C'era una volta Marte, un breve racconto della sua evoluzione climatica

Marte e la Terra

Marte e la Terra

La settimana in cui la NASA ha rilasciato al pubblico un video che riassume il storia climatica di Marte vale la pena dedicare qualche riga all'evoluzione del vicino pianeta "rosso". Sappiamo dagli studi effettuati, dalle immagini catturate e dai campioni prelevati dalle diverse spedizioni spaziali che la sua evoluzione climatica è stata la più simile alla Terra dell'intero sistema solare.

Dalle caratteristiche marziane osservabili dalla Terra attraverso un telescopio, possiamo evidenziare un'atmosfera con nuvole bianche anche se non così estesa come sulla Terra, cambiamenti stagionali molto simili a quelli della Terra, i giorni di 24 ore, la generazione di tempeste di sabbia e l'esistenza di calotte di ghiaccio ai poli che crescono in inverno. Sembra familiare, vero?

A causa delle sue condizioni di pressione e temperatura molto basse, l'esistenza di acqua liquida sulla sua superficie sarebbe quasi impossibile, il che mostra Marte come un pianeta deserto con una sottile atmosfera di CO2. In contrappunto, la geologia marziana con un gran numero di crateri, vulcani e canyon, tra gli altri, ci ha mostrato come una delle più complete del sistema solare.

Attraverso le formazioni rocciose e geomorfologiche rinvenute è possibile ricostruire la sua evoluzione. In alcuni crateri sono stati osservati canali di deflusso, del tutto simili a quelli osservati sulla terra a seguito dell'erosione prodotta da fiumi e torrenti, che indica la continua circolazione di un fluido sulla superficie che ha prodotto tale erosione, quasi certamente acqua liquida.

La maggior parte di questi canali appaiono legati ad antichi crateri, il che ci fa pensare che il clima che ha permesso l'esistenza di acqua liquida in superficie si sia sviluppato all'inizio della storia del pianeta. Una spiegazione logica sarebbe l'esistenza di un'atmosfera antica più densa di quella attuale, con un maggiore effetto serra che farebbe alzare la temperatura.

Geomorfologia marziana

Geomorfologia marziana

Questa atmosfera non può essere composta esclusivamente da CO2 poiché i calcoli determinano che quando la quantità di questo gas nell'atmosfera genera una pressione maggiore di 2,5 bar, si condensa. Un'atmosfera di queste caratteristiche non consentirebbe di raggiungere una temperatura superficiale superiore a 220 ° K, ben al di sotto di 273 ° C, la temperatura di stabilità dell'acqua. E quindi non c'era acqua liquida.

Nel terreno più giovane vediamo i canali di sfioro, che sono grandi strutture larghe decine di chilometri e lunghe centinaia di chilometri, che iniziano nelle aree crollate del terreno. È correlato a flussi catastrofici e istantanei di acqua immagazzinata nel sottosuolo e che viene in superficie. Gran parte di tutta quest'acqua in superficie passerebbe nell'atmosfera per evaporazione, aumentando la pressione e la temperatura per effetto serra del vapore acqueo, rilasciando anche l'acqua ghiacciata e la CO2 che esistono nel suolo marziano.

Ciò accelererebbe il cambiamento climatico globale che potrebbe portare alla formazione di un oceano nelle pianure dell'emisfero settentrionale, insieme a estese calotte polari. Gli oceani andrebbero poi persi forse per infiltrazione nel sottosuolo, e il pianeta tornerebbe ad un clima "simile" a quello attuale.

Questi canali di trabocco di cui abbiamo parlato compaiono in diversi episodi nel corso della storia del pianeta, ma tutti successivamente agli antichi crateri prodotti in quello che è noto come Grande bombardamento meteorologico. Si deduce quindi che fasi di un clima freddo e desertico come quello attuale, intervallate da improvvisi episodi di clima più caldo e dall'esistenza di grandi specchi d'acqua nell'emisfero settentrionale, si sono ripetute ciclicamente nel corso della storia del pianeta.

Per maggiori informazioni: La vita su Marte, ulteriori prove a sostegno di questa possibilitàLa cometa "Siding Spring" si sta dirigendo verso Marte


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.