Mare d'Aral

Uno dei disastri ecologici più noti al mondo è stata la perdita del volume di acqua nel Mare d'Aral. È un mare che ha perso il 90% del suo intero volume d'acqua negli ultimi 50 anni. La cosa più triste è che questo mare è diventato il quarto lago endoreico più grande del mondo ed è stato ridotto quasi a zero.

In questo articolo ti diremo tutto ciò che devi sapere sul lago d'Aral e quali sono state le cause della sua perdita d'acqua.

caratteristiche principali

mare secco d'Aral

Sebbene sia conosciuto con il nome di Lago d'Aral, è un lago interno che non è collegato a nessun mare o oceano. Si trova nel deserto del Kyzyl Kum nord-occidentale tra l'attuale Uzbekistan e il Kazakistan. Il problema è che si trova in un luogo con molte terre aride dell'Asia centrale dove le temperature in estate sono piuttosto elevate. Queste temperature sono solitamente intorno ai 40 gradi Celsius.

Poiché la superficie dell'acqua e il volume generale che questo mare detiene oscilla ogni anno, calcolare la quantità che occupa è alquanto complesso. Nel 1960 aveva una superficie di 68.000 chilometri quadrati mentre nel 2005 aveva solo una superficie di 3.500 chilometri quadrati. Sebbene di tutto il suo bacino idrografico raggiunge 1.76 milioni di chilometri quadrati e occupa gran parte di tutta l'Asia centrale.

Fino agli anni '1960 l'intero lago d'Aral era abbondantemente alimentato da vari fiumi. Questi fiumi erano l'Amu Daria nella parte meridionale e il Sir Daria nella parte nord-est. La principale differenza tra 50 anni fa e adesso è che lo scarico di acqua dolce è minimo. Fornendo meno acqua dolce, la salinità del mare deve aumentare. La salinità dell'oceano è solitamente di circa 33 grammi per litro, l'acqua del lago d'Aral ha raggiunto più di 110 grammi per litro.

Formazione e biodiversità del lago d'Aral

Questo mare si è formato su una grande depressione durante il Periodo neogene di Era cenozoica. A quel tempo l'intero continente indiano era nel mezzo di una collisione con l'Asia. Questo processo di collisione ha ridotto la superficie del mare di Paratetis, estinguendolo alla fine.. Inoltre, è stato causato un ripiegamento della crosta terrestre, provocando l'emergere delle montagne del Caucaso e delle montagne Elburz. La depressione che si è generata ha iniziato a riempirsi d'acqua da quando provenivano alcune sorgenti come il fiume Sil Daria.

Anni dopo la sua formazione, il lago d'Aral si prosciugò per la maggior parte fino al Pleistocene e il Olocene, restituito per essere riempito.

Per quanto riguarda la biodiversità, è stata piuttosto scarsa per diversi decenni. Man mano che il mare si è prosciugato, le specie di flora e fauna che abitavano questo fiume sono diminuite. Inoltre, non solo a causa della perdita di volume d'acqua era la conseguenza della scarsa esistenza di specie viventi, ma anche dell'elevata salinità dell'acqua.

In tempi antichi, i delta dei fiumi erano abbastanza fertili e numerose erano le specie animali e vegetali che vivevano in buone condizioni. Questo mare ospitava numerosi pseudonimi e specie di pesci, così come altre creature. I pesci che si sono distinti maggiormente sono stati lo storione, il barbo d'Aral, la carpa e il rutilo. Più o meno è stato stimato che esistessero circa 100 specie di pesci, 200 specie di mammiferi e 500 specie di uccelli. Oggi, per effetto di alcune specie di pesci che sono ancora conservate, la maggior parte di loro sono scomparse.

Minacce del lago d'Aral

Mare d'Aral

La crisi dell'evaporazione dell'acqua da questo mare è responsabilità dell'azione umana. Nel 1960 l'Unione Sovietica creò un piano per convertire tutte le aride pianure di quella regione dell'Asia in un'area con una grande capacità di produrre cotone. Il cotone ha bisogno di molta acqua, quindi hanno deviato l'acqua dai fiumi per poter irrigare i raccolti. Per questo, sono state create varie strutture che hanno reso sempre meno il volume dell'acqua che entra nel Mar d'Aral.

È stato possibile generare grandi profitti con l'industria del cotone, ma questo con un prezzo elevato per il lago d'Aral. Il volume dell'acqua di mare si stava riducendo a un ritmo abbastanza rapido. Ciò ha fatto sì che il letto iniziasse ad apparire in alcune zone del mare, trasformando le isole in penisole o parti di terra continua. La salinità del mare aumentava sempre di più al diminuire del volume dell'acqua. Non solo la riduzione del volume dell'acqua ha influenzato il lago d'Aral, ma ha anche aumentato l'inquinamento e la salinità.

Tutti questi cambiamenti nelle condizioni ambientali hanno causato seri problemi di adattamento per flora e fauna. È così che i pesci hanno iniziato a scomparire poiché non potevano sopportare queste nuove condizioni. Le industrie della pesca e marittima diminuirono e molte persone che dipendevano dal mare dovettero ritirarsi.

Successivamente, negli anni '90, l'isola di Vozrozhdenya era già una penisola. Questa penisola divenne una preoccupazione, poiché fu utilizzata per testare armi biologiche durante la Guerra Fredda. In queste aree sono state registrate grandi concentrazioni di spore di antrace. È già all'inizio dell'anno 2000 quando l'intera area è stata pulita eccessivamente per liberarla dalla contaminazione di microrganismi dannosi per l'uomo.

L'intera regione del Lago d'Aral è pesantemente colpita e è dannoso per la salute delle persone. Nonostante la pulizia fosse fatta in modo estremo, c'era ancora oggi, la polvere che viene sollevata dal vento ha una grande quantità di sostanze tossiche in grado di provocare alcune pericolose malattie. In questi granelli di polvere ci sono particelle di fertilizzanti e pesticidi.

Sebbene siano stati fatti numerosi sforzi per salvare questo mare, è molto difficile che l'acqua prenda il suo posto. Nel 2005 il Kazakistan ha costruito una diga che serve a separare le acque della parte settentrionale e della parte meridionale. Questa diga che ha causato il leggero aumento del volume del mare fino ad oggi nella parte settentrionale.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sul Lago d'Aral.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.