Antropocene, l'uomo "merita" un'epoca geologica tutta sua?

Antropocene

Impatto leggero dallo spazio

Per diversi anni si è discusso se gli esseri umani siano abbastanza importanti da noi stessi da meritare la nostra età geologica. La grande influenza che l'umanità ha avuto sul pianeta e sul suo ambiente causando estinzioni e alterando anche i cicli naturali e climatici fa studiare per aggiungere la chiamata Antropocene su scala geologica globale.

Dal 2009 un gruppo internazionale di scienziati ha studiato l'introduzione di questo nuovo concetto e dove localizzare l'inizio di questa era. È attualmente in preparazione una relazione che sarà presentata al Unione Internazionale di Scienze Geologiche nel 2016. Questo organismo è l'unico organo competente incaricato di decidere le età della Terra.

Fino a quando non si deciderà se introdurre questa modifica, continueremo a vivere nell'Olocene, un'era iniziata circa 12000 anni fa dopo l'ultima epoca di glaciazioni. Il clima temperato di questo periodo di inter-glaciazione è ciò che ha permesso all'umanità di avanzare con la rapidità che ha fatto, e quell'avanzata e l'impatto che sta avendo sul mondo in cui viviamo è ciò che ci ha fatto iniziare a pensare nel inclusione di un file nuova era direttamente correlata agli esseri umani.

Uno dei punti chiave e su cui si discute di più è determinare quando è iniziata questa nuova epoca geologica. I due punti proposti sono stati i inizio dell'era nucleare a metà del XX secolo con i bombardamenti di Hioshima e Nagasaki e successivamente con incidenti come Chernobyl o la centrale di Fukushima che hanno lasciato segni di radiazione sia sugli esseri umani che negli oceani e nei sedimenti. D'altra parte, il file inizio della rivoluzione del settorel nel diciassettesimo secolo o addirittura l comparsa dell'agricoltura circa 10000 anni fa.

Le ragioni fornite dalle diverse teorie per localizzare l'inizio di questa nuova epoca geologica sono legate alla sua comparsa nel record sedimentario. Immaginiamo un geologo tra 10000-20000 anni, dovrebbe trovare alcune caratteristiche differenzianti negli strati associati al tempo per poterlo identificare come un suo tempo geologico.

Tenendo conto di queste premesse, mettere in relazione l'inizio di questo periodo con la comparsa dell'agricoltura è dovuto al fatto che è quando l'essere umano inizia ad adattare la terra ad essa e non ad adattarla al terreno. Il movimento dei sedimenti che l'uomo ha operato a partire da questo momento ha potuto superare quello provocato da qualunque tipo di fenomeno naturale, predisponendo il terreno per la coltivazione, con l'utilizzo di cave, e successivamente con l'utilizzo industriale e edilizio dei materiali dell'usuale.

D'altra parte, la considerazione dell'inizio della rivoluzione industriale come punto di partenza di questo nuovo periodo è stata proposta come l'inizio di questa epoca geologica, sostenendo che l'inizio dell'uso dei combustibili fossili (carbone, petrolio, ecc. ) e gli elementi che la loro combustione riversava nell'atmosfera apparirebbero come parte di uno strato caratteristico. Allo stesso tempo, un altro fattore da tenere in considerazione sarebbe un uso più esteso del suolo e attività estrattive e minerarie più intense.

In ogni caso, queste due proposte sono quasi escluse, poiché sebbene l'impatto sui sedimenti sarebbe molto ampio, non interesserebbe l'intera superficie della terra, anche così è nelle mani dell'Unione Internazionale di Scienze Geologiche per determinare se sono rilevanti o meno.

L'opzione migliore, e forse quella con le migliori possibilità di essere scelta, sempre nel caso in cui venga accettata l'introduzione di questa nuova epoca nella storia geologica, è quella dell'inizio dell'era nucleare o atomica. Sia i test nucleari che gli incidenti nelle centrali nucleari lo hanno significato particelle radioattive sono presenti su tutta la superficie terrestre e saranno mantenuti su terra, acqua e aria per molti anni, rendendo l'estensione di questo tipo di particelle sufficiente per essere considerata un'estensione globale.

Il promotore di quest'ultima ipotesi, Jan Zalasiewicz, scienziato dell'Università di Leicester sostiene che oltre all'impatto nucleare ci sono altri fattori come l'impatto dell'uomo e della sua tecnologia, nonché l'aspetto di materiali come la plastica o l'alluminio o la concentrazione di CO2 nell'atmosfera e la L'acidificazione dei mari ci porta a parlare di una "Grande Accelerazione" che sarebbe degna di questo "onore".

Il tutto è a carico dell'organismo che nel 2016 avrà il compito di valutare tutti questi punti e determinare se l'essere umano merita da solo un'epoca geologica e quale sarà il suo inizio, o se al contrario, come pensano un'altra grande parte della comunità scientifica "vogliamo solo darci più importanza di quanta ne abbiamo veramente".

Per maggiori informazioni: Il riscaldamento irreversibile della Terra solleverà il mare di oltre un metroL'intera Terra si è mai congelata?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.