Fauna oligocenica

Mammiferi della fauna oligocenica

La Epoca oligocenica fu la terza e ultima delle epoche che formarono il periodo Paleogene dell'era del Cenozoico. È un periodo di tempo in cui il pianeta ha subito o evidenti cambiamenti a livello degli esseri viventi e della geologia. Il Fauna oligocenica Ha potuto prosperare grazie a un cambiamento fondamentale del clima che ha creato le condizioni ideali per la proliferazione di animali e piante.

In questo articolo vi parleremo di tutte le caratteristiche e l'evoluzione della fauna dell'Oligocene.

Epoca oligocenica

Questa era è iniziata approssimativamente circa 34 milioni di anni e si è conclusa circa 23 milioni di anni fa. Durante questo periodo il pianeta ha subito notevoli cambiamenti. Il clima ha svolto un ruolo fondamentale nello sviluppo della flora e della fauna. Questi cambiamenti nel pianeta hanno causato la ridistribuzione degli animali in tutto il pianeta.

L'Oligocene è stato un periodo che ha affascinato gli specialisti nello studio del tempo geologico poiché hanno dedicato abbastanza tempo e sforzi per chiarire gli aspetti più nascosti. La durata dell'Oligocene è di circa 11 milioni di anni e, durante questo periodo, i movimenti delle placche tettoniche sono continuati, raggiungendo posizioni simili a quelle che hanno oggi.

La fauna dell'Oligocene è famosa per essere conosciuta come l'età dei mammiferi. Ed è che il gruppo di mammiferi è stato quello che ha sperimentato la maggiore diversificazione e varietà durante questo periodo. Grazie allo sviluppo e all'estensione degli animali si sono potute creare suddivisioni ben note come roditori e canidi. Ciò che spicca maggiormente dalla geologia di questo periodo è l'orogenesi laramidica e l'orogenesi alpina.

Per quanto riguarda il clima, le condizioni che hanno caratterizzato questo periodo sono state piuttosto estreme. Era caratterizzata da temperature molto basse in cui i poli rimanevano ricoperti di ghiaccio. Alcuni ecosistemi sono stati modificati dalla diminuzione della temperatura globale. Analizziamo meglio la vita.

Flora

La flora dell'Oligocene è caratterizzata principalmente dalle foreste di conifere che predominavano insieme alle foreste di latifoglie. Queste foreste sono pronte per essere in grado di sopravvivere alle basse temperature. Le angiosperme hanno iniziato a diffondersi in un gran numero di habitat, ottenere un grande dominio.

A causa del clima freddo, è stata osservata una diminuzione delle foreste tropicali, che sono state sostituite da piante erbacee e praterie. Vari tipi di piante hanno dovuto affrontare l'azione degli animali al pascolo che se ne nutrono. Analizziamo cosa sono questi animali.

Fauna oligocenica

Fauna oligocenica

La fauna dell'Oligocene è caratterizzata dall'avere molti gruppi di animali che sono riusciti a diversificarsi e prosperare nonostante le condizioni climatiche in cui sono stati trovati. In questi gruppi di animali più diversificati troviamo uccelli, rettili e mammiferi. Alcuni scienziati chiamano la fauna dell'Oligocene l'età dei mammiferi. Riguarda il tempo dell'era Cenozoica cos'altro potrebbe proliferare in termini di mammiferi.

Apparvero un gran numero di nuove specie di mammiferi, tra cui roditori, canidi, primati e cetacei. Analizzeremo ognuno di loro.

roditori

Nell'ordine dei roditori troviamo un gruppo più abbondante di mammiferi che si è sviluppato durante la fauna dell'Oligocene. La sua caratteristica che li ha aiutati a distinguerli dal resto erano gli incisivi molto affilati con molteplici usi. Uno di questi è mordere i predatori o rosicchiare il legno. La più nota famiglia oligocenica di roditori era l'Eomyidae. Erano simili agli scoiattoli odierni ma con un corpo più piccolo e abitudini arboree.

primati

Sono un gruppo di mammiferi caratterizzati dall'avere cinque dita sugli arti. Uno dei principali vantaggi di questi primati rispetto ad altri mammiferi è il pollice opponibile. Inoltre, hanno piedi plantigradi che consentono di sostenere l'intera pianta del piede per muoversi. Il suo modello di dente è generalizzato e non molto specializzato. I primati che possono essere osservati più frequentemente in questo momento erano il lemure e il tarsio.

Il tarsio è un cugino di piccola taglia di circa 10 centimetri. Le loro caratteristiche principali sono che hanno occhi grandi che consentono loro di adattare la loro visione al buio. Sono completamente nutriti con la vipera e trascorrono la maggior parte del tempo sospesi tra i rami degli alberi.

Inoltre, il lemure è un primate che può variare di taglia a seconda della sottospecie. Una delle caratteristiche che risalta è la sua lunga coda. Questa coda è spesso più lunga di tutto il corpo. I loro occhi sono grandi e permettono loro di vedere l'oscurità. Non distinguono bene i colori sebbene possano distinguere le forme.

Fauna oligocenica: canidi

All'interno dei canidi appartengono al gruppo dei lupi e dei cani. La sua caratteristica principale è di avere un corpo di media corporatura e di camminare sostenuto sulla punta delle dita. Sono cibo carnivoro e molti di loro sono predatori. Sono apparsi nell'Eocene e successivamente diversificati.

Cetacei

Il gruppo di mammiferi che ha saputo adattarsi maggiormente alla vita marina. Le sue caratteristiche principali sono gli arti anteriori modificati per poter diventare pinne. Le loro pinne posteriori sono scomparse nel tempo. La loro respirazione è polmonare, quindi devono spesso salire in superficie per respirare l'aria.

Durante la fauna dell'Oligocene uno dei più grandi mammiferi terrestri sviluppato. È noto come Paraceratherium. Aveva le misurazioni approssimative di alto quasi 8 metri e lungo 7 metri. Erano animali erbivori con un senso dell'olfatto molto ben sviluppato. Non era affatto socievole, ma avevano uno stile di vita solitario. A quanto pare stavano combattendo tra di loro, scontrandosi con la testa e li avevano protetti da ossa del cranio molto più spesse del normale.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sulla fauna dell'Oligocene.

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.