Golfo Persico

inquinamento dell'acqua

Oggi parleremo di una delle zone del mondo più discusse negli anni dato che possiede una grande quantità di risorse naturali ed è teatro di una serie di conflitti che sono stati molto importanti per la storia del mondo. Riguarda Golfo Persico. Un tempo era una regione di grandi dimensioni in cui vivevano diverse civiltà. Oggi è legato alla guerra a causa di vari scontri avvenuti qui.

Pertanto, dedicheremo questo articolo per raccontarvi tutte le caratteristiche, la storia, l'origine e le minacce del Golfo Persico.

caratteristiche principali

geologia del golfo persico

È anche conosciuto con il nome di Golfo Persico ed è un golfo marino ampio ma poco profondo. Si trova tra l'Iran e la penisola arabica. Se analizziamo dal punto di vista geologico, vediamo che lo è una distesa dell'Oceano Indiano. Limita il nord, nord-est e est con l'Iran; a sud-est e sud dall'Oman e dagli Emirati Arabi Uniti; a sud-ovest e ovest con Qatar, Bahrain e Arabia Saudita; e nel nord-ovest dal Kuwait e dall'Iraq.

La formazione di questo grave golfo durante l'ultimo massimo glaciale e l'inizio dell'Olocene. A quel tempo, questo golfo era un rifugio ambientale per i primi esseri umani che potevano viverci per proteggersi dalle fluttuazioni climatiche. Ed è così per un certo momento una vasta regione fertile che aveva una valle e paludi. In questa valle prosciugarono i fiumi del bacino persiano.

I più antichi insediamenti umani conosciuti appartengono a tribù nomadi. Si verificarono alla fine del IV secolo a.C. e l'intero luogo iniziò ad essere controllato dalla civiltà Dilmun. Per un po 'di tempo l'insediamento più importante che regnava fu Gerrha e in alcune occasioni ci furono battaglie piuttosto dannose. La costa era dominata dagli imperi delle prede e quindi è chiamata Golfo Persico.

Città e paesi del Golfo Persico

Golfo Persico

Vediamo quali sono i paesi e le città più importanti in questo luogo. Per quanto riguarda i paesi, fanno parte del Golfo Persico i seguenti paesi: Turchia, Siria, Giordania, Iraq, Kuwait, Arabia Saudita, Bahrein, Emirati Arabi Uniti, Yemen, Iran e Oman.

La maggior parte delle città ha caratteristiche particolari poiché presenta forme geologiche uniche e quasi la stragrande maggioranza di esse ha grandi giacimenti di petrolio. L'Arabia Saudita è la culla della lingua e di tutte le fattorie arabe che esistono in questo luogo. È anche considerato uno dei luoghi responsabili della più grande produzione di petrolio al mondo.

Il Qatar basa la sua grande economia sulla pesca e sulla raccolta di perle. Questo fino a quando non hanno scoperto i grandi giacimenti petroliferi che esistono in questi luoghi. Una volta scoperti i giacimenti petroliferi, ne fecero la principale fonte di reddito per il paese.

D'altra parte, abbiamo paesi come il Kuwait che hanno un'economia ricca o giacimenti petroliferi con una capacità di circa 94 miliardi di barili di petrolio. Questo ha qualità come riserva energetica e come fonte di reddito per il paese. Un'altra area conosciuta come Bahrain È un'economia che ha saputo modernizzarsi grazie al suo funzionamento a base di petrolio. La modernizzazione è stata consentita sia allo Stato che alle persone che vivono in questi luoghi a causa dell'aumento dei proventi della vendita di petrolio.

Gli Emirati Arabi Uniti, Iran, Iraq, Oman possiedono giacimenti petroliferi che sono la fonte economica fondamentale e sostanziale.

Biodiversità del Golfo Persico

incidenti petroliferi

Poiché in questo blog ciò che interessa a un luogo è la parte naturale, ci concentreremo sulla biodiversità del Golfo Persico. Divideremo questa biodiversità in flora e fauna.

La vita in questi luoghi è piuttosto diversificata a causa dell'elevata distribuzione geografica che ha. Alcune delle specie faunistiche più importanti dell'ambiente marino sono state trovate nel Golfo Persico. Va anche notato che alcuni dei file magnifiche specie di flora e fauna marina sono sull'orlo dell'estinzione o subire un grave rischio ambientale. Ciò è dovuto alle attività economiche derivate dall'uso del petrolio.

Dai coralli ai dugonghi, questo luogo ha un'enorme biodiversità in quanto ha numerosi habitat per molte specie che dipendono l'una dall'altra per la loro sopravvivenza. La fauna selvatica è minacciata da fattori globali come la negligenza locale e regionale. La maggior parte dell'inquinamento prodotto dalle attività petrolifere proviene dalle navi. La produzione di inquinamento da parte dell'uomo è la seconda fonte di inquinamento più comune. Il problema principale di questa contaminazione è la distruzione e la frammentazione degli habitat naturali delle diverse specie di flora e fauna.

Per quanto riguarda la flora, in alcune parti non è molto estesa ma è unica ed esuberante. Ciò significa che in quest'area sono presenti numerose specie endemiche. Il problema principale che colpisce la flora sono le continue fuoriuscite di petrolio. Come risultato di questo inquinamento, si verificano disastri e degrado degli ecosistemi e degli habitat che sostengono la vegetazione.

Importanza e curiosità

Come prevedibile, la grande importanza economica del Golfo Persico è dovuta alle riserve di petrolio di questa regione. Grazie a queste riserve petrolifere, c'è stato uno sviluppo economico e demografico senza precedenti. Va tenuto presente che i paesi appartenenti al Golfo Persico forniscono circa il 40% delle esportazioni mondiali di greggio e circa il 15% delle esportazioni di prodotti petroliferi.

Per quanto riguarda le curiosità, ne abbiamo alcune che sono le seguenti:

  • A causa dell'uso incontrollato dell'olio, le emissioni di gas serra stanno aumentando e, se non diminuito entro la fine del secolo, l'aumento delle temperature in questo luogo in modo tale il golfo diventa un'area quasi inabitabile.
  • Nel Golfo Persico esiste un luogo considerato il più caldo in termini di mari e riesce a raggiungere temperature di fino a 64 gradi in estate.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sul Golfo Persico e le sue caratteristiche.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.