Fauna del Pleistocene

Fauna del Pleistocene

Il tempo di Pleistocene è stata la prima divisione geologica del Periodo quaternario. Era caratterizzato principalmente da basse temperature che coprivano quasi l'intero pianeta di ghiaccio. Il Fauna del Pleistocene era caratterizzato principalmente dalla comparsa di grandi mammiferi come il mammut. In questo periodo di tempo osserviamo anche l'evoluzione della specie umana. È in questo momento che sono apparsi gli antenati dell'uomo moderno.

In questo articolo andremo ad analizzare tutte le caratteristiche e l'evoluzione della fauna del Pleistocene.

Contesto generale della fauna pleistocenica

Per comprendere lo sviluppo della fauna del Pleistocene, dobbiamo comprendere il contesto generalizzato, sia del clima, sia della geologia, ecc. È un tempo che è uno dei più studiati e ha il maggior numero di testimonianze fossili. Per questo motivo, è diventato uno dei momenti in cui sono disponibili informazioni più ampie e affidabili. Questo periodo di tempo è iniziato 2.6 milioni di anni fa e si è conclusa dopo l'ultima era glaciale, intorno al 10.000 a.C.

Durante questo periodo, i grandi mammiferi hanno avuto il loro massimo splendore, in termini di sviluppo e diversificazione. Tra loro ci sono il mammut, il megatherium e i mastodonti che hanno dominato praticamente l'intero pianeta. La caratteristica che li rende diversi dal resto della fauna è stata la loro grande taglia. Dobbiamo anche commentare lo sviluppo degli antenati umani come il Homo erectus, Homo habilis e Homo neanderthalensis.

Per quanto riguarda la geologia, abbiamo scoperto che c'era poco spostamento dei continenti. In questo caso, la deriva dei continenti era piuttosto bassa e da allora è rimasta tale. Già in questo momento i continenti avevano le stesse posizioni che hanno oggi. Analizzando il clima vediamo che c'era una predominanza di basse temperature. Ed è che durante questo periodo si sono verificati diversi cicli glaciali. È rimasto così per tutto il tempo fino alla fine dell'ultima era glaciale. Gran parte del pianeta era ricoperta di ghiaccio. Gli specialisti hanno registrato che circa il 30% dell'intera superficie terrestre era congelata. Il polo sud in Antartide era completamente ricoperto di ghiaccio proprio come oggi. C'erano anche tutte le terre del Circolo Polare Artico.

Dopo aver analizzato il contesto di questo periodo di tempo, iniziamo ad analizzare la fauna del Pleistocene.

Fauna del Pleistocene

Mega fauna del Pleistocene

Durante questo periodo furono i mammiferi a diventare il gruppo dominante. Mantenere generalizzata tutta l'egemonia iniziata in tempi precedenti. Nella fauna del Pleistocene spicca l'emergere della cosiddetta megafauna. Questa megafauna si riferisce grandi animali che sono stati addestrati per resistere alle basse temperature che esistevano in quel momento.

Sebbene i mammiferi fossero il massimo sviluppo e diversificazione della fauna di questo tempo, anche altri gruppi di animali come uccelli, anfibi e rettili continuarono a diversificarsi. Molti di questi gruppi di animali sono rimasti fino ad oggi. Tuttavia, non si può sostenere che i mammiferi fossero i re di questa epoca.

La megafauna del Pleistocene era costituita principalmente da animali di grandi dimensioni. Tra questi animali evidenziamo i più rappresentativi che sono il mammut, il megatherium, lo smilodon, l'elasmotherium, tra gli altri. Analizzeremo uno ad uno i principali animali della fauna del Pleistocene.

mammut

Questi animali appartenevano al genere Mammuthus e sembravano molto simili agli elefanti che abbiamo oggi. Una delle caratteristiche più rappresentative di questo gruppo era il suo prolungamento nasale. Questo perché appartengono all'ordine Proboscidea e hanno l'organo che viene comunemente chiamato tronco. Il suo nome scientifico è proboscide. Anche i mammut possedevano zanne lunghe e affilate che aiutavano a difendersi da potenziali predatori. Queste zanne avevano una curvatura verso l'alto. Queste zanne erano di avorio.

A seconda dell'area di distribuzione dell'individuo e della vicinanza o lontananza delle zone con temperature più basse, il corpo veniva ricoperto da più o meno pelo. La sua abitudine o il cibo era erbivoro. Questo fa sì che le zanne abbiano solo una funzione difensiva. Nonostante il suo aspetto enorme e l'appartenenza al gruppo della megafauna del Pleistocene, si estinse nell'epoca successiva. Grazie a numerose testimonianze fossili, è stato possibile conoscere molto sulla morfologia e sullo stile di vita di questa specie.

Megatherium

Questi animali appartengono all'ordine Pilosa e sono imparentati con gli attuali bradipi. È un tipo di animale che è diventato uno dei più grandi che hanno popolato la terra. Il suo peso medio era tra 2.5 e 3 tonnellate ed erano lunghe circa 6 metri. Questa specie è stata studiata grazie ai fossili raccolti. Le sue ossa erano piuttosto robuste, quindi si sospetta che dovesse sostenere una grande massa di carne.

Come i bradipi oggi, avevano artigli molto lunghi. Questi artigli erano usati principalmente per scavare per il cibo. La loro dieta era completamente sulla vipera e si pensa che avessero un comportamento solitario. Il corpo era ricoperto da una folta pelliccia che aiutava a proteggerlo dalle basse temperature che esistevano a quei tempi. Il suo habitat e la sua area di distribuzione si estendono nelle zone del Sud America.

Smilodon

Questo animale appartiene alla famiglia dei Felidi, essendo parenti diretti degli attuali felini. La sua caratteristica principale erano le sue grandi dimensioni e due lunghe zanne che scendevano dalla sua mascella superiore. Grazie a queste caratteristiche lo smilodon era conosciuto in tutto il mondo come »Tigri dai denti a sciabola». È uno degli animali più studiati di tutta la storia perché presente anche in numerose storie e mitologie.

Grazie ai fossili che sono stati raccolti da queste specie, i maschi potevano raggiungere fino a 300 chili di peso. Vivevano principalmente in tutte le aree del Nord e del Sud America.

elasmoterio

Era uno dei mammiferi appartenuti alla famiglia dei Rinocerotidi, imparentata con i rinoceronti odierni. La caratteristica principale di questi animali era che avevano un grande corno che sporgeva dal loro cranio e che poteva misurare fino a più di due metri. La loro dieta era erbivora e il loro cibo principale era l'erba. Come con altri mammiferi del Pleistocene, aveva un corpo ricoperto da una folta pelliccia. Il suo habitat e l'area di distribuzione erano nelle aree dell'Asia centrale e nelle steppe russe.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sulla fauna del Pleistocene.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.