Periodo Cambriano

Cambriano

Nell'era Paleozoica abbiamo diversi periodi in cui il tempo geologico. La prima divisione appartiene a Cambriano. È una divisione della scala temporale geologica e il primo dei sei periodi dell'era Paleozoica. È iniziato circa 541 milioni di anni fa e si è concluso circa 485 milioni di anni fa. Il periodo successivo è l'Ordoviciano.

In questo articolo ci concentreremo su tutte le caratteristiche, geologia, clima, flora e fauna del periodo Cambriano.

caratteristiche principali

Animali cambriani

Questo periodo dell'idea paleozoica predomina nell'avere un grande impatto a livello geologico in tutto il pianeta. Si ritiene che il Cambriano copra solo 70 milioni di anni, ma la scienza è stata in grado di correggerlo grazie alle informazioni tratte dai fossili. Il ramo della geologia che si concentra su queste trasformazioni vissute dal pianeta terra sin dalla sua formazione è il geologia storica.

Tutto questo periodo riceve il nome di Cambriano dal nome che deriva da Cambria. Questo nome è la forma latinizzata di Cymru che significa Galles. Il Galles è oggi il luogo in cui sono stati identificati i primi resti geologici appartenenti a questo periodo. Lungo questa divisione geologica c'è una grande esplosione di vita registrata per la prima volta nei fossili. Si possono distinguere i primi organismi multicellulari più complessi delle spugne o delle meduse.

Tra le creature più importanti di questo periodo ci sono le alghe verdi che hanno un diametro di appena pochi millimetri a causa dei trilobiti. Questi trilobiti sono un famoso gruppo di artropodi che sono riusciti a sopravvivere a due estinzioni di massa. Questa comparsa della vita è chiamata esplosione del Cambriano ed è stato uno dei grandi eventi che hanno segnato il confine tra il periodo neoproterozoico e quello cambriano.

Geologia del periodo Cambriano

Documenti fossili

Durante questo periodo si pensa che i continenti fossero il risultato della frammentazione di un grande supercontinente che già esisteva il Neoproterozoico e che si chiamava Pannotia. Il più grande frammento del supercontinente è il Gondwana e si trova a sud insieme a 3 piccoli continenti chiamati Laurentia, Siberia e Baltico. Questi continenti si stavano spostando verso nord a causa del movimento del Placche tettoniche che vengono spinti attraverso correnti di convezione del mantello terrestre.

È così che la deriva dei continenti ha cominciato a formare le posizioni che conosciamo oggi. Si stima che i tassi di deriva dei continenti nel periodo Cambriano siano anormalmente alti rispetto ai periodi precedenti. Ciò significa che c'era un'elevata attività delle placche tettoniche. Grazie a questi movimenti di continenti, è stato possibile aumentare la biodiversità a livello planetario poiché sono stati creati vari ecosistemi con caratteristiche diverse.

L'oceano Panthalassa è quello che ha coperto la maggior parte dell'intero pianeta, mentre altri oceani minori come la proto-Teti e l'oceano Khanty sono stati trovati tra le acque dei continenti minori chiamati Laurentia e Baltico.

Clima cambriano

Depositi cambriani

Si ritiene che il clima del periodo Cambriano sia stato significativamente più caldo rispetto ai tempi precedenti. Durante questo periodo non c'era l'era glaciale ai poli. Cioè, nessun polo terrestre era coperto di ghiaccio. A sua volta, il periodo Cambriano è diviso in periodi: Cambriano inferiore, Cambriano medio e Cambriano superiore. Analizzeremo brevemente il clima e la geologia in ogni epoca di questo periodo.

  • Cambriano inferiore: Durante questo periodo il continente Gondwana e altre piccole masse terrestri occupavano tutte le zone equatoriali. Questo è stato conosciuto grazie alle registrazioni dei depositi di calcare nei mari abbondanti e negli epicontinentali tropicali. A quel tempo, l'orogenesi cadomiana è ciò che ha portato a periodi di emersione di grandi masse terrestri all'inizio del Cambriano.
  • Cambriano medio: durante questo tempo si è verificato un ciclo trasgressivo che è stato interrotto da due impulsi regressivi.
  • Cambriano superiore: Gran parte del continente Gondwana, che occupava posizioni più equatoriali, si stava muovendo verso latitudini più fredde. Sono stati sostituiti in posizioni poiché le masse continentali minori come Laurentia, Siberia e Australia occupavano posizioni equatoriali.

Esplosione di vita

Vita del periodo cambriano

Come accennato prima, questo periodo è noto per essere una divisione del tempo in cui c'è stata un'esplosione di vita più intensa di quanto non sia mai stato conosciuto. È conosciuta come l'esplosione del Cambriano. Questa esplosione ha dato origine alla comparsa di un'incredibile biodiversità sul pianeta che includeva molti dei gruppi di animali che conosciamo oggi.

Tra questi animali emersi troviamo i cordati di cui appartiene il genere dei vertebrati e che comprende l'uomo. Non si sa con certezza come sia stata possibile una simile scintilla di esplosione biologica. Si ritiene che possa essere stato l'ossigeno allora presente nell'atmosfera e che, grazie alle emissioni di cianobatteri e alghe che effettuavano la fotosintesi, potesse raggiungere i livelli necessari a tutti gli organismi per far crescere le loro strutture più complesse dando forme diverse della vita.

Un altro aspetto da tenere in considerazione è l'ambiente che la rendeva un po 'più ospitale con il riscaldamento del clima e l'innalzamento del livello del mare. In questo modo sono stati creati habitat marini poco profondi ideali per generare nuove forme di vita poiché vi sono grandi quantità di nutrienti.

Tuttavia, si pensa che molti scienziati hanno esagerato l'entità dell'esplosione del Cambriano a causa della proliferazione di animali con strutture dure che si sono fossilizzate più rapidamente e facilmente rispetto ai loro predecessori. Poiché di tutto questo si possono avere solo reperti fossili che dipendono dalla struttura del corpo. Se il corpo è morbido non può essere fossilizzato allo stesso modo. Ad esempio, si sa molto dei brachiopodi che vivevano in conchiglie simili a vongole e vongole e altri animali che presentano scheletri esterni articolati noti oggi come artropodi.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sul periodo Cambriano.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.