Luminescenze nei terremoti, zone Rift e allerta precoce

Terremoto L'aquila

Effetti del terremoto dell'Aquila

Lo studio e la realizzazione di un nuovo catalogo luminescenze in Terremoti (misteriosi lampi che sono stati segnalati prima e durante lo scuotimento di un terremoto) ha determinato che nella maggior parte dei casi sono legati alle zone di Rift, dove la terra si separa. Lo studio a cui ci riferiamo è stato l'ultimo ad affrontare queste luci enigmatiche, descritte da testimoni oculari per secoli che continuano fino ad oggi senza una spiegazione scientifica completa.

Questo lavoro, pubblicato da Lettere di ricerca sismologica, stabilisce diverse linee di indagine per scoprire il meccanismo con cui si formano queste luci. Gli autori suggeriscono che la forza delle rocce che si scontrano tra loro durante il terremoto genera scariche elettriche. Questi scarichi aumentano attraverso faglie verticali o subvertical, comuni nelle zone Rift. Una volta raggiunta la superficie, entrano in contatto con l'atmosfera, producendo una reazione che genera luce.

Le luci legate ai terremoti sono fenomeni reali, non c'è nessuna forza soprannaturale (UFO, stregoneria, ecc.) Che le genera, e possono essere spiegate scientificamente. Anche se già ai suoi tempi anche Iker Jiménez ha dedicato un programma completo a «Terremoti e luci».

Prima di tutto sii scettico

Uno dei problemi con lo studio delle luci legate ai terremoti è che molti rapporti sono legati alle scienze marginali e persino paranormali. Alcuni testimoni parlano di fiamme e getti di fumo provenienti dalla terra, altri di nuvole luminescenti che potrebbero essere aurore, o raggi di fuoco celeste che potrebbero essere meteoriti.

Ma molti rapporti non possono essere facilmente spiegati. Ad esempio, nel New England, un uomo che ha portato il suo cane a fare una passeggiata in un pomeriggio di ottobre ha sentito la terra iniziare a tremare e ha visto una palla di luce passare sopra l'animale, che ha iniziato a ululare.

La complessità del campo significa che, sebbene ci sia un grande interesse a saperne di più su queste strane luminescenze, non è un'area molto studiata perché è quasi impossibile effettuare esperimenti con loro.

Il team di scienziati ha deciso di raccogliere tutti i rapporti che sono riusciti a trovare, dal 1600 ad oggi. Hanno localizzato 27 terremoti situati in America e 38 in Europa, in cui è stata osservata una luminescenza degna di considerazione, che è apparsa raccolta attraverso strane storie.

Nel costa peruvianaNell'agosto 2007, un pescatore ha riferito che il cielo è diventato viola per diversi minuti prima che il mare iniziasse a tremare. Vicino a Ebingen, in Germania, nel novembre 1911, una donna riferì di lampi di luce che si muovevano sul terreno come serpenti appena prima che iniziasse l'agitazione.

Dei 65 terremoti studiati, 56 si sono verificati nelle zone Rift attive. E 63 dei 65 si sono verificati in zone di rottura di faglia quasi verticali, a differenza degli angoli più morbidi associati a faglie più grandi.

Questa inclinazione potrebbe spiegare l'aspetto delle luci, affermano Thériault e i suoi colleghi, responsabili di uno dei rami dello studio. Un altro membro del team, Friedemann Freund, fisico minerale presso l'Ames Reseach Center della NASA a Moffett Field, in California, sospetta che tutto inizi con difetti nella roccia, dove gli atomi di ossigeno presenti in una struttura chimica minerale perdono un elettrone.

Quando la forza prodotta da un terremoto raggiunge la roccia, rompe i legami coinvolti in questa eterogeneità, creando buchi di carica elettrica positiva. Queste fori p possono fluire verticalmente verso la superficie attraverso la faglia, provocando forti campi elettrici locali che possono generare luce.

La grande stretta, avvicinamento al laboratorio

Esperimenti di laboratorio hanno dimostrato che i campi elettrici possono essere generati in alcuni tipi di rocce mediante frantumazione. Ma l'idea di Freund è solo uno dei tanti possibili meccanismi per spiegare le luci prodotte nei terremoti.

Il catalogo ottenuto suggerisce altri spunti per lo studio di queste luci, afferma Thériaul. Ad esempio, i sismologi che studiano le faglie attive hanno potuto osservare cambiamenti nella conducibilità elettrica del suolo nei momenti precedenti e durante lo scuotimento.

Più in generale, osservando le luci legate ai terremoti in tutto il mondo, potremmo dire che potrebbero avvisarci dei terremoti come avvertimento precoce dello scuotimento.

Il fenomeno ha già avuto precedenti che servono da allerta per le persone. Ad esempio vicino a L'Aquila Italia nell'aprile 2009 un uomo ha visto lampi di luce bianca provenienti dai mobili della sua cucina la mattina presto e ha messo la sua famiglia in salvo. Due ore dopo, fu allora che scoppiò il devastante terremoto di cui tutti sentiamo parlare.

Forse si dovrebbe considerare di focalizzare maggiormente l'attenzione su questo tipo di fenomeni e determinare con studi più esaustivi se possono davvero servire da monito per gli shock.

Per maggiori informazioni: Due forti terremoti uccidono almeno 75 in Cina6,0 terremoto scuote il Perù

Fuentes: Natura


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.