Fauna Paleogene

Fauna Paleogene

All'interno della Era cenozoica abbiamo il Periodo Paleogene. È una divisione della scala temporale che copre 66 milioni di anni e si è conclusa circa 23 milioni di anni fa. In questo periodo abbiamo una grande evoluzione dei mammiferi nonostante si siano dovuti evolvere da specie di piccolissime dimensioni. Il Fauna Paleogene segna un prima e un dopo, specialmente nei mammiferi.

Pertanto, dedicheremo questo articolo per raccontarvi tutte le caratteristiche e l'evoluzione della fauna del Paleogene.

Periodo Paleogene

Questo periodo è stato l'origine di forme più primitive di vita recente. Dobbiamo tenere presente che all'inizio di questo periodo geologico ci fu un'estinzione corrispondente ai dinosauri alla fine del periodo cretaceo. Nella geologia di questo periodo vediamo che le placche australiana e indiana si muovevano in direzione nord-est a causa del movimento della deriva dei continenti. Si stima che la velocità di movimento di questi le placche tettoniche erano circa 6 centimetri all'anno. Attualmente questo tasso è molto più basso.

Dobbiamo anche tenere conto che la fauna del Paleogene è stata influenzata dai cambiamenti del clima globale. Ci sono stati cambiamenti climatici acuti come un raffreddamento generale di tutte le regioni polari. A causa della diminuzione di tutte le temperature globali, l'intero pianeta potrebbe essere lasciato raffreddare. Con il progredire del periodo Paleogene, le temperature del pianeta sono aumentate di nuovo. Ed è che l'aumento delle temperature ha contribuito ad avere un clima tropicale in molti luoghi. Come sappiamo, il clima tropicale è caratterizzato principalmente dal abbondanza alte temperature, alta umidità e buone precipitazioni. Tutto ciò porta allo sviluppo della fauna Paleogene.

Molti organismi hanno dovuto adattarsi al clima e sono riusciti a farlo nonostante l'estinzione avvenuta nel periodo precedente. Uno dei taxa che si potevano sviluppare erano le piante di angiosperme.

Fauna Paleogene

fauna paleogene tropicale

Il periodo Paleogene si divide in tre epoche: il Paleocene, la Eocene e il Oligocene. In ognuno di questi periodi troviamo un diverso sviluppo della fauna del Paleogene. Analizziamo quali in dettaglio.

Paleocene

Durante il Paleocene abbiamo trovato un gran numero di animali che hanno dovuto vivere l'estinzione di massa del tardo Cretaceo. Grazie a questo evento di estinzione di massa, gli animali sono stati in grado di sviluppare atteggiamenti diversi per adattarsi ai nuovi ambienti. Questa estinzione ha dato l'opportunità di diversificare ed espandersi a determinate specie di flora e fauna. Approfittarono soprattutto dell'occasione in cui i dinosauri erano già lì. Ed è che questi animali erano considerati i predatori più importanti dell'intero pianeta. Tutti gli animali dovevano competere per le risorse naturali con i dinosauri.

Tra la fauna del Paleogene che risalta dall'epoca Paleocenica abbiamo i rettili. Erano un gruppo di animali che sopravvissero molto bene all'estinzione e furono favoriti grazie alle condizioni climatiche di questo tempo. Tra i rettili più abbondanti troviamo i campsosauri che abitavano principalmente luoghi acquatici. Anche i serpenti e le tartarughe marine hanno avuto un grande sviluppo.

Per quanto riguarda gli uccelli, si sono espansi grazie all'aumento delle temperature nelle zone tropicali. Gli uccelli del terrore erano i più conosciuti a quel tempo. Erano grandi ma senza la capacità di volare. Le abitudini di queste specie erano carnivore ed erano considerate temibili predatori per molti animali. Altre specie di uccelli che trovarono grande sviluppo durante la fauna del Paleogene furono gabbiani, piccioni, gufi e anatre.

Anche la fauna marina si è sviluppata molto in termini di pesce. Ha generato una grande concorrenza nel campo marino e gli squali si sono diffusi fino a diventare i nuovi predatori dominanti. Nel campo dei mammiferi, uno degli animali che si sono sviluppati maggiormente durante la fauna del Paleogene, troviamo placentari, monotremi e marsupiali. Troviamo anche il gruppo di roditori, primati, lemuri, tra gli altri.

Eocene

Periodo Paleogene

Nell'epoca miocenica la fauna del Paleogene si è sviluppata principalmente nel gruppo dei mammiferi e degli uccelli. Gli invertebrati sono riusciti a svilupparsi e diversificarsi un po 'nell'ambiente marino. Molti molluschi, gasteropodi, bivalvi, echinodermi cnidari potrebbe svilupparsi nel tempo. Il gruppo delle formiche è forse il gruppo di animali più sviluppato in termini di invertebrati.

Gli uccelli erano specie che si sono sviluppate grazie a condizioni ambientali favorevoli. Le più abbondanti erano le specie conosciute come Phorusrhacidae, Gastornis e i pinguini. Nel campo dei rettili e dei mammiferi che si sono sviluppati a un buon ritmo, abbiamo trovato animali che potevano essere lunghi fino a 10 metri. Tra questi animali abbiamo gli ungulati, i cetacei e gli Ambulocitidi. Ogni animale aveva caratteristiche speciali che li aiutavano ad adattarsi all'ambiente prevalente in quel momento.

Oligocene

L'ultima parte della fauna del Paleogene si riferisce alla fauna dell'Oligocene. Si caratterizza per avere numerosi gruppi di animali che si sono diversificati e prosperano nonostante le condizioni climatiche in cui sono stati trovati. Qui spicca l'evoluzione dei mammiferi. Apparvero un gran numero di specie di mammiferi, tra cui roditori, canidi, primati e cetacei.

I roditori avevano la caratteristica principale di avere incisivi molto affilati con molteplici utilizzi. Il suo utilizzo è stato principalmente quella di mordere predatori o rosicchiare il legno. I primati sono un gruppo di mammiferi più sviluppato e sono caratterizzati dall'avere cinque dita sugli arti. Uno dei vantaggi evolutivi di questi animali rispetto ad altri mammiferi è che hanno i pollici opponibili. Inoltre, hanno piedi plantigradi che consentono di sostenere l'intera pianta del piede per muoversi in modo più efficiente.

I canidi appartengono al gruppo dei lupi e dei cani. La loro caratteristica principale è quella di avere un corpo medio e camminano sulla punta delle dita. Hanno una dieta carnivora e di solito si trovano nell'anello dei predatori nella catena alimentare.

Infine, i cetacei erano un gruppo di mammiferi che si è sviluppato un po 'durante la fauna del Paleogene. Erano gli animali che più si sono adattati alla vita marina sebbene continuino ad avere la respirazione polmonare.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sulla fauna del Paleogene.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.