha una piattaforma continentale su cui si trova il ghiaccio. Poiché il ghiaccio continua a sciogliersi a questa velocità, L'Antartide farà alzare il livello del mare. L'oceano glaciale artico non ha piattaforma continentale, solo acqua ghiacciata. Ciò ha fatto sì che i detriti congelati galleggiassero nelle acque centrali. Questi grandi blocchi di ghiaccio sono circondati dall'intero oceano in estate e in inverno e, quando l'acqua si congela, aumenta di spessore.

Si trova nell'emisfero settentrionale più vicino al circolo polare artico. È limitato alle aree vicino all'Asia, all'Europa e al Nord America. Attraversa l'Oceano Atlantico attraverso lo Stretto di Fram e il Mare di Barents. Confina anche con l'Oceano Pacifico attraverso lo Stretto di Bering e l'intera costa costiera dell'Alaska, del Canada, dell'Europa settentrionale e della Russia.

La sua profondità principale è compresa tra 2000 e 4000 metri. Ha una superficie totale di circa 14.056.000 chilometri quadrati.

Formazione e clima dell'oceano glaciale artico

Oceano Artico glaciale

Sebbene la formazione di questo oceano non sia ben compresa, si ritiene che si sia formato molto tempo fa. Condizioni ambientali estreme rendono difficile lo studio di questo oceano. Gli eschimesi vivono qui da circa 20.000 anni. Queste persone hanno saputo adattarsi alle condizioni climatiche estreme di questi luoghi. Hanno tramandato di generazione in generazione le conoscenze necessarie per potersi adattare alla vita in questi luoghi.

I fossili trovati in questo oceano mostrano prove di vita organica permanentemente congelata. Si stima che circa 70 milioni di anni fa le sue condizioni fossero le stesse di oggi nel Mediterraneo. Fu durante determinati periodi e periodi geologici che questo oceano fu completamente scoperto senza ghiaccio.

La temperatura media di questo oceano in inverno scende a -50 gradi, rendendo difficile sopravvivere in questo posto. Il clima polare è uno dei più freddi della terra, il che si traduce in una temperatura annuale più o meno persistente e molto bassa. È principalmente diviso in due stagioni, ogni stagione è di circa 6 mesi. Andiamo ad analizzare le due stazioni che si trovano nell'Oceano Artico:

  • estate: Nei mesi estivi, la temperatura oscilla intorno a 0 gradi e c'è luce solare continua dal sole 24 ore al giorno. C'è anche una foschia di neve continua che impedisce al ghiaccio di sciogliersi completamente. Dall'inizio dell'estate ci saranno deboli cicloni con pioggia o neve.
  • inverno: La temperatura raggiunge i -50 gradi, e c'è una notte eterna. In questo periodo dell'anno, il sole non è mai visibile. Il cielo è sereno e il tempo è stabile. Questo perché non c'è influenza dalla luce solare.

Non dobbiamo dimenticare che la ragione principale dell'esistenza dei fenomeni meteorologici è l'effetto della luce solare. Pertanto, in inverno, le condizioni meteorologiche sono molto stabili. A causa degli effetti dei cambiamenti climatici e del riscaldamento globale, le temperature dei mesi estivi stanno aumentando sempre di più, provocando uno scioglimento quasi completo dell'intero Oceano Artico.

Flora e fauna dell'oceano glaciale artico

ghiacciai dell'oceano glaciale artico

Sebbene questo oceano sia in condizioni estreme, ci sono ancora molti mammiferi adattati a questi ambienti. La maggior parte ha una pelliccia bianca, che può mimetizzarsi e resistere al freddo. Ci sono circa 400 specie di animali che si sono adattate al freddo intenso della zona. Il più famoso di questi è che abbiamo 6 specie di foche e leoni marini, vari tipi di balene e orsi polari, i più conosciuti.

Ci sono anche piccoli molluschi chiamati krill, che svolgono un ruolo fondamentale nella piramide ecologica marina. La vegetazione è molto rada, quasi priva di muschi o licheni. La calotta glaciale formatasi nell'Oceano Artico è un enorme blocco ghiacciato. La superficie dei corpi non idrici raddoppia in inverno ed è circondata da acqua ghiacciata in estate. Questi cappucci sono solitamente spessi da 2 a 3 metri e muoversi costantemente dall'acqua e dal vento della Siberia. Finalmente possiamo vedere che alcuni cubetti di ghiaccio si scontrano tra loro e si fondono completamente. Questo crea una cresta incavata il cui spessore è più di tre volte lo spessore del cappuccio originariamente formato.

Si può dire che la salinità di questo oceano è la più bassa del pianeta. Questo perché la quantità di evaporazione è molto bassa e l'acqua dolce fusa influisce sulla quantità di evaporazione.

 minacce

Si stima che in questo oceano si trovi il 25% delle riserve mondiali di petrolio, gas naturale, stagno, manganese, oro, nichel, piombo e platino. Ciò significa che il disgelo può utilizzare queste risorse come aree energetiche e tattiche che sono vitali per il futuro. Questo oceano è la più grande riserva naturale d'acqua dolce del mondo. Il suo disgelo sta causando la sua imminente scomparsa.

La calotta glaciale artica funge da frigorifero globale, riflettendo il calore del sole nello spazio e mantenendo fresca la terra. Sebbene ciò che accade nell'Artico influenzerà l'intero pianeta, questo spazio è uno dei meno protetti e vulnerabili a molte minacce.

Negli ultimi 30 anni, tre quarti delle calotte glaciali galleggianti dell'Artico sono scomparsi. La distruzione del ghiaccio ha reso l'Oceano glaciale artico un luogo più adatto alla navigazione e lo ha esposto alla pesca su larga scala e allo sfruttamento di petrolio, gas naturale e minerali. Queste situazioni hanno prodotto diversi conflitti di interesse, alcuni anche gravi conflitti militari.

Oltre ai cambiamenti locali che influenzeranno direttamente la biodiversità e i mezzi di sussistenza dell'Artico, ci saranno anche cambiamenti "di vasta portata" che interesseranno diverse parti della terra, come la Spagna, dove il nostro habitat naturale sarà influenzato dall'aumento delle temperature .

Spero che con queste informazioni tu possa imparare di più sull'oceano glaciale artico e sulle sue caratteristiche.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.