Cos'è la rete cosmica e come collega tutte le galassie dell'universo?

la rete cosmica

Grazie alla tecnologia e al progresso della scienza rispetto all'universo, ci ha aiutato a cambiare la percezione dell'essere umano. Dal pensare di essere il centro dell'universo allo scoprire che tutto è connesso con a rete cosmica delle galassie diffuse in tutto l'universo. Ed è quella rete cosmica che è responsabile dell'origine di tutte le galassie e funge da collegamento tra di esse.

In questo articolo vi diremo cos'è la rete cosmica, quali sono le sue caratteristiche e come collega tutte le galassie dell'universo.

Cos'è la rete cosmica

rete cosmica

La ragnatela cosmica è una struttura simile a una ragnatela che sostanzialmente collega l'intero universo. Cominciò a formarsi poco dopo il Big Bang, e da esso si formarono le prime galassie.

La rete cosmica è costituita da filamenti di idrogeno e materia oscura. Questa rete collega tutti gli elementi dell'universo attraverso questi stessi filamenti. EÈ nel punto in cui i filamenti si intersecano che si creano le galassie.

Questo è un concetto un po' complicato da immaginare. Per essere in grado di rappresentarlo graficamente, bisogna pensare in un quadro generale, e questo è ciò che studiano i cosmologi, la dinamica dell'universo. L'organizzazione di questa struttura sembra seguire un modello gerarchico, fino alla scala dei superammassi e dei filamenti. È la struttura più grande da cui possiamo comprendere l'universo.

Infine, Se dovessimo pensare a una mappa dell'universo, sarebbe la rete cosmica.. Nell'immagine sottostante potete farvi un'idea di come fosse la struttura madre da cui si sono formate le prime galassie. Questa è la migliore visione finora della struttura su larga scala del nostro universo.

Come potete vedere?

rete di giunzione galattica

Si tratta di un team di scienziati provenienti da tutto il mondo che utilizza due tecnologie fondamentali: il Long-Range Telescope (VLT) e il Multiple Unit Spectroscopic Explorer (MUSE) dell'ESO (European Southern Observatory).

Con questi due strumenti, gli scienziati sono riusciti a vedere la luce del gas che forma i filamenti della rete cosmica. Dovevano guardare una regione del cielo più profonda di prima.

Sono riusciti a catturare l'immagine più profonda mai catturata. Prima di allora, il record era detenuto da Hubble, il cosiddetto Hubble Ultra Deep Field (HUDF). Questa è un'immagine emessa circa 13 miliardi di anni fa, solo 800 milioni di anni dopo il Big Bang.

Nuove immagini ora ottenute mostrano la luce del gas emesso dai filamenti della struttura, cioè stiamo vedendo un gruppo di galassie che si sono formate nel passato. È come se scoprissimo il ritratto dell'universo di un bambino mille anni prima della sua nascita.

L'universo ha ora circa 13.800 miliardi di anni. Cioè, la luce di questa rete di universi è il passato dell'universo, ed è la nascita dell'intera galassia.

Rete cosmica e gravità

unione di tutte le galassie

Per anni, i cosmologi hanno sviluppato simulazioni al computer della struttura dell'universo per creare un "modello standard di cosmologia". Per questo, utilizzato la radiazione cosmica a microonde, o radiazione dal fondo cosmico, come punto di partenza. corrispondenti alle osservazioni dell'universo visibile primordiale raccolte da strumenti come il Planck Space Observatory.

I suoi calcoli hanno mostrato che mentre l'universo cresceva e si formava, la materia veniva riunita dalla gravità in filamenti e nodi, come una gigantesca rete cosmica. I nuovi risultati del telescopio Keck da 10 m alle Hawaii sono il risultato di uno sforzo congiunto degli scienziati dell'Università della California, Santa Cruz, e del Max Planck Institute for Astronomy di Heidelberg, in Germania. Costituiscono le prime osservazioni dirette del gas freddo che adorna tali reti cosmiche.

La rete proposta dal Modello Standard è composta principalmente da misteriosa "materia oscura". Sebbene invisibile di per sé, questa sostanza sfuggente esercita un'attrazione gravitazionale sulla luce visibile e sulla materia ordinaria vicina.

Enormi ammassi di materia oscura piegano la luce che passa vicino a loro attraverso un processo chiamato lente gravitazionale, che ha precedentemente reso possibile misurare la loro distribuzione. Ma la materia oscura molto distante è difficile da vedere in questo modo, e la normale materia fredda è difficile da rilevare.

In queste nuove osservazioni, l'idrogeno incandescente illuminato dal lontano quasar delinea un filamento nascosto di materia oscura che viene attirato verso di esso dalla gravità. È così che vengono rilevati i filamenti di cui è composta la tela cosmica.

Ci si aspetta che la materia oscura domini la massa e formi queste strutture, e quindi la materia ordinaria, il gas, le stelle e tutto il resto modelleranno i filamenti e le strutture definite dalle dinamiche della materia oscura. Gli scienziati hanno rilevato i filamenti in anticipo grazie all'uso di lenti gravitazionali che consentono loro di vedere la distribuzione della materia oscura.

Come si forma?

Le galassie non sono sparse in modo casuale, ma tendono piuttosto ad aggregarsi in strutture più grandi a causa dell'influenza della gravità. Su scala molto ampia, queste aggregazioni assumono la forma di filamenti che si intersecano in corrispondenza dei nodi, creando così la rete cosmica.

La rete cosmica si forma grazie all'influenza della materia oscura e dell'energia oscura, che abbiamo già visto sono due componenti essenziali dell'universo, anche se per la maggior parte non possono essere osservate direttamente. La materia oscura, che non emette né riflette luce, esercita una notevole forza gravitazionale, fungendo da "impalcatura" per guidare la distribuzione della materia visibile, come stelle e galassie.

I filamenti della rete cosmica sono flussi di materia oscura e gas, dove la materia normale si raggruppa a causa della gravità. In queste regioni le galassie trovano le condizioni ideali per formarsi ed evolversi. I nodi della rete cosmica sono punti di intersezione di più filamenti, ed è in questi nodi che si concentra una grande quantità di materia, formando massicci ammassi di galassie.

Questa struttura a rete è fondamentale per capire come l'universo è organizzato su larga scala e come interagiscono i suoi diversi componenti. La rete cosmica agisce come una sorta di scheletro che collega tutte le galassie, fornendo percorsi di comunicazione gravitazionale lungo i loro filamenti.

Spero che con queste informazioni tu possa saperne di più su cos'è la rete cosmica e su come sono collegate tutte le galassie.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.