Fauna cambriana

flora e fauna antiche

El Periodo Cambriano è il primo a comporre l'era Paleozoica. È iniziato circa 541 milioni di anni fa ed è durato fino a circa 485 milioni di anni fa. È in questo periodo che il nostro pianeta ha assistito a una grande diversificazione e massificazione della vita esistente. Il Fauna cambriana È stato il protagonista della cosiddetta «esplosione cambriana». È qui che è apparso un gran numero di specie animali che erano già multicellulari e che hanno iniziato a popolare i mari.

In questo articolo vi parleremo di tutte le caratteristiche e l'evoluzione della fauna cambriana.

Periodo Cambriano

Fauna cambriana

Prima di tutto, passeremo in rassegna alcune delle principali caratteristiche di questo periodo geologico. È una delle epoche geologiche più studiate dagli specialisti paleontologi. Ed è che ci sono stati molti cambiamenti a livello geologico e l'evoluzione degli organismi viventi esistenti. Tutto ciò è stato dovuto a un drastico cambiamento delle condizioni ambientali esistenti in quel momento. Sappiamo che questo periodo è durato circa 56 milioni di anni. Tra le caratteristiche principali troviamo una diversificazione ed evoluzione degli esseri viventi che popolavano il pianeta.

Grazie a questi cambiamenti, iniziarono ad esistere numerosi nuovi bordi di esseri viventi che sono stati mantenuti fino ad oggi. Per quanto riguarda la geologia, tra i cambiamenti più significativi vi sono stati il ​​trasferimento e la frammentazione dei supercontinenti esistenti. La stragrande maggioranza degli specialisti afferma che ci sono vari frammenti della crosta terrestre che erano nel periodo Cambriano e che erano il risultato della frammentazione di un supercontinente ancora più grande. Questo super continente chiamato Pannotia era divisa in altre 4 conosciute con il nome di: Gondwana, Baltica, Laurentia e Siberia.

La velocità della deriva dei continenti durante questo periodo era molto più alta di quanto non sia oggi. Ciò ha causato la separazione dei frammenti con maggiore velocità. Per quanto riguarda il clima ci sono poche registrazioni ma ci sono alcuni fossili con i quali sono state studiate le caratteristiche ambientali. Si afferma che durante il Cambriano le temperature erano notevolmente superiori a quelle di altri periodi geologici. Questo perché non c'erano quasi frammenti di ghiaccio sul pianeta. Quasi l'intero emisfero settentrionale era coperto dall'Oceano Phantalassa e il clima era di tipo temperato e oceanico.

Per quanto riguarda il clima sappiamo anche che ci sono state delle oscillazioni stagionali in modo tale da affermare che non hanno avuto troppi bruschi cambiamenti. Tuttavia, alcuni specialisti affermano che alla fine del Cambriano si potrebbe osservare una diminuzione della temperatura globale. Ciò fa sì che un continente che si muoveva più lentamente venga coperto dal ghiaccio.

Vida

fauna marina cambrica

Rispetto alla vita in questo periodo è la cosiddetta esplosione cambriana grazie alla quale si è verificata un'insolita diversificazione di tutte le forme di vita. Sebbene la vita sia apparsa nell'eone arcaico, non fu allora fino al periodo Cambriano era in grado di diversificarsi poiché il resto della vita era molto semplice. Questo fenomeno è noto poiché la maggior parte delle specie potrebbe evolversi. Una grande diversità di esseri viventi è apparsa quasi contemporaneamente. Grazie ai reperti fossili, è stata recuperata una grande quantità di informazioni. Le ragioni dell'esplosione del Cambriano non sono state in grado di stabilire con precisione quali fossero gli inizi grazie ai quali la vita potesse diversificarsi.

Si stima che fossero le seguenti cause:

  • Aumento dell'ossigeno atmosferico
  • Aumento dei livelli di ozono nello strato di ozono e protezione dalle radiazioni ultraviolette dannose.
  • Aumenta il livello del mare. Ciò significava che si potevano aumentare le possibilità di ospitare un maggior numero di habitat, nicchie ecologiche e, quindi, un maggior numero di specie.

Fauna cambriana

la vita nel cambrico

La fauna cambriana abitava principalmente in acqua. Tutti gli ecosistemi erano molto estesi e sono stati trovati negli oceani. La maggior parte degli animali che compongono la fauna cambriana erano invertebrati complessi. Qui troviamo i trilobiti, alcuni grandi invertebrati e altri gruppi simili sono molluschi, spugne e vermi. Analizzeremo una per una le specie più abbondanti della fauna cambriana:

spugne

Durante questo periodo era comune trovare un gran numero di spugne sul fondo del mare. Oggi sono classificati sul bordo porifero. La sua caratteristica principale è quella di avere pali in tutta la sua struttura. Attraverso questi pori aiutano a circolare e filtrare i nutrienti presenti nell'acqua. I reperti fossili di questi organismi hanno aiutato a ottenere informazioni sullo sviluppo di questi animali in quel momento. Grazie a questi reperti fossili, è noto che esistevano spugne simili alle strutture degli alberi e altre a forma di cono.

Artropodi

Erano gli animali più sviluppati e numerosi. Oggi rimangono il phylum degli animali più abbondante nel regno animale. Nella fauna cambriana questo non faceva eccezione. All'interno di questo gruppo, troviamo i più rappresentativi come trilobiti. Abbondarono in questo periodo di quasi mantenuto la loro esistenza fino alla fine del Periodo Permiano. Sono stati uno dei primi animali a sviluppare il senso della vista.

Fauna cambriana: molluschi

I molluschi subirono grandi trasformazioni diversificate in varie classi. Alcuni di loro si trovano ancora oggi. Abbiamo gasteropodi e cefalopodi, tra gli altri.

Echinodermi

Ha avuto molta espansione e diversificazione durante questo periodo. Sono apparse nuove specie di echinodermi in grado di adattarsi alle diverse condizioni ambientali esistenti. La classe che è sopravvissuta più a lungo è stata quella del crinoide.

Fauna cambriana: cordati

Era il gruppo di animali più importante è che ha avuto la sua origine in questo periodo. Grazie a questi animali è noto che la fauna cambriana ha diversificato un gran numero di gruppi come i vertebrati tra i quali abbiamo anfibi, pesci, rettili, uccelli e mammiferi. La caratteristica distintiva di questi animali è che hanno una struttura nota come notocorda. Da qui il nome accordi. La notocorda è un cordone tubolare che si estende per tutta la parte dorsale dell'individuo e ha una funzione strutturale. Sono presenti anche un sistema nervoso centrale, una coda post-anale e una faringe perforata.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sulla fauna del Cambriano e sulle sue caratteristiche.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.