La foresta mediterranea diventerà una macchia tra 100 anni

la foresta mediterranea è più vulnerabile ai cambiamenti climatici

Gli effetti del cambiamento climatico su larga scala a volte possono essere imprevedibili, poiché non conosciamo al millimetro tutte le relazioni e le connessioni che esistono tra gli esseri viventi sul pianeta. Ciò che è stato confermato in uno studio dell'Università di Córdoba (UCO) in collaborazione con l'Università di Wageningen, nei Paesi Bassi, è che la foresta mediterranea si ridurrà a poco a poco fino a diventare praticamente macchia in circa 100 anni a causa degli effetti del cambiamento climatico.

L'UCO ha riferito in una dichiarazione che il cambiamento climatico è un tema di grande attualità nei vertici e negli eventi internazionali che occupa parte degli sforzi della comunità scientifica che studia cosa è a rischio e cosa attende il mondo.

Cambiamenti climatici nel Mediterraneo

la foresta mediterranea diventerà una macchia tra 100 anni

Gli sforzi per fermare il cambiamento climatico non sono abbastanza forti da impedire che le temperature globali si riscaldino di due o tre gradi Celsius in circa cento anni, portando a meno precipitazioni.

Questa inquietante domanda ha portato il gruppo di ricerca UCO a studiare come le piante reagiscono all'aumento delle temperature. Lo studio ha indagato come le piante rispondono alla siccità e come diverse specie di flora e fauna associate si riprendono dai danni.

La quercia da sughero è una delle specie più colpite dai cambiamenti climatici. Il gruppo di ricerca UCO si è concentrato sulla foresta mediterranea, poiché è qui che c'è più biodiversità in Spagna. Lo studio conferma che la foresta mediterranea soffrirà molto di più a causa del cambiamento climatico rispetto alla macchia che esiste in questi ecosistemi. Tra cento anni questo tipo di paesaggio si trasformerà e sarà prevalentemente boscoso, poiché le specie tipiche della zona come il corbezzolo o la quercia da sughero andranno via via scomparendo.

La foresta mediterranea più colpita dai cambiamenti climatici

il cisto resiste alla siccità e si riprende

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista «Biologia Vegetale«. Lo studio specifica che le specie vegetali di questo tipo persistono con l'aumento delle temperature e la mancanza di acqua, regolando il tempo che dedicano alla fotosintesi. Durante la fotosintesi, le foglie aprono i loro stomi per scambiare CO2 dall'ambiente e generare ossigeno. Tuttavia, l'apertura degli stomi provoca una traspirazione dell'acqua e, quindi, la sua perdita. Più temperatura c'è nell'ambiente, più acqua viene persa durante la fotosintesi.

Si tratta della regolazione e della limitazione di un processo vitale per le piante, che normalmente viene ridotto in estate e nei periodi di siccità per risparmiare acqua. In primavera l'apertura della pianta all'esterno è elevata e il tasso di fotosintesi è molto alto mentre in estate i valori calano e in autunno, con le piogge, la pianta si riprende e cresce. In questo modo, in tempi di siccità, le piante riducono drasticamente questa apertura verso l'esterno a circa due ore al giorno e lo fanno per prima cosa al mattino.

Lo studio si è anche concentrato su alcune boscaglie colpite dall'aumento delle temperature e dalla siccità. Ad esempio, il cisto, soffre molto nei periodi di siccità, perdendo anche le foglie, però, con le prime piogge autunnali, sono i primi a riprendersi. Il vantaggio che gli arbusti hanno sugli alberi è che hanno una maggiore adattabilità rispetto alle loro caratteristiche e possono sopravvivere meglio in ambienti i cui fattori ambientali non sono favorevoli. Il cisto ha anche una grande capacità di colonizzare dopo un incendio o una siccità, e quindi, se gli alberi stanno diminuendo a causa degli effetti del cambiamento climatico, è il cisto che colonizzerà e trasformerà la foresta mediterranea in un boschetto.

Le querce da sughero sono più vulnerabili

Le querce da sughero non hanno l'adattabilità che hanno i cisti alle differenze di temperatura, siccità e simili, quindi il loro recupero dopo un episodio di queste è molto lento. Se a questo aggiungiamo che per produrre semi sono necessari tra i 20 ei 30 anni, che questi durano solo pochi mesi, che -inoltre- servono da cibo per molti animali per cui scompaiono velocemente,  la quercia da sughero diventa una specie vulnerabile per la sua conservazione per il prossimo secolo.

In conclusione, lo studio afferma che la foresta mediterranea subirà molto più delle conseguenze del cambiamento climatico rispetto alla macchia e che, quindi, le foreste si ritireranno gradualmente per lasciare il posto alle specie di macchia.

 

 

 

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.