Dove è caduto il meteorite che ha spazzato via i dinosauri?

dove cadde il meteorite che spazzò via i dinosauri

L'estinzione dei dinosauri avvenne circa 66 milioni di anni fa quando l'asteroide conosciuto come “Chicxulub” entrò in collisione con la Terra, provocando l'eradicazione di numerose specie. Tuttavia, il luogo preciso dell'impatto e il destino dei resti di questo colossale oggetto celeste rimangono un mistero. Molte persone si chiedono dove cadde il meteorite che spazzò via i dinosauri.

In questo articolo vi sveleremo dove è caduto il meteorite che ha estinto i dinosauri e le sue caratteristiche.

Asteroide Chicxulub

enorme meteorite

Secondo l'Università del Cile, l'impatto dell'asteroide ha provocato un evento catastrofico di distruzione di massa sulla Terra un’energia equivalente a 50.000 volte quella dell’intero arsenale nucleare esistente.

L'entità dell'impatto è stata davvero notevole, con stime che collocano il suo diametro tra 12 e 15 chilometri, e alcune ricerche ipotizzano addirittura che possa aver raggiunto l'incredibile cifra di 80 chilometri. La velocità con cui si è scontrato con la Terra è stata altrettanto sorprendente. viaggiando ad una velocità di 20 chilometri al secondo, equivalente a una sorprendente velocità di 59 volte quella del suono.

L'arrivo di questo evento catastrofico provocò l'estinzione di circa il 75% delle creature antiche, lasciando solo i loro resti fossili sepolti sotto le macerie. L’entità di questo impatto fu tale da alterare per sempre la traiettoria della vita sul nostro pianeta.

Dove è caduto il meteorite che ha spazzato via i dinosauri?

dinosauro e meteorite

Studiando questo fenomeno, i ricercatori hanno concluso che la zona dell'impatto si trovava nella città di Chicxulub, situata nella penisola dello Yucatan in Messico, da cui il nome. Secondo il National Geographic, il termine "Chicxulub" deriva dalla lingua Maya e, curiosamente, Può essere tradotto come "coda del diavolo", "pulce del diavolo" o anche "luogo del corno ardente".

Secondo le teorie scientifiche, si ritiene che questa cittadina, abitata da una modesta popolazione di poco più di 4.000 persone, sia stata l'epicentro dell'impatto dell'asteroide. Stime della NASA indicano che l'impatto provocò un cratere che misurava circa 180 chilometri di diametro e raggiungeva una profondità di circa 900 metri.

Nel corso di milioni di anni, l’enormità di questo fenomeno è diminuita, rendendolo oggi meno evidente. Fu solo negli anni '1980 che venne alla luce l'ipotesi proposta dagli scienziati Luis Álvarez e Walter Álvarez.

Successivamente altri esperti confermarono e alla fine concordarono che quello era il luogo esatto dell'importante evento. Anche se potrebbe non esserci un cratere visibile, ci sono tracce distinguibili sulla Terra che servono come prova del suo aspetto.

Il dottor Gary Kinsland, professore di geologia all'Università della Louisiana, studia Chicxulub dal 1994. Quando parla di questo argomento con i bambini in età scolare, usa una semplice analogia: immagina di mettere una ciotola sul tuo letto e coprirlo con lenzuola e coperte. La ciotola sarebbe visibile solo come una leggera rientranza.

Anche se la grande cavità potrebbe non esistere più, se esamini la rientranza nel tuo letto, noterai che è ancora allineata con il bordo del contenitore sottostante. “Questa osservazione ci permette di ottenere informazioni sulla struttura sottostante”, spiega il ricercatore. Purtroppo, Non sono stati trovati resti del meteorite.

Inoltre, la NASA ha catturato ulteriori elementi sottili dallo spazio che hanno rivelato l’area dell’impatto: una struttura semicircolare che è stata descritta come “quasi perfetta”. Questa osservazione è stata fatta da un gruppo di ricercatori pionieristici che furono tra i primi a proporre Chicxulub come luogo dell'impatto.

Durante l'esplorazione, gli scienziati sono rimasti sorpresi dai dati magnetici e gravitazionali che la compagnia petrolifera messicana aveva precedentemente raccolto nella sua ricerca di petrolio. Questi dati rivelarono una formazione estesa e perfettamente circolare, che avevano riconosciuto come un cratere da impatto. Kevin Pope, uno scienziato della NASA coinvolto nello studio dell'archeologia Maya, ha fornito maggiori dettagli su questa straordinaria scoperta.

Il destino dei resti dell'asteroide è sconosciuto

cratere meteoritico

Solo una piccola parte del colossale oggetto celeste riuscì a sopravvivere. I ricercatori evidenziano che numerosi frammenti sono stati espulsi con la forza dal nostro pianeta, ma solo alcuni si sono conservati o sono difficili da localizzare.

Secondo la loro ipotesi, una parte del materiale sarebbe andata incenerita durante l'urto, mentre il resto frammenti Furono gradualmente sepolti diverse centinaia di metri sotto la superficie nel corso di milioni di anni..

Tuttavia, i resti dell'asteroide si possono ancora trovare nello Yucatán, anche se in piccole quantità. Un recente studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Science nel 2021 ha rivelato che i ricercatori hanno scoperto tracce di polvere di asteroidi all’interno dell’area dell’impatto. Questo fatto può essere attribuito all'esistenza dell'iridio, un elemento metallico comunemente presente negli asteroidi, presente nel cratere.

Secondo l'articolo, i dati in esame hanno scoperto una notevole anomalia dell'iridio all'interno della massima sequenza di anelli della struttura d'impatto di Chicxulub, che È stato ottenuto da una carota recuperata durante la spedizione IODP-ICDP 364.

L'Università di Austin ha condotto una spedizione oceanica durante la quale hanno portato alla luce rocce dal nucleo del cratere del fondale marino dello Yucatan. Questa scoperta rivoluzionaria ha comportato l’identificazione di picchi di iridio che hanno fornito prove sostanziali a favore della teoria dell’asteroide Chicxulub.

Ulteriori risultati

Nel corso degli anni sono emersi ulteriori risultati che si ritiene possano derivare dall'impatto di Chicxulub. Recentemente, nel 2022, il New York Times ha pubblicato un articolo in cui annunciava il ritrovamento di resti fossili in un deposito situato nel Nord Dakota, negli Stati Uniti. Questi risultati sollevano la possibilità che questi frammenti possano essere collegati all’asteroide responsabile dell’evento Chicxulub.

Durante un colloquio con la NASA, Robert DePalma, paleontologo a capo della ricerca, ha affermato che i resti scoperti potrebbero fornire preziose informazioni sulla natura di questo oggetto. Anche se si ritiene che sia un asteroide, esiste la possibilità che possa anche essere una cometa.

Durante quel periodo, ha espresso fiducia nel processo di identificazione dell'oggetto misterioso in corso, affermando: "Una volta che saremo in grado di identificarne la natura, rimarremo senza dubbio stupiti dalla nostra scoperta". La teoria di DePalma risale ai resti di roccia fusa espulsi con forza durante l'impatto, subendo una trasformazione in sferule di vetro man mano che si raffreddavano. Queste sferule, secondo l'esperto, "si depositarono all'interno della resina dell'albero, che fungeva da involucro protettivo ambrato, preservandone lo stato originale". Ciò che DePalma scoprì furono rocce inalterate intrappolate all'interno di queste formazioni vetrose.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più su dove è caduto il meteorite che ha estinto i dinosauri e sulle sue caratteristiche.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.