Come varia l'umidità con la temperatura

umidità nelle foglie

Il livello di umidità presente nell'atmosfera può essere determinato misurando il vapore acqueo. L'umidità relativa, invece, quantifica la percentuale di acqua nell'aria rispetto alla capacità massima di vapore acqueo. All’aumentare della temperatura l’aria ha la capacità di trattenere una maggiore quantità di vapore acqueo. Quando si parla di clima, il tipo specifico di umidità menzionato è l’umidità relativa.

In questo articolo ti racconteremo come varia l'umidità con la temperatura e quali livelli di umidità sono salutari per una casa.

Cos'è l'umidità

umidità nell'ambiente

La presenza di vapore acqueo nell'aria contribuisce naturalmente all'umidità, che è una caratteristica intrinseca dell'atmosfera. La superficie terrestre, compresi laghi, oceani e mari, rilascia vapore acqueo nell'atmosfera attraverso il processo di evaporazione.

Una caratteristica degna di nota tra queste è la vasta distesa degli oceani, che contengono uno sbalorditivo 97% del contenuto totale di acqua della Terra. Il ciclo idrologico dipende dall'umidità, poiché il vapore viene costantemente prodotto per evaporazione e poi eliminato per condensazione. All’aumentare della temperatura, l’aria ha la capacità di trattenere maggiori quantità di vapore acqueo. Ciò significa che nei climi più caldi, i livelli di umidità possono raggiungere punti più alti.

Come varia l'umidità con la temperatura

misurare l'umidità

L’impatto della temperatura sui livelli di umidità interna può essere visto attraverso l’esempio della saturazione dell’aria. A 30°C, un metro cubo di aria densamente satura può contenere 28 grammi di acqua.. Tuttavia, se la temperatura scende a 8°C, la capacità scende a soli 8 grammi.

L’aria calda ha una tolleranza maggiore all’umidità rispetto all’aria fredda. Il ruolo della temperatura nella regolazione dei livelli di umidità è cruciale, soprattutto considerando che trascorriamo la maggior parte del tempo in ambienti chiusi. Per illustrare, consideriamo una giornata invernale. L'aria esterna può avere un'umidità relativa del 100% a 5°C, che equivale a circa 6,8 grammi di acqua. Tuttavia, uno La temperatura di 5°C in ambienti chiusi può risultare piuttosto fastidiosa, per questo è necessario aumentarla. Quando l'aria esterna entra nell'ambiente interno e si riscalda fino a 23°C, la quantità totale di acqua nell'aria rimane invariata. Tuttavia, a causa della maggiore capacità di ritenzione idrica dell'aria calda, l'umidità relativa scende al 33%.

È importante considerare che l’aria calda ha una maggiore tolleranza all’umidità rispetto all’aria fredda. Ad esempio, durante un'estate calda e umida, con un'umidità dell'80% e una temperatura di 30°C, l'aria esterna conterrebbe 24 grammi/m3 di acqua. Nelle nostre case una temperatura di 30°C può risultare piuttosto scomoda, per questo è necessario utilizzare l'aria condizionata per abbassarla. Tuttavia, Se quest'aria viene raffreddata a una temperatura inferiore a 26°C, L'umidità relativa raggiungerà il 100% e l'acqua si condenserà, provocando la formazione di rugiada. Per questo motivo i sistemi di climatizzazione solitamente includono un deumidificatore. Senza questo dispositivo, durante l’estate le pareti della vostra casa sarebbero completamente sature di umidità.

Quando l'umidità relativa raggiunge il 100%, Significa che l'atmosfera è completamente satura di vapore acqueo.. Di conseguenza, l’aria non riesce a trattenere ulteriore umidità, portando alla formazione di pioggia.

Il clima è responsabile delle fluttuazioni dei livelli di umidità. Nei climi più freddi, è comune trovare livelli di umidità inferiori rispetto ai climi più caldi. Questo perché l’aria fredda non può trattenere tanta umidità quanto l’aria calda. Inoltre, l’umidità tende a diminuire durante la stagione invernale. Al contrario, durante i mesi estivi, il livello di umidità aumenta poiché l’aria ha la capacità di trattenere più vapore acqueo con l’innalzarsi delle temperature. Azioni svolte quotidianamente.

Umidità interna

Come varia l'umidità con la temperatura?

I livelli di umidità interna possono essere influenzati anche dalle più piccole attività quotidiane. Varie azioni che eseguiamo entro i confini delle nostre case, come cucinare, pulire, lavare i piatti, respirare, fare il bucato e fare la doccia, hanno il potenziale per aumentare i livelli di umidità. Mantenere i livelli di umidità relativa interna entro un intervallo compreso tra il 30 e il 60% è fondamentale per garantire un ambiente sano.

La presenza di umidità e muffe nelle abitazioni contribuisce a circa il 21% del totale dei casi annui di asma, pari a 21,8 milioni di casi. Le condizioni ottimali per la crescita batterica e la formazione di muffe sono create da alti livelli di umidità. L'eccessiva umidità all'interno degli edifici può essere attribuita a diversi fattori, come perdite, infiltrazioni di acqua piovana attraverso finestre e scantinati, o anche il naturale movimento verso l'alto dell'umidità dai piani inferiori della struttura. Disturbi respiratori come asma, allergie e altre malattie correlate.

una volta l'umidità supera la soglia consigliata del 50%, l'aria comincia ad assumere un aspetto pesante e umido. Un’ulteriore escalation oltre questo punto può portare a varie complicazioni. Piccole creature conosciute come acari della polvere sono la causa di molte allergie e problemi respiratori.

È interessante notare che gli acari fanno molto affidamento sull’umidità dell’aria per sopravvivere. Queste piccole creature prosperano in ambienti con temperature moderate e elevata umidità, poiché consente loro di assorbire l'acqua. Pertanto, le aree con elevati livelli di umidità forniscono le condizioni ideali per lo sviluppo degli acari. È fondamentale essere consapevoli che questi organismi microscopici possono esacerbare allergie e asma, il che sottolinea l’importanza di mantenere livelli di umidità ottimali nelle nostre case. In questo modo possiamo ridurre efficacemente la presenza degli acari e mitigare gli effetti negativi che hanno sulla nostra salute.

Spero che con queste informazioni tu possa imparare di più su come l'umidità varia con la temperatura.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.