Arcturus

Arcturus

Nelle notti primaverili e all'inizio dell'estate, qualsiasi osservatore nell'emisfero settentrionale della Terra noterà una stella luminosa nel cielo, in alto: un'arancia prominente, spesso scambiata per Marte. è Arcturus, la stella più luminosa della costellazione del Boote. È nota per essere la stella più luminosa dell'intero nord celeste.

Pertanto, dedicheremo questo articolo per raccontarti tutto ciò che devi sapere su Arturo, le sue caratteristiche e curiosità.

Arturo, la stella più brillante di tutto il nord celeste

stella arcturus

Stimano che Arturo sia una stella gigante che avverte di cosa accadrà al sole tra circa 5 miliardi di anni. L'enorme dimensione di Arturo è il risultato della rotazione interna della stella, che è il risultato della sua età avanzata. Il 90% delle stelle che vediamo nel cielo deve solo preoccuparsi di fare una cosa: convertire l'idrogeno in elio. Quando le stelle fanno questo, gli astronomi dicono che si trovano nella "zona della sequenza principale". Il sole fa proprio questo. Sebbene la temperatura della superficie del sole è inferiore a 6.000 gradi Celsius (o 5.770 Kelvin per la precisione), la sua temperatura interna raggiunge i 40 milioni di gradi, a causa della reazione di fusione nucleare. Il nucleo cresce a poco a poco, accumulando elio al suo interno.

Se aspettiamo 5 miliardi di anni, la regione interna del sole, la regione più calda, diventerà abbastanza grande da espandere lo strato esterno come una mongolfiera. L'aria calda o il gas occuperanno un volume maggiore e il sole si trasformerà in una stella gigante rossa. Considerando la sua massa, Arturo occupa un volume enorme. La sua densità è inferiore a 0,0005 la densità del sole.

Il cambiamento di colore di una stella in espansione è dovuto al fatto che il nucleo è ora costretto a riscaldare una superficie più ampia, che è come una cometa che cerca di riscaldarsi cento volte con lo stesso bruciatore. Pertanto, la temperatura superficiale diminuisce e le stelle diventano rosse. La luce rossa corrisponde ad una diminuzione della temperatura superficiale di circa 4000 Kelvin o meno. Più precisamente, la temperatura superficiale di Arturo è di 4.290 gradi Kelvin. Lo spettro di Arturo è diverso dal Sole, ma molto simile allo spettro di una macchia solare. Le macchie solari sono regioni "fredde" del Sole, quindi questo conferma che Arturo è una stella relativamente fredda.

Caratteristiche di Arturo

costellazioni

Quando una stella si espande molto velocemente, la pressione della compressione del nucleo cederà un po', quindi il centro della stella si "chiuderà" temporaneamente. Tuttavia, la luce di Arturo era più brillante del previsto. Alcune persone scommettono che questo significa che il nucleo è ora anche "riattivato" fondendo l'elio in carbonio. Ebbene, con questo precedente, sappiamo già perché Arturo è così gonfio: il caldo lo gonfia eccessivamente. Arturo è quasi 30 volte quella del sole e, stranamente, la sua massa è quasi la stessa di Astro Rey. Altri stimano che la loro qualità sia aumentata solo del 50%.

In teoria, una stella che produce carbonio dall'elio in una reazione di fusione nucleare difficilmente mostrerà un'attività magnetica come il sole, ma Arcturus emetterà raggi X morbidi, indicando che ha una corona sottile guidata dal magnetismo.

Una stella aliena

stella e cometa

Arturo appartiene all'alone della Via Lattea. Le stelle nell'alone non si muovono nel piano della Via Lattea come il sole, ma le loro orbite sono in un piano molto inclinato con traiettorie caotiche. Questo potrebbe spiegare il suo rapido movimento nel cielo. Il sole segue la rotazione della Via Lattea, mentre Arturo no. Qualcuno ha fatto notare che Arturo potrebbe provenire da un'altra galassia e scontrarsi con la Via Lattea più di 5 miliardi di anni fa. Almeno altre 52 stelle sembrano essere in orbite simili ad Arturo. Sono conosciuti come il "gruppo Arcturus".

Ogni giorno, Arturo si avvicina al nostro sistema solare, ma non si avvicina di più. Attualmente si sta avvicinando a circa 5 chilometri al secondo. Mezzo milione di anni fa, era una stella di sesta magnitudine che era quasi invisibile, ora si sta muovendo verso la Vergine a una velocità di oltre 120 chilometri al secondo.

Bootes, El Boyero, è una costellazione settentrionale facile da trovare, guidata dalla stella più luminosa della costellazione dell'Orsa Maggiore. Quasi tutti possono riconoscere la forma della padella disegnata tra la spina dorsale e la coda del Grande Carro. Il manico di questa padella punta in direzione di Arturo. È la stella più brillante in quella direzione. Alcuni fanatici della "new age" credono che ci siano Arturiani, una razza aliena tecnologicamente avanzata. Tuttavia, se ci fosse un sistema planetario in orbita attorno a questa stella, sarebbe stato scoperto molto tempo fa.

Un po 'di storia

Arturo riscalda la terra come la fiamma di una candela a una distanza di 8 chilometri. Ma non dimentichiamo che dista da noi quasi 40 anni luce. Se sostituiamo il sole con Arturo, i nostri occhi lo vedranno 113 volte più luminoso e la nostra pelle si riscalderà rapidamente. Se è fatto con la radiazione infrarossa vediamo che è 215 volte più luminoso del sole. Confrontando la sua luminosità totale con la sua luminosità apparente (magnitudine), si stima che si trovi a 37 anni luce dalla Terra. Se la temperatura superficiale è correlata alla quantità di radiazione globale che genera, si stima che il diametro debba essere di 36 milioni di chilometri, che è 26 volte più grande del Sole.

Arturo è la prima stella ad essere localizzata durante il giorno con l'aiuto di un telescopio. L'astronomo di successo fu Jean-Baptiste Morin, che usò un piccolo telescopio rifrattore nel 1635. Possiamo ripetere l'esperimento con molta attenzione, evitando a tutti i costi di puntare il telescopio vicino al sole. La data specificata per tentare questa operazione è ottobre.

Quando si tratta delle stelle di sfondo, il movimento di Arturo è notevole: un arco di 2,29 pollici all'anno. Tra le stelle più luminose solo Alpha Centauri si muove più velocemente. Il primo a notare il moto di Arturo fu Edmond Halley nel 1718. Ci sono due cose che fanno sì che una stella mostri un significativo auto-movimento: la sua vera alta velocità rispetto all'ambiente circostante e la sua vicinanza al nostro sistema solare. Arturo soddisfa entrambe queste condizioni.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più su Arturo e le sue caratteristiche.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.