Mar Caspio

Oggi parleremo di un mare che riceve questo nome ma che è un lago endoreico di acqua salmastra. Riguarda Mar Caspio. Il Mar Caspio è uno specchio d'acqua completamente circondato dalla terra e senza alcuno sbocco diretto al mare o all'oceano. Quindi, se seguiamo la definizione data in geologia, è un lato e non un mare. Ha un certo livello di salinità ed è classificato come il più grande lago interno o bacino endoreico del mondo. Allo stesso tempo, è considerato il mare più piccolo del mondo.

Pertanto, dedicheremo questo articolo per raccontarvi tutte le caratteristiche, la geologia e le curiosità del Mar Caspio.

caratteristiche principali

Formazione del Mar Caspio

Quando si considera il Mar Caspio o il lago, bisogna considerare anche l'aspetto legale. Ad esempio, se sarà considerato un mare dai paesi che lo limitano, e le risorse naturali che esistono nei suoi fondi sarebbero proprietà della costa di ogni paese. Altrimenti, se parliamo di un lago, le risorse di fondo saranno divise equamente tra i paesi ripariali.

Il Mar Caspio si trova a est delle montagne del Caucaso in una profonda depressione tra l'Europa e l'Asia. Siamo a circa 28 metri sotto il livello del mare. I paesi ripariali che circondano il Mar Caspio sono Iran, Azerbaigian, Turkmenistan, Russia e Kazakistan. Questo mare è composto da 3 bacini: centro o medio nord e il bacino meridionale.

Il primo bacino è il più piccolo poiché copre solo poco più di un quarto della superficie totale del mare. È anche la parte più superficiale che possiamo trovare in quest'area. Il bacino centrale ha una profondità di circa 190 metri, che consente l'esistenza di una maggiore quantità di risorse naturali, sebbene la più profonda sia a sud. Il bacino meridionale contiene 2/3 del volume totale di acqua nel Mar Caspio.

La larghezza totale di questo mare è in media di circa 230 chilometri. Nel punto più largo è in grado di misurare 435 chilometri e la sua lunghezza massima è di circa 1030 chilometri. La parte più profonda è un'area in cui il terreno sale improvvisamente fino a una profondità di 1.025 metri. L'area totale approssimativa del mare è di 371000 chilometri quadrati con un volume d'acqua di 78.200 chilometri cubi. Si può dire che questo mare contiene più del 40% di tutte le acque continentali del mondo. Sebbene non abbia uno sbocco dal mare, non c'era oceano alimentato da più fiumi che vi confluiscono.

Tra i fiumi più importanti che sfociano in questo mare segnaliamo l'Ural, il Térek, l'Atrak e il Kurá. Questo è uno dei motivi per cui è conosciuto come il mare poiché ci sono molti fiumi che vi sfociano.

Formazione del Mar Caspio

Inquinamento del Mar Caspio

Le acque di questo mare sono leggermente salate, sebbene solo circa un terzo della salinità dell'acqua dell'oceano. Ciò è dovuto alla percentuale di acqua che evapora poiché è piuttosto elevata in alcune zone.

Quando il male chiamato Paratetis si è formato circa 5.5 milioni di anni fa, ha perso il suo collegamento con il mare ed è stato totalmente isolato dopo una diminuzione del livello dell'acqua e il sollevamento della crosta terrestre che ha formato montagne vicine. Queste montagne sono il Caucaso e l'Elburz. All'inizio della formazione del Mar Caspio, formava un unico bacino insieme al Mar Nero e raggiunse la sua massima estensione durante il periodo del Paleocene. Fu allora in questo periodo che si sperimentò una grande elevazione delle montagne del Caucaso che favorì la separazione del bacino in due corpi diversi. Ciò ha causato il completo isolamento del Mar Caspio.

Biodiversità e minacce del Mar Caspio

Come ci si potrebbe aspettare, il Mar Caspio fa parte di una grande quantità di biodiversità. In esso ci sono più di 850 specie di animali e più di 500 specie di piante Grazie a queste condizioni di formazione uniche, è stato dichiarato che sono ospitate circa 400 specie animali endemiche e molte altre che coesistono nei delta dei fiumi e delle coste.

Alcune specie animali che possiamo trovare nel Mar Caspio sono: la foca, essendo uno degli animali più iconici poiché non si trovano da nessun'altra parte sulla terra poiché è una specie endemica. Abbiamo anche un gran numero di pesci come il persico, il luccio, l'aringa, il coregone, lo spratto, l'orata e lo storione. Lo storione è uno dei pesci che dà più soldi ai paesi circostanti poiché le sue uova vengono servite come caviale. La pesca dello storione in questo mare rappresenta quasi il 90% del suo pescato mondiale.

Se andiamo nella parte sottomarina dell'ecosistema possiamo anche osservare l'esistenza di vari tipi di molluschi e crostacei, oltre ad alcuni rettili. Troviamo la tartaruga russa, la tartaruga nera, tra gli altri. Alcuni uccelli nidificano e svernano anche in superficie e intorno al mare, come il gabbiano del Caspio, la folaga, il cigno comune, l'oca comune, il germano reale, il cigno selvatico e l'aquila imperiale, fra le altre.

Per quanto riguarda la vegetazione, troviamo alcune specie di alghe rosse e brune che si trovano nelle profondità del mare e in alcune zone della costa. Nelle zone più vicine alla riva si sviluppano alcune piante xerofite che crescono favorevolmente. Alcune di queste piante si adattano a terreni più asciutti.

minacce

Come previsto, questo mare è minacciato dalle attività economiche umane. Il bacino di questo mare è ricco di giacimenti di petrolio e gas naturale. Queste risorse naturali sono le più importanti dell'intera regione. Lo sfruttamento della produzione è aumentato negli ultimi decenni a seconda della domanda. Insieme alla pesca dello storione contribuiscono a una grande crescita economica che provoca anche impatti sull'ambiente.

Ciò è dovuto alla contaminazione dell'acqua dovuta alla costruzione di piattaforme di estrazione, isole artificiali e altre strutture necessarie per poter estrarre queste risorse naturali e scaricare le sostanze tossiche da parte dell'agricoltura e del bestiame.

Ci sono anche minacce costanti da fuoriuscite di petrolio. Poiché la natura del mare è chiusa, il Mar Caspio è altamente vulnerabile all'inquinamento.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sul Mar Caspio.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.