Investire in infrastrutture verdi è la chiave per adattarsi meglio ai cambiamenti climatici

Lago San Maurizio

La natura è vita. Tuttavia, l'umano moderno sembra cercare di rimuoverlo dalla mappa, senza rendersi conto di appartenergli. In effetti, è un pezzo fondamentale del puzzle che forma il nostro pianeta.

A volte chiamata Gaia o Madre Terra dai seguaci delle nuove credenze naturalistiche, la realtà è che viviamo in un mondo sempre più martoriato. E, come sappiamo, ogni azione ha la sua reazione, prima o poi. Ma ancora e tutto c'è spazio anche per la riflessione e lo studio, in questo caso, delle infrastrutture verdi.

Ed è esattamente ciò che stanno facendo l'Istituto di idraulica ambientale dell'Università della Camtabria e la Fondazione per la biodiversità in tre parchi nazionali spagnoli: Picos de Europa, Guadarrama e Sierra Nevada. In questi posti meravigliosi promuovere un progetto che studia come la progettazione di infrastrutture verdi e il ripristino forestale favorire l'adattamento ai cambiamenti climatici.

Una delle cose che stanno facendo è sedersi e parlare con i gestori di quei parchi per farlo insegnare loro modelli e progettare le infrastrutture verdi adatte a seconda del terreno e delle condizioni climatiche dello stesso. Inoltre, visiteranno ciascuna di queste aree insieme ai manager, direttori e tecnici per mostrare loro modelli di cambiamento della copertura vegetale e del cambiamento climatico, qualcosa che sarà molto utile, ad esempio, per ripristinare le aree di argine o collina, o promuovere alcune aree della foresta.

Parco nazionale di Ordesa

Inoltre, Sarà effettuata una serie di simulazioni climatiche per valutare l'effetto dei cambiamenti climatici che si verificheranno intorno al 2050. Sarà così possibile sapere più o meno cosa succederebbe a metà del secolo se oggi non si interviene per proteggere le foreste o se, al contrario, si prendono misure per meglio adattarsi ai cambiamenti climatici.

Tutto sommato, sperano che le aree verdi della Spagna e la sua magnifica biodiversità possano continuare a esistere.

Per ulteriori informazioni, clicca qui.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.