Blaise Pascal

Blaise Pascal

Oggi parleremo di uno degli uomini che ha avuto più difficoltà a essere riconosciuto come un famoso pensatore tutti gli uomini straordinari della storia. Riguarda Blaise Pascal. Era un matematico, fisico, filosofo, biologo, moralista e polemista. Sebbene nessuno fosse mai stato in grado di discutere i suoi enormi risultati intellettuali, era piuttosto costoso per lui essere riconosciuto come un famoso pensatore. Ha dato alcuni contributi alla scienza e alla società in generale. Molte delle sue frasi da buon pensatore sono ancora presenti nella nostra società odierna.

Pertanto, dedicheremo questo articolo per dirti tutto ciò che devi sapere sulla biografia e sulle gesta di Blaise Pascal.

Biografia di Blaise Pascal

matematico e pensatore

Lo sviluppo della scienza ha reso Blaise Pascal famoso come matematico, ma ha nascosto i suoi pensieri per molto tempo, e questi pensieri coinvolgono tutti i possibili problemi. Fortunatamente, la storia ha potuto riprendersi. Pascal era un uomo primitivo ai suoi tempi, rispetto a il suo contemporaneo René Descartes, un'inversione oscura e non sistematica.

Blaise Pascal nacque il 19 giugno 1623 a Clermont Ferrand, in Francia, e apparteneva alla famiglia aristocratica inferiore della zona. Oltre a Bryce e ai suoi genitori, la famiglia era composta da sua sorella Gilbert (il suo primo biografo) e dalla giovane Jacqueline, e hanno stabilito uno stretto rapporto con lui. Soprattutto durante la sua infanzia, la salute di Pascal era caratterizzata da debolezza fisica.

Prima dei due anni aveva già sofferto di malattie che causavano malattie intestinali e atrofia muscolare, e negli anni ha sviluppato strane fobie (come l'intolleranza al bagno o il vedere i genitori abbracciati), che gli hanno causato attacchi nervosi. Queste condizioni sembravano scomparire in seguito, ma mal di testa, depressione e dolore continuavano a esistere e avrebbero influenzato la sua vita e la sua filosofia.

Gli è stata data un'attenta educazione in modo che si sentisse in grado di raggiungere tutti i suoi obiettivi. Ha ricevuto letture di classici greci e latini e scritti di grandi umanisti, e suo padre ha segnato una forte separazione tra questioni scientifiche e religiose.

Le capacità di Blaise Pascal

blaise pascal pittura

Blaise Pascal iniziò a mostrare alcune indicazioni della sua mente prodigiosa soprattutto nel campo della matematica. A soli 11 anni, si è imbattuto nella proposizione 32 dal libro di Euclide Elements, che ci fornisce un buon esempio delle sue capacità speculative. Stava davvero segnalando la sua capacità di numeri.

Ma il suo lavoro non si limita alla teoria. Per aiutare suo padre, che era un esattore delle tasse e richiedeva molti calcoli, sviluppò una "macchina aritmetica" a 19 anni: una calcolatrice. La possibilità di questa contraddizione si diffuse moderatamente nel 1642 e divenne immediatamente evidente.

Nel 1647 accadde un evento storico: Pascal e Descartes finalmente si incontrarono. Si sono subito odiati. Nella sua grande opera filosofica "Mente", Pascal si riferiva al padre delle "Parole metodologiche" come "inutile e incerto", mentre Descartes considerava il lavoro di Clermont Ferrand "vuoto nella sua testa". Nessuno". All'epoca, l'esistenza del vuoto era uno degli argomenti più scottanti della scienza, principalmente perché spesso veniva negato: Come può esistere "qualcosa" nel "niente"?

Nel 1648 Pascal iniziò il suo esperimento con un obiettivo molto chiaro: mostrare che ciò che chiamiamo "niente" è in realtà "qualcosa", che è un problema fisico, non solo concettuale. La prova viene dal suo libro. Il rapporto tra il grande esperimento di equilibrio liquido, che spiega che la pressione atmosferica è la causa dell '"orrore del vuoto" degli oggetti, fu una delle imprese dell'epoca. Il tuo peso e la pressione dell'aria. Lo stesso Pascal era orgoglioso dei risultati e definì il suo lavoro come "il più decisivo di tutto ciò che può essere praticato su questo argomento".

Uno dei maggiori contributi alla matematica di Blaise Pascal è stato il calcolo delle probabilità.

Periodo filosofico e religioso

rappresentazione della vita di pascal

In quel momento iniziò la seconda fase della vita di Pascal, lasciando da parte la matematica e la scienza e dedicando più energie alla filosofia. Abbandonò la sua ricerca in corso, si interessò di più alla teologia e scrisse molte opere introspettive. Pascal è ossessionato dall'uso della religione e del credo come strumenti primari per scoprire idee dal profondo dell'anima.

Fu in questo momento che iniziò a raccogliere documenti che rifletteva nella sua teoria. L'opera non fu mai terminata o pubblicata, sarebbe stata stampata con il titolo "Pensieri" al momento della sua morte, e è il lavoro filosofico più importante che ha.

Intorno al 1656 la giansenista Antonie Arnaud, accusata di essere calvinista, venne in aiuto del suo amico. Vorrei scrivere per lui ciò che è noto come Lettere provinciali, che finirebbe per essere una delle migliori opere della letteratura francese. Le Lettere suscitarono grande scalpore in Francia perché era la prima volta che religione e filosofia venivano tolte dalle biblioteche e dalle aule e offerte alle persone nella loro semplice lingua. Pascal richiama l'attenzione del pubblico su questioni di importanza intellettuale.

l'eredità

Blaise Pascal rappresenta i pensatori che combinano perfettamente la fede con la scienza, la speculazione e la sperimentazione rigorosa. La sua attenzione è focalizzata su tutte le aree della conoscenza: matematica, teologia, filosofia, ecc. Tutte le informazioni gli sono state utili.

A differenza di altre persone che basano tutta la conoscenza umana sulla ragione, non ha voluto tralasciare la parte emotiva e difendere la conoscenza deve essere una perfetta combinazione di ragione e cuore. Come Schopenhauer in seguito, ha accusato la società di non comprendere apparentemente la verità sul declino morale, rendendola responsabile di esso. Pertanto, dobbiamo ricordarlo e metterlo in una posizione d'onore. Il suo critico / ammiratore Friedrich Nietzsche gli ha reso omaggio: «Pascal, che amo, mi ha insegnato infinite cose. L'unico cristiano logico della storia ”.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sulla storia e la biografia di Blaise Pascal


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.